Dieta vegetale o vegana potrebbe peggiorare la carenza di nutrienti per la salute del cervello

dieta vegetale

“L’ assunzione di una dieta vegetale e vegana rischia di peggiorare l’assunzione già bassa di un nutriente essenziale coinvolto nella salute del cervello”, avverte una nutrizionista nella rivista online BMJ Nutrition, Prevention & Health.

A peggiorare le cose, il governo del Regno Unito non è riuscito a raccomandare o monitorare i livelli dietetici di questo nutriente — la colina “presente principalmente negli animali”, afferma la Dott.ssa Emma Derbyshire, di Nutritional Insight, specializzata in nutrizione e scienze biomediche.

La colina è un nutriente dietetico essenziale, ma la quantità prodotta dal fegato non è sufficiente per soddisfare le esigenze del corpo umano.

Vedi anche, Dieta a base vegetale porta alla remissione della malattia di Crohn, in un caso report.

La colina è fondamentale per la salute del cervello, in particolare durante lo sviluppo fetale. Influisce anche sulla funzionalità epatica, con carenze legate alle irregolarità nel metabolismo dei grassi nel sangue e al danno cellulare in eccesso dei radicali liberi”, scrive la Dr.ssa Derbyshire.

Le fonti primarie di colina dietetica si trovano in manzo, uova, latticini, pesce e pollo, con livelli molto più bassi trovati in noci, fagioli e verdure crocifere, come i broccoli.

Nel 1998, riconoscendo l’importanza della colina, l’Istituto americano di medicina ha raccomandato l’assunzione giornaliera minima che va da 425 mg / die per le donne a 550 mg / die per gli uomini e 450 mg / die e 550 mg / die per le donne in gravidanza e in allattamento, rispettivamente, a causa del ruolo critico che il nutriente ha nello sviluppo fetale.

Nel 2016 l’Autorità europea per la sicurezza alimentare ha pubblicato requisiti giornalieri simili. Tuttavia, i sondaggi dietetici nazionali in Nord America, Australia ed Europa mostrano che l’assunzione abituale di colina, in media, non è all’altezza di queste raccomandazioni.

“Questo è …. preoccupante dato che le tendenze attuali sembrano essere verso la riduzione della carne e le diete a base vegetale”, afferma Derbyshire che elogia il primo rapporto EAT-Lancet per  un piano alimentare sano basato sulla promozione della sostenibilità ambientale, ma suggerisce che l’assunzione limitata di latte intero, uova e proteine ​​animali potrebbe influenzare l’assunzione di colina.

“Bisogna fare di più per educare gli operatori sanitari e i consumatori sull’importanza di una dieta ricca di colina e su come raggiungerla”, scrive la Dr.ssa.

“Se la colina non viene ottenuta nei livelli necessari dalle fonti alimentari di per sé, saranno necessarie strategie di integrazione, soprattutto in relazione alle fasi chiave del ciclo di vita, come la gravidanza, quando l’assunzione di colina è fondamentale per lo sviluppo del bambino“, conclude Derbyshire.

Fonte, Medicalxpress