Prozac combatte uno dei tumori infantili più mortali, il neuroblastoma

0
64

Immagine, le cellule T killer circondano una cellula cancerosa. Credito: NIH

Il farmaco antidepressivo Prozac potrebbe essere usato per combattere il neuroblastoma, uno dei tumori infantili più mortali e forse altri tipi di cancro, secondo gli scienziati.

La fluoxetina, il nome chimico di Prozac, lavora per combattere il neuroblastoma altamente aggressivo che è più comune nei bambini piccoli. La ricerca, che è una vera svolta, è stata guidata dalla Brunel University di Londra e potrebbe risparmiare il trattamento dei giovani pazienti con cocktail altamente tossici di farmaci chemioterapici e radiazioni.

“Prozac ha il potenziale per essere usato nei bambini con neuroblastoma come nuovo ed efficace farmaco anticancro, ma con meno tossicità rispetto agli attuali trattamenti contro il cancro”, ha affermato il Professor Arturo Sala. Nell’articolo pubblicato in Oncogenesi, il team dimostra che Prozac può stabilizzare una proteina codificata dal gene CDKN1B che uccide le cellule del neuroblastoma e ne rallenta la crescita. E soprattutto, le dosi necessarie sono sicure per i bambini.

Possiamo parlare veramente di “un importante progresso clinico”.

I ricercatori hanno scoperto un numero significativamente inferiore di metastasi (quando il cancro si diffonde da una parte all’altra del corpo) in organi come fegato, reni e midollo osseo nei topi trattati con Prozac.

Vedi anche, Nuova combinazione di farmaci per il trattamento del neuroblastoma

L’idea di usare Prozac per curare il cancro è venuta dopo che studi precedenti avevano scoperto che le persone in trattamento a lungo termine per le malattie psicotiche hanno tassi di cancro più bassi.

Lavorando con l’Università D’Annunzio di Chieti – Pescara, i ricercatori hanno fatto la scoperta usando uno strumento di modifica genetica chiamato CRISPR che ha permesso loro di colpire il gene CDKN1B che è sottoregolato nei tumori con mutazione dell’oncogene MYC, come il neuroblastoma.

“Prozac potrebbe potenzialmente trattare anche altri tumori”, ha affermato il Prof. Sala: “Poiché Prozac prende di mira le cellule tumorali che esprimono MYC, potrebbe essere usato per trattare una vasta gamma di tumori umani con alta espressione di MYC, ad esempio grandi assassini come il cancro al seno  o cancro alla prostata“.

Il neuroblastoma è il tumore più comunemente diagnosticato nel primo anno di vita ed è responsabile della maggior parte dei decessi per cancro nei bambini. Anche con chirurgia, radioterapia e chemioterapia, il paziente medio con malattia metastatica ad alto rischio vive meno di 3 anni. La ricaduta è comune, quindi trovare un farmaco meno tossico per prolungare la remissione potrebbe cambiare la vita dei piccoli pazienti.

“I risultati di questo studio”, ha affermato il Prof. Sala, “giustificano l’apertura di studi clinici in cui i trattamenti a lungo termine con Prozac potrebbero essere inclusi nelle terapie di consolidamento o post-consolidamento in pazienti ad alto rischio di recidiva della malattia”.

Fonte, Nature