HomeSaluteVirus e parassitiOmicron sta sovraccaricando il dibattito sul richiamo del vaccino COVID

Omicron sta sovraccaricando il dibattito sul richiamo del vaccino COVID

(Omicron-Immagine: un operatore sanitario somministra vaccini di richiamo COVID-19 in un centro di vaccinazione a Berlino. Credito: Sean Gallup/Getty).

Stanno crescendo i dati secondo cui i booster jab migliorano la protezione, ma la loro durata, impatto e capacità di annullare la nuova variante Omicron sono sconosciuti.

Le prove ci sono: i richiami dei vaccini contro il COVID-19 forniscono un ulteriore livello di protezione contro la malattia. Ma le domande continuano a convergere su quanto aiuteranno e quanto spesso saranno necessari – e la scoperta della variante Omicron ha sovralimentato il dibattito sul loro ruolo.

- Advertisement -

I dati del mondo reale provenienti da Israele e dal Regno Unito indicano che una dose di richiamo di uno dei vaccini a base di mRNA ampiamente utilizzati riduce drasticamente la probabilità di una persona di contrarre SARS-CoV-2 e di ammalarsi. E diversi mesi dopo che Israele è diventato il primo paese al mondo a mettere a disposizione di tutti i booster, il numero di casi giornalieri rimane basso.

Tali dati hanno contribuito a influenzare le autorità sanitarie che erano fredde all’idea di booster per tutti. Ora, sperando di stare al passo con la minaccia di Omicron, i funzionari della Sanità Pubblica in tutto il Nord America e in Europa stanno esortando tutti gli adulti a ricevere una dose aggiuntiva di vaccino. Sono in lavorazione anche booster specifici per varianti, ma i medici invitano le persone a non aspettare: le vaccinazioni con i vaccini disponibili oggi potrebbero aiutare a scongiurare un’ondata di infezioni da Omicron.

Se la variante compromette le prestazioni del vaccino, una protezione extra contro il virus potrebbe richiedere quattro o più richiami, possibilmente con nuove formulazioni del vaccino, aumentando le domande sulla necessità di continuare a potenziare indefinitamente. La variante Omicron ha anche ulteriormente offuscato le previsioni su come le campagne di richiamo influenzeranno la traiettoria della pandemia.

“Sfortunatamente”, afferma l’immunologo Ali Ellebedy della Washington University School of Medicine di St. Louis, nel Missouri, “stiamo ancora vivendo nell’incertezza”.

- Advertisement -

Anche prima dell’arrivo di Omicron, molti ricercatori nel campo della salute globale si sono opposti a diffuse campagne di richiamo, mentre i tassi di immunizzazione rimangono abissalmente bassi in vaste aree del mondo. I booster hanno già stimolato il dibattito su questioni di equità e priorità delle limitate risorse vaccinali e gli scienziati temono che la fretta dei paesi ricchi di offrire più booster di fronte a Omicron aggraverà ulteriormente lo squilibrio globale dei vaccini – una disparità che molti ricercatori sanitari affermano che probabilmente ha contribuito alla nascita e alla rapida diffusione di Omicron.

Diamo un’occhiata a tre domande scottanti che potrebbero plasmare politiche di sostegno mentre il mondo deve affrontare un’altra nuova variante.

Avremo bisogno di booster regolari?

Dipende.

Prima di Omicron, Ellebedy e molti altri immunologi pensavano che la terza dose sarebbe stata sufficiente. Gli attori del sistema immunitario che ricordano i patogeni incontrati in precedenza – le cellule B e T della memoria – hanno resistito bene nel tempo e sembrava che la maggior parte delle persone con due o tre dosi di un vaccino COVID-19 avrebbe mantenuto una protezione a lungo termine contro la forma grave della malattia e morte.

“La nostra risposta immunitaria a questi vaccini è davvero robusta se sei sano. A parte eventuali enormi varianti a sorpresa, non vedo alcun motivo per cui dovremmo ottenere una quarta dose“, ha detto Ellebedy a Nature poche ore prima delle prime notizie su Omicron.

La nuova variante potrebbe cambiare il quadro immunologico. “Tra le molte mutazioni di Omicron, poche sembrano in grado di compromettere la capacità delle cellule T di riconoscere il virus e attaccare le cellule infette”, osserva Alessandro Sette, un biologo presso il La Jolla Institute for Immunology in California. “Ma questi sono i primi giorni”, avverte, “e sono necessari molti altri esperimenti per valutare l’impatto della variante!.

Anche se le forze immunitarie del corpo rimangono forti e gli individui vaccinati rimangono protetti dai peggiori danni di COVID-19, i problemi di salute pubblica potrebbero giustificare ulteriori booster su tutta la linea, possibilmente su base abbastanza regolare.

Vedi anche:Omicron: come è stata trovata la nuova variante?

