Ricercatori cinesi rivelano il genoma del virus implicato nell’epidemia di polmonite di Wuhan

0
8

Gli scienziati si sono preoccupati della mancanza di trasparenza della Cina in merito al focolaio di polmonite sviluppatosi un mese fa nella città di Wuhan e hanno emesso un sospiro di sollievo oggi, dopo che un consorzio di ricercatori ha pubblicato una bozza del genoma del coronavirus appena scoperto sospettato di causare l’epidemia.

“Un momento potenzialmente molto importante nella salute pubblica globale, deve essere celebrato. Tutti coloro che sono coinvolti a Wuhan, in Cina e non solo, hanno ringraziato e riconosciuto tutto il merito”, ha scritto Jeremy Farrar, capo del Wellcome Trust a Londra, in un tweet. “Condivisione di dati utili alla salute pubblica, ottima scelta per coloro che hanno svolto il lavoro”.

 La Commissione della salute di Wuhan ha affermato che finora 41 persone sono state confermate infettate dal nuovo virus; nessun nuovo paziente è stato identificato dal 3 gennaio.

La notizia della sequenza è arrivata da Edward Holmes, un virologo e biologo evoluzionista dell’Università di Sydney in Australia, che ha twittato il primo avviso sulla disponibilità di quella che ha definito una sequenza “iniziale” del virus questa mattina presto. Holmes è membro di un consorzio guidato da Yong-Zhen Zhang del Shanghai Clinical Health Clinical Center e School of Public Health che ha pubblicato la sequenza su un sito ad accesso aperto, virological.org. Il consorzio ha dichiarato di aver depositato anche la sequenza in GenBank. L’analisi è iniziata immediatamente. Il biologo evoluzionista Andrew Rambaut dell’Università di Edimburgo ha calcolato che il virus ha una somiglianza dell’89% con un membro dei Sarbecovirus, correlato alla SARS, un sottogenere all’interno del genere Betacoronavirus.

Vedi anche, La Cina segnala la prima morte per epidemia di polmonite misteriosa (Aggiornamento)

Kevin Olival, vicePresidente per la ricerca dell’EcoHealth Alliance a New York City, ha pubblicato un albero filogenetico su Twitter e ha concordato che il nuovo virus “si raggruppa definitivamente” con i coronavirus correlati alla SARS. (Più tardi nel corso della giornata, Rambaut ha criticato il fatto che Olival non ha attribuito credito ai ricercatori che hanno isolato il virus e lo hanno sequenziato. “Questo è uno dei motivi per cui le persone sono reticenti nel condividere i dati”, ha scritto Rambaut su Twitter. “Nessun riconoscimento da dove provengono i dati o a chi li ha generati. L’albero filogenetico è persino marchiato con un logo”).

Ralph Baric, un ricercatore che lavora ai coronