HomeSaluteSistema ImmunitarioVitamina D e infiammazione: quale legame?

Vitamina D e infiammazione: quale legame?

(Vitamina D-Immagine Credit Public Domain).

Gli scienziati hanno recentemente acquisito informazioni su come funziona la vitamina D per ridurre l’infiammazione causata dalle cellule immunitarie che potrebbero essere rilevanti per le risposte in COVID-19 grave. In uno studio pubblicato congiuntamente dalla Purdue University e dal National Institutes of Health, gli scienziati si occupano di questo legame.

Majid Kazemian, assistente Professore nei dipartimenti di informatica e biochimica della Purdue University, è stato co-autore principale dello studio altamente collaborativo, insieme al Dott. Behdad Afzali, capo della sezione di immunoregolazione del National Institutes of Health del National Institute of Diabetes e malattie dell’apparato digerente e dei reni.

- Advertisement -

“Il nostro lavoro individua un meccanismo mediante il quale la vitamina D riduce l’infiammazione causata dalle cellule T. Queste sono cellule importanti del sistema immunitario e implicate come parte della risposta immunitaria all’infezione che causa il COVID-19. Ulteriori ricerche, in particolare studi clinici e test nei pazienti, sono necessarie prima che questa intuizione possa essere adottata ad opzione di trattamento ”. ha detto Kazemian. “Non raccomandiamo l’uso della normale vitamina D in farmacia. Nessuno dovrebbe assumere più delle dosi raccomandate di vitamina D nel tentativo di prevenire o combattere le infezioni da COVID”.

Vedi anche: Vitamina D: la carenza compromette la funzione muscolare

Precedenti studi hanno dimostrato la capacità della vitamina D di ridurre l’infiammazione causata dalle cellule T nel polmone, caratteristica dei casi più gravi e pericolosi di COVID-19. Ma altrettanto importante quanto capire che un farmaco funziona è capire il come e il perché sia per massimizzare i benefici che per ridurre al minimo i danni e per aprire la strada a trattamenti futuri.

Se gli scienziati capiscono come funziona la vitamina D per combattere l’infiammazione, capiranno di più su come funzionano sia il farmaco che le malattie correlate, aprendo la strada a nuovi farmaci ancora più efficaci.

- Advertisement -

Kazemian e il suo team hanno iniziato studiando come i virus influenzano le cellule polmonari in uno studio precedente. Scoprendo che i virus possono innescare un percorso biochimico, noto come sistema del complemento immunitario, i ricercatori hanno iniziato a cercare modi per interrompere quel percorso e migliorare la successiva infiammazione.

Il team ha studiato e analizzato singole cellule polmonari di otto persone con COVID, cosa possibile solo grazie all’esperienza di Kazemian con il sequenziamento dei geni e il data mining. I ricercatori hanno scoperto che nelle cellule polmonari delle persone con COVID, parte della risposta immunitaria stava andando in overdrive, esacerbando l’infiammazione polmonare.

“Nelle infezioni normali, le cellule Th1, un sottoinsieme di cellule T, attraversano una fase pro-infiammatoria”, ha detto Kazemian. “La fase proinfiammatoria elimina l’infezione, quindi il sistema si spegne e passa alla fase antinfiammatoria. La vitamina aiuta ad accelerare questa transizione dalla fase proinfiammatoria a quella antinfiammatoria delle cellule T. Questo teorizza che la vitamina D potrebbe potenzialmente aiutare i pazienti con grave infiammazione causata dalle cellule Th1.

Nei pazienti con COVID-19, la fase proinfiammatoria delle cellule Th1 sembra non essere spenta, probabilmente perché i pazienti non avevano abbastanza vitamina D nel loro sistema o perché qualcosa nella risposta delle cellule alla vitamina D era anormale. “In tal caso”, affermano i ricercatori, “l’aggiunta di vitamina D ai trattamenti esistenti sotto forma di un metabolita endovenoso altamente concentrato prescritto, può ulteriormente aiutare le persone a riprendersi dalle infezioni da COVID, sebbene non abbiano testato questa teoria”.

“Abbiamo scoperto che la vitamina D, una forma specializzata, non la forma che si può ottenere in farmacia, ha il potenziale per ridurre l’infiammazione in provetta e abbiamo capito come e perché lo fa”, ha detto Kazemian. Tuttavia, è importante capire che non abbiamo condotto uno studio clinico e che i risultati dei nostri esperimenti in provetta devono essere testati in studi clinici su pazienti reali”.

La ricerca è stata pubblicata su Nature Immunology.

Fonte: Nature Immunology 

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...