La vaccinazione contro l’HPV previene lo sviluppo del cancro cervicale?

papilloma virus

Molte persone, ad un certo punto della vita, saranno esposta al virus del papilloma umano (HPV). Nella maggior parte delle donne, l’infezione da HPV sarà eliminata dal sistema immunitario. Quando il sistema immunitario non cancella il virus, l’infezione persistente da HPV può causare lo sviluppo di cellule cervicali anormali. Queste cellule sono conosciute come “precancro” cervicale perché con il passare del tempo creano lesioni che possono progredire in cancro cervicale se non trattate.

Esistono molti diversi tipi di HPV. Alcuni sono associati allo sviluppo di lesioni cervicali che possono diventare cancerose e sono considerati come tipi di HPV ad alto rischio. Due di questi tipi ad alto rischio (HPV16 e HPV18) rappresentano circa il 70% di tutti i casi di cancro cervicale in tutto il mondo. Sono stati sviluppati vaccini che aiutano il sistema immunitario a riconoscere determinati tipi di HPV. Poiché il cancro cervicale può richiedere diversi anni per svilupparsi, gli organismi di regolamentazione e le agenzie sanitarie internazionali come l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) considerano le lesioni cervicali come la misura di esito preferita per gli studi sui vaccini HPV.

Un team di ricercatori Cochrane ha riassunto i risultati di 26 studi su 73.428 donne condotti in tutti i continenti negli ultimi otto anni. La maggior parte delle donne partecipanti agli studi aveva meno di 26 anni, sebbene tre studi avessero reclutato donne tra i 25 ei 45 anni. Gli studi erano ben progettati e le donne erano state trattate o con un vaccino HPV o con un placebo. La revisione ha valutato le prove per due vaccini: il vaccino bivalente che ha come bersaglio HPV16 e 18 e il vaccino quadrivalente che ha come bersaglio HPV16 / 18 e due tipi di HPV a basso rischio che causano verruche genitali. Il nuovo vaccino che ha come bersaglio nove tipi di HPV non è stato incluso nella revisione poiché non è stato confrontato con un placebo in uno studio controllato randomizzato.

La revisione ha esaminato due gruppi di persone: donne che sono libere da HPV, ma ad alto rischio al momento della vaccinazione e le donne indipendentemente dallo stato dell’ HPV prima della vaccinazione. Gli effetti del vaccino sono stati misurati come precancro associato a HPV16 / 18 e precancro indipendentemente dal tipo di HPV. La revisione ha esaminato  dieci studi che hanno valutato i dati della lesione cervicale tra i tre e gli otto anni dopo la vaccinazione.

Nessuno degli studi ha seguito i partecipanti abbastanza a lungo da rilevare un effetto sul cancro cervicale. I ricercatori hanno invece esaminato le lesioni cervicali precancerose ed hanno scoperto che nelle giovani donne che non avevano l’HPV, la vaccinazione ha ridotto il rischio di sviluppare il precancro. Circa 164 su 10.000 donne che hanno ricevuto il placebo e 2 su 10.000 donne che hanno ottenuto il vaccino, hanno continuato a sviluppare il precancro cervicale.

( Vedi anche:Il fungo shiitake può combattere HPV e cancro cervicale

I ricercatori hanno anche esaminato i dati di tutte le donne arruolate indipendentemente dal fatto che fossero esenti da HPV durante la vaccinazione o meno. Tra le donne di età compresa tra 15 e 26 anni, i vaccini hanno ridotto il rischio di precancro cervicale associato all’ HPV16 / 18 da 341 a 157 per 10.000. La vaccinazione HPV ha ridotto anche il rischio di eventuali lesioni precancerose da 559 a 391 per 10.000.

Nelle donne anziane vaccinate da 25 a 45 anni il vaccino HPV non ha funzionato altrettanto bene. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che le donne più anziane hanno maggiori probabilità di essere già state esposte.

Le prove dimostrano anche che i vaccini non sembrano aumentare il rischio di gravi effetti collaterali che erano di circa il 7% in entrambi i gruppi vaccinati o di controllo HPV. I ricercatori non hanno rilevato un aumento del rischio di aborto nelle donne che sono rimaste incinte dopo la vaccinazione. Tuttavia, sottolineano che sono necessari più dati per fornire maggiore certezza sugli effetti collaterali molto rari e sugli effetti dei vaccini sui tassi di natimortalità e sui bambini nati con anomalie in quelle donne che sono rimaste incinte al momento della vaccinazione.

L’autore principale dello studio, il Dr. Marc Arbyn, dell’unità Cancer Epidemiology, Belgian Cancer Center, Sciensano, ha dichiarato: “I risultati di questa revisione dovrebbero essere considerati nel contesto di molteplici studi di sorveglianza globale che sono stati condotti dal Comitato Consultivo Globale sulla sicurezza dei vaccini da parte dell’OMS dal momento che le vaccinazioni sono state autorizzate. Il comitato ha concluso che il profilo rischio-beneficio dei vaccini per HPV rimane favorevole ed esprime preoccupazione per affermazioni ingiustificate di danno che mancano di prove biologiche ed epidemiologiche. Il Comitato ha incoraggiato le autorità sanitarie a continuare la sorveglianza e l’esame per potenziali eventi avversi “.

Il Dr. Jo Morrison, consulente in ginecologia oncologica presso il Musgrove Park Hospital di Somerset, nel Regno Unito, ha dichiarato: “La vaccinazione mira ad indurre il sistema immunitario a produrre anticorpi in grado di bloccare la successiva infezione naturale da HPV. Questi dati mostrano che l’immunizzazione contro l’infezione da HPV protegge dal precancro cervicale ed è probabile che questo ridurrà i tassi di cancro cervicale in futuro, ma non potrà prevenire tutti i tumori del collo dell’utero ed è per questo importante eseguire uno screening regolare, anche dopo la vaccinazione”.

Fonte: Cochrane


Altri articoli su papilloma virus