Probiotico in attesa di brevetto potrebbe interrompere il biofilm della malattia di Crohn

Crohn

Immagine, biofilm a specie miste in surnatante probiotico. Credito: Case Western Reserve University School of Medicine.

I probiotici in genere mirano a riequilibrare le popolazioni di batteri nell’intestino, ma una nuova ricerca suggerisce che potrebbero anche aiutare a spezzare i biofilm resistenti nella malattia di Crohn e altri disturbi gastro-intestinali.

I biofilm vivono in comunità microbiche: forniscono un rifugio per i microbi e sono spesso resistenti agli antibioticiUn nuovo studio descrive uno specifico mix probiotico che potrebbe aiutare i pazienti con malattie gastrointestinali ad eliminare biofilm dannosi che possono peggiorare i loro sintomi.

Vedi anche,Trovata una nuova chiave per il trattamento del morbo di Crohn.

Lo studio ha valutato la capacità di un nuovo probiotico di prevenire e curare i biofilm contenenti lieviti e batteri, in particolare le specie che prosperano nelle viscere danneggiate. I biofilm possono contenere una miscela polimicrobica infettiva di batteri e funghi che vivono tutti insieme sotto una spessa melma protettiva. Queste comunità polimicrobiche sono resistenti agli antibiotici, ma possono essere antagonizzate da altri microbi. Secondo il nuovo studio, altri microbi che vivono nell’intestino o somministrati tramite probiotici possono aiutare a rompere i biofilm.

In una serie di esperimenti pubblicati su The American Society for Microbiology di mBio, i ricercatori della Case Western Reserve University e University Hospitals (UH) Cleveland Medical Center hanno fatto crescere del lievito (Candida spp) e batteri (Escherichia coli e Serratia marcescens) in biofilm. Hanno quindi esposto i biofilm a un promettente mix probiotico identificato in uno studio precedente: una parte di lievito, tre parti di batteri e una piccola quantità di amilasi (un enzima presente nella saliva). 

Le immagini del microscopio hanno mostrato che i biofilm esposti al mix erano comunità più libere che erano complessivamente più sottili e più deboli rispetto ai biofilm non trattati.

Il probiotico in attesa di brevetto potrebbe interrompere il biofilm della malattia di Crohn
Prevenzione del biofilm con filtrato probiotico e amyalse. Credito: Case Western Reserve University School of Medicine.

I ricercatori hanno scoperto che il probiotico funzionava in parte indebolendo il lievito che viveva nei giovani biofilm. Il lievito all’interno del biofilm era limitato nella crescita e non formava strutture riproduttive che aiutassero a seminare nuova crescita ed espansione del biofilmI ricercatori hanno concluso che il loro nuovo mix probiotico potrebbe aiutare a prevenire i biofilm dannosi in persone con malattie infiammatorie intestinali o altre condizioni gastrointestinali.

Un probiotico può prevenire e curare i biofilm che si trovano nell’intestino”, ha detto l’autore senior dello studio Mahmoud A. Ghannoum. ” Il biofilm intestinale è correlato alla malattia di Crohn e al cancro del colon-retto”. Ghannoum è Professore e Direttore del Center for Medical Mycology presso Case Western Reserve School of Medicine e UH.

I precedenti lavori di Ghannoum condotti presso la School of Medicine e UH hanno mostrato i tre tipi di microbi che i ricercatori hanno sviluppato all’interno dei loro biofilm (specie Candida, E. coli e S. marcescens) che sono significativamente elevati nelle viscere delle persone con malattia di Crohn. Insieme formano un biofilm particolarmente denso in grado di innescare l’infiammazione nell’intestino. I probiotici potrebbero rappresentare un nuovo modo di gestire un’infiammazione.

Morbo di Crohn
Micrografia ad alto ingrandimento della malattia di Crohn. Biopsia dell’esofago. H & E macchia. Credito: Nephron / Wikipedia

I ricercatori hanno inoltre studiato i biofilm trovati nei pazienti con malattia di Crohn coltivando lievito e batteri in diverse combinazioni. Hanno scoperto che le specie di lievito Candida hanno più probabilità di allearsi con i batteri nei biofilm rispetto ad altre specie di lievito. Ulteriori risultati mostrano che sia Candida albicans che Candida tropicalis formano biofilm spessi quando coltivati ​​insieme a batteri E. coli e S. marcescens. Altre specie di lievito non candida potevano formare solo biofilm sottili, non più spessi di quelli di una singola specie coltivata da sola. I risultati indicano che le specie Candida formano con maggiore proibabilità biofilm densi e resistenti nell’intestino dei pazienti e possono essere comunque sensibili al probiotico.

Il liquido probiotico stesso è stato riempito di microbi interi e benefici prima del test, che hanno lasciato dietro di sé metaboliti ed enzimi secreti. I ricercatori stanno ora esaminando esattamente quali fattori secreti all’interno della miscela sono responsabili degli effetti anti-biofilm. Hanno anche chiesto un brevetto sul loro probiotico.

“Il prossimo passo per il nostro probiotico in attesa di brevetto è di condurre studi clinici per dimostrare la sua efficacia in malattie come il Crohn, la colite ulcerosa e la sindrome dell’intestino irritabile e il cancro“, ha detto Ghannoum.

Il probiotico in attesa di brevetto è attualmente commercializzato come BIOHM Probiotici , un probiotico per la salute digestiva generale.

Fonte, ScienceDaily

 


Altri articoli su Crohn