Ad esempio, se i tassi di trasmissione comunitaria rimangono elevati, dosi extra di vaccino potrebbero controllare la diffusione virale aumentando il numero di “anticorpi neutralizzanti” che impediscono direttamente al virus di entrare nelle cellule. I livelli di questi anticorpi diminuiscono nel tempo dopo la vaccinazione, limitando la loro capacità di sopprimere le ondate di infezione. Se Omicron risulta essere altamente trasmissibile, i booster potrebbero essere particolarmente utili: tendono a suscitare un’ampia gamma di anticorpi, almeno alcuni dei quali dovrebbero mantenere l’attività contro la variante di Omicron.

In caso contrario, i produttori di vaccini hanno un piano di riserva: almeno quattro aziende hanno iniziato a sviluppare candidati di richiamo specifici per Omicron. Ci vorranno mesi prima che qualcuno di questi arrivi sul mercato, quindi le agenzie di sanità pubblica continuano a raccomandare booster standard per il momento.

I booster aiuteranno a frenare la pandemia?

A giudicare dall’esperienza israeliana, la strategia sembra funzionare. Prima della sua campagna di richiamo di massa, il paese – scosso dal doppio smacco della variante Delta e dall’indebolimento dell’immunità – aveva uno dei più alti tassi di infezione giornaliera al mondo. Il numero dei casi è ora ben al di sotto del picco di settembre. E sebbene alcuni individui con tripla vaccinazione siano risultati positivi per Omicron negli ultimi giorni, i loro sintomi rimangono lievi e non ci sono prove di diffusione virale incontrollata.

“Non stiamo ancora vedendo alcuna riduzione dell’efficacia dei booster”, afferma Dvir Aran, uno scienziato di dati biomedici presso il Technion – Israel Institute of Technology di Haifa.

La ricerca negli ultimi mesi suggerisce che altri posti potrebbero avere un successo simile. L’ecologo patologico Marm Kilpatrick e il suo studente laureato Billy Gardner presso l’Università della California, Santa Cruz, hanno modellato l’impatto delle iniziative di richiamo sulle dinamiche di trasmissione, tenendo conto di fattori come la copertura vaccinale e i precedenti livelli di infezione.

Sulla base delle stime nazionali degli Stati Uniti, dove circa il 60% degli individui è completamente immunizzato e si pensa che circa la metà della popolazione abbia una storia di infezione positiva, i ricercatori hanno scoperto che un’ampia spinta di richiamo come quella ora raccomandata dai funzionari federali potrebbe ridurre il numero di riproduzione del virus, t , che è il numero di persone che un individuo con COVID-19 può continuare a infettare , di circa il 30%.

Le proiezioni nel Regno Unito hanno anche scoperto che i richiami dei vaccini possono aiutare a piegare la curva della pandemia. “Stavamo camminando verso quello che avrebbe potuto essere un focolaio piuttosto grande se non avessimo fatto dei booster”, afferma Matt Keeling, epidemiologo matematico dell’Università di Warwick, nel Regno Unito.

La modellazione di Keeling e dei suoi coautori ha scoperto che se le terze dosi generano una protezione duratura, i booster dovrebbero ridurre i tassi di ospedalizzazione per COVID-19 in Inghilterra e mantenerli al di sotto dei livelli attuali per almeno due anni. Ma se la protezione svanisce più rapidamente, potrebbe essere necessario prendere dei richiami ogni 6-12 mesi per evitare picchi di ricoveri ospedalieri e decessi. Il lavoro di Keeling, come quello di Kilpatrick, è stato pubblicato come preprint, ma non ancora sottoposto a peer review.

Le campagne di richiamo nelle nazioni ad alto reddito stanno rallentando gli sforzi per vaccinare il resto del mondo?

I produttori di tutto il mondo stanno attualmente producendo circa 1,5 miliardi di dosi di vaccino COVID-19 al mese, quindi in linea di principio dovrebbe essere possibile offrire booster nei paesi più ricchi senza ostacolare la fornitura di prima e seconda vaccinazione in luoghi con bassi tassi di immunizzazione.

“Il problema è che la maggior parte di queste dosi sono concentrate in alcune parti del mondo e non arrivano dove sono più necessarie”, afferma Andrea Taylor, ricercatrice di politiche sanitarie presso il Duke Global Health Institute di Durham, nella Carolina del Nord. E fino a quando il mondo non affronterà questioni come la logistica delle consegne, l’equa definizione delle priorità e le infrastrutture sanitarie, il divario tra chi ha e chi non ha il vaccino si allargherà.

Madhukar Pai, epidemiologo della McGill University di Montreal, in Canada, dice: “Omicron dovrebbe essere un campanello d’allarme sulla necessità di un’azione collettiva in risposta alla pandemia. Ma temo che stiamo imboccando un percorso in cui fondamentalmente non cambierà nulla”.

Fonte:Nature

 

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...