Vaccinazione HPV e fertilità

HPV

Il vaccino contro il papillomavirus umano (HPV) è usato per prevenire infezioni da HPV a trasmissione sessuale e tumori cervicali. Le persone che non sono vaccinate e contraggono l’HPV possono sperimentare futuri problemi di fertilità associati all’infezione.

 Il vaccino attualmente approvato dalla FDA è stato ampiamente testato e ha dimostrato di essere sicuro ed efficace con effetti collaterali limitati. Tuttavia, un recente studio di ricerca ha riacceso le preoccupazioni storiche del pubblico riguardo alla vaccinazione contro l’HPV e al rischio di insufficienza ovarica primaria e infertilità nelle donne.

Che cos’è l’HPV?

Esistono più di 100 tipi di HPV che vengono trasmessi sessualmente o attraverso qualsiasi contatto pelle a pelle nell’area genitale. Gli HPV a basso rischio causano principalmente la formazione di verruche su genitali, ano, bocca e gola, mentre gli HPV ad alto rischio, in particolare HPV 16 e HPV 18, sono associati a tumori correlati all’HPV. Questi virus colpiscono principalmente le cellule squamose che formano la superficie interna di vari organi genitali, causando una varietà di tumori correlati all’HPV, come il cancro cervicale, il cancro anale, il cancro del pene, il cancro vaginale e il cancro vulvare.

Quanto è efficace la vaccinazione contro l’HPV?

Esiste un vaccino contro l’HPV, Gardasil 9, che è attualmente approvato per l’uso negli Stati Uniti e concesso in licenza nel 2014. In precedenza era stata concessa in licenza una versione precedente di Gardasil e un altro vaccino chiamato Cervarix. Attualmente, la vaccinazione HPV approvata dalla FDA fornisce protezione contro le infezioni causate da 2 HPV a basso rischio e 7 ad alto rischio. Il vaccino è composto da 2 dosi che vengono somministrate a distanza di 6-12 mesi.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, il vaccino HPV dovrebbe essere somministrato a ragazzi e ragazze all’età di 11 o 12 anni; tuttavia, il vaccino può anche essere somministrato all’età di 9 anni.

Il vaccino è più efficace se somministrato a qualcuno prima che diventi sessualmente attivo, mentre potrebbe non essere efficace se somministrato dopo aver contratto l’infezione.

Le donne in gravidanza o le persone con malattia da moderata a grave o allergie gravi non devono vaccinarsi. Gli effetti collaterali più comuni della vaccinazione contro l’HPV sono dolore, arrossamento o gonfiore nel sito di iniezione, nausea, mal di testa e vertigini.

La vaccinazione contro l’HPV provoca infertilità?

Dopo l’approvazione iniziale del vaccino HPV nel 2006 da parte della FDA, c’erano preoccupazioni pubbliche riguardo alla sicurezza del vaccino con particolare attenzione alla possibilità che potesse causare insufficienza ovarica primaria o menopausa precoce. 

In aggiunta a questa preoccupazione, nel 2014 è stato pubblicato un caso clinico dall’Australia che riportava tre casi di insufficienza ovarica prematura inspiegabile in ragazze adolescenti in cui si ipotizzava una reazione avversa alla vaccinazione Gardasil (HPV4) come possibile spiegazione.

L’autore di un recente studio che ha analizzato i dati del National Health and Nutrition Examination Survey su 8 milioni di donne americane ha riportato una correlazione tra donne che non vaccinate e la gravidanza.

Almeno il 60% delle donne che non hanno ricevuto il vaccino contro l’HPV rimane incinta almeno una volta durante il periodo del sondaggio (2007-2014), mentre solo il 35% delle donne che hanno ricevuto il vaccino è rimasta incinta. 

Vedi anche,  La vaccinazione contro l’HPV previene lo sviluppo del cancro cervicale?

Gli autori hanno concluso che in una fascia di età compresa tra 25 e 29 anni, le donne che hanno ricevuto il vaccino contro l’ HPV hanno meno probabilità di rimanere incinta rispetto alle donne che non sono state vaccinate.

Secondo i dati raccolti dal database del sistema di segnalazione degli eventi avversi del vaccino, sono stati segnalati tre casi di insufficienza ovarica primaria su 29 milioni di dosi del vaccino Gardasil 9 HPV distribuito negli Stati Uniti tra dicembre 2014 e dicembre 2017, ma non c’erano abbastanza informazioni per confermare una diagnosi medica di insufficienza ovarica primaria.

Gli autori di un recente studio su 200.000 giovani donne che hanno ricevuto vari vaccini nell’adolescenza, incluso il vaccino HPV, non hanno trovato alcuna correlazione tra la vaccinazione HPV e un aumento del rischio di insufficienza ovarica primaria. I ricercatori hanno calcolato che tra 58.871 giovani donne che hanno ricevuto il vaccino HPV, solo una donna ha mostrato i sintomi dell’insufficienza ovarica primaria, suggerendo che è improbabile che il vaccino HPV influenzi la fertilità nelle giovani donne.  

L’infezione da HPV influisce sulla salute riproduttiva e sulla fertilità sia negli uomini che nelle donne. Soprattutto negli uomini, l’HPV influisce negativamente su vari parametri dello sperma, inclusa la motilità. Il virus può anche aumentare la morte cellulare trofoblastica e diminuire l’impianto di cellule trofoblastiche nell’utero. Questi fattori possono potenzialmente aumentare il rischio di aborto spontaneo, rottura prematura della membrana o parto spontaneo prematuro.

Nelle donne sottoposte a fecondazione intrauterina, l’infezione da HPV è associata a un tasso di gravidanza più basso. In queste circostanze si può ritenere che un vaccino progettato per prevenire l’infezione da HPV dovrebbe migliorare le possibilità di una donna di avere una gravidanza con successo.

Al momento non ci sono prove affidabili che collegano i vaccini HPV attuali o precedenti con problemi di fertilità. Tuttavia, date le domande sollevate dai casi clinici e dalle recenti controversie accademiche sul modo in cui vengono condotte ampie revisioni sistematiche della sicurezza del vaccino contro l’HPV, è chiaro che sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire in modo conclusivo se ci sono motivi per associare la vaccinazione contro l’HPV con qualsiasi riduzione nella fertilità maschile o femminile.

È importante ricordare che molti studi sull’esito del vaccino hanno riferito che il vaccino HPV è sia sicuro che altamente efficace nella prevenzione delle infezioni cancerogene.

Fonte, National Cancer Institute


Altri articoli su HPV