I ricercatori trovano il fattore protettivo contro la malattia di Alzheimer

alzheimer

I ricercatori del Centro tedesco per le malattie neurodegenerative (DZNE) e l’Istituto per la ricerca sull’ictus e la demenza (ISD) presso l’Ospedale universitario del Ludwig-Maximilians-Universität (LMU) di Monaco hanno scoperto che una proteina chiamata TREM2 potrebbe influenzare positivamente il corso della malattia di Alzheimer. 

Quando TREM2 è presente nel liquido cerebrospinale a concentrazioni più elevate, i pazienti in qualsiasi stadio della malattia hanno una prognosi migliore. Questa osservazione fornisce un punto di partenza per lo sviluppo di nuove strategie terapeutiche. Lo studio è stato condotto dal Prof. Christian Haass (DZNE) e dal Prof. Michael Ewers (ISD, LMU) ed è pubblicato sulla rivista ” Science Translational Medicine “.

Vedi anche, I biofisici scoprono come la mutazione australiana porta alla malattia di Alzheimer.

Nel cervello, TREM2 è prodotto esclusivamente dalla microglia, le cellule immunitarie del cervello. Queste cellule pattugliano il cervello e lo liberano dai rifiuti cellulari e dai detriti per mantenerlo sano. In precedenti studi sui topi, Haass e i suoi colleghi hanno dimostrato che TREM2 attiva la microglia per racchiudere e distruggere selettivamente aggregati proteici tossici tipici della malattia di Alzheimer. “Queste osservazioni indicano che TREM2 può proteggere il cervello dagli effetti degenerativi della malattia – almeno nei modelli animali”, ha detto Haass.

E i pazienti con malattia di Alzheimer? TREM2 protegge anche il cervello umano? 

Per rispondere a queste domande, Haass, Ewers e i loro colleghi hanno osservato la concentrazione di TREM2 nel liquido cerebrospinale dei pazienti con Alzheimer con la rispettiva progressione della malattia per diversi anni. A tal fine, hanno utilizzato i dati di 385 soggetti dell’Alzheimer’s Disease Neuroimaging Initiative (ADNI), un ampio set di dati clinici contenente campioni di pazienti e anziani sani prelevati a controlli regolari nel corso di molti anni. Lo studio consente quindi di stabilire associazioni tra alcuni cambiamenti biochimici e la progressione della malattia.

In effetti, Haass ed Ewers hanno scoperto che alti livelli di TREM2 hanno migliorato la prognosi dei soggetti in tutte le fasi della malattia. La loro memoria è rimasta più stabile e il degrado dell’ippocampo, una regione del cervello responsabile dell’apprendimento e del ricordo, è stato meno pronunciato.

I nostri risultati sono clinicamente rilevanti perché abbiamo scoperto che livelli più elevati di TREM2 erano associati anche a un tasso ridotto di sviluppo della demenza in piena regola per un periodo di tempo fino a 11 anni. L’attivazione della microglia è un’arma a doppio taglio, che comporta sia effetti protettivi che infiammazione neurotossica. La segnalazione TREM2 può svolgere un ruolo chiave nella regolazione della risposta immunitaria protettiva del cervello “.

Il Prof. Michael Ewers, Institute for Stroke and Dementia Research (ISD) presso l’Ospedale Universitario del Ludwig-Maximilians-Universität (LMU), dice:

“La concentrazione di TREM2 nel liquido cerebrospinale di solito aumenta nelle prime fasi della malattia, quando compaiono i primi sintomi”, e aggiunge:

“La produzione di TREM2 è una risposta al danno cerebrale che si è già verificato“, ha detto Haass. “Stimola la microglia a proteggere il cervello. Tuttavia, questa protezione non sembra essere sufficiente nei pazienti con malattia di Alzheimer”.

 È qui che Haass e i suoi colleghi vedono un’opzione per nuove strategie terapeutiche. “Attualmente stiamo sviluppando un anticorpo terapeutico che stimola la funzione TREM2 e quindi migliora la sua funzione protettiva”, ha detto Haass.


Altri articoli su alzheimer