HomeSaluteVitamina D: come migliora la salute cardiovascolare

Vitamina D: come migliora la salute cardiovascolare

(Vitamina D e salute cardiovascolare-immagine Credit Public Domain).

Liberata dal sole, la vitamina D è una fonte naturale di uno degli ormoni essenziali per il nostro corpo, in particolare per le ossa. Ma quando sei a corto di questo nutriente essenziale, non sono solo le tue ossa a soffrirne, ma anche la tua salute cardio, secondo una nuova ricerca dell’Università del South Australia.

Nel primo studio di questo tipo, i ricercatori dell’Australian Centre for Precision Health dell’UniSA presso SAHMRI hanno trovato le prime prove genetiche per un ruolo della carenza di vitamina D nello sviluppo di malattie cardiovascolari.

- Advertisement -

Lo studio, pubblicato oggi sull’European Heart Journal, mostra che le persone con carenza di vitamina D hanno maggiori probabilità di soffrire di malattie cardiache e pressione sanguigna più alta, rispetto a quelle con livelli normali di vitamina D. Per i partecipanti con le concentrazioni più basse il rischio di malattie cardiache era più del doppio di quello osservato nelle persone con concentrazioni sufficienti.

A livello globale, le malattie cardiovascolari (CVD) sono la principale causa di morte, con circa 17,9 milioni di vittime all’anno. In Australia, la malattia cardiovascolare è responsabile di un decesso su quattro e costa all’economia australiana cinque miliardi di dollari ogni anno, più di qualsiasi altra malattia.

Basse concentrazioni di vitamina D sono comuni in molte parti del mondo, con i dati della biobanca britannica che mostrano che il 55% dei partecipanti ha bassi livelli di vitamina D (<50 nmol/L) e il 13% ha una grave carenza (<25 nmol/L). L).

Vedi anche:Vitamina D e infiammazione: quale legame?

- Advertisement -

Bassi livelli di vitamina D sono registrati in circa il 23% delle persone in Australia, nel 24% delle persone negli Stati Uniti e nel 37% delle persone in Canada.

Il ricercatore capo dello studio, la Prof.ssa Elina Hyppönen dell’UniSA, afferma che apprezzare il ruolo della carenza di vitamina D per la salute del cuore potrebbe aiutare a ridurre il carico globale delle malattie cardiovascolari.

“Una grave carenza è relativamente rara, ma negli ambienti in cui ciò si verifica è molto importante essere proattivi ed evitare effetti negativi di tale carenza sul cuore. Ad esempio, la carenza può essere un problema per le persone che vivono in strutture residenziali che possono avere un’esposizione limitata al sole”, afferma il Professor Hyppönen.

“Possiamo anche ottenere la vitamina D dal cibo, compreso il pesce azzurro, le uova e gli alimenti e le bevande fortificati. Detto questo, il cibo è purtroppo una fonte relativamente povera di vitamina D e anche una dieta altrimenti sana in genere non ne contiene abbastanza. Se non otteniamo vitamina D attraverso l’esposizione al sole, questo è uno dei rari nutrienti per i quali a volte abbiamo bisogno di assumere un integratore giornaliero per stare al passo con il fabbisogno. Comprendere la connessione tra bassi livelli di vitamina e CVD è particolarmente importante, data la prevalenza globale di questa condizione mortale. I nostri risultati sono entusiasmanti in quanto suggeriscono che se possiamo aumentare i livelli di vitamina entro le norme, dovremmo anche influenzare i tassi di CVD. Nella nostra popolazione di studio, aumentando i livelli di vitamina almeno a 50 nmol/L, stimiamo che il 4,4% di tutti i casi di CVD si potrebbero prevenire”.

Questo studio mendeliano su larga scala ha utilizzato un nuovo approccio genetico che ha permesso al team di valutare come l’aumento dei livelli di vitamina D può influenzare il rischio di malattie cardiovascolari. Lo studio ha utilizzato informazioni provenienti da 267.980 persone che hanno permesso al team di fornire solide prove statistiche per il legame tra carenza di vitamina e CVD.

“Non è etico reclutare persone con carenza di vitamina in uno studio controllato randomizzato e lasciarle senza trattamento per lunghi periodi”, afferma il Prof. Hyppönen.“È esattamente questo tipo di ambiente difficile che dimostra la potenza del nostro approccio genetico, dato che possiamo mostrare come il miglioramento delle concentrazioni influenzi il rischio nei più bisognosi, senza esporre i partecipanti a nessun danno. Quelli con le concentrazioni più basse rischiano di avere gli effetti più forti, tuttavia un approccio a livello di popolazione per sradicare la carenza di vitamina D potrebbe ridurre l’onere globale delle malattie cardiovascolari”.

Le linee guida (2012) dell’Australian and New Zealand Bone and Mineral Society (ANZBMS) e dell’Osteoporosis Australia (OA) classificano i risultati della vitamina D come segue:

  • inferiore a 30 nmol/L: carente
  • livelli di 30-50 nmol/L: leggermente carente
  • livelli superiori a 50 nmol/L: sufficiente per la salute delle ossa

Fonte: European Heart Journal 

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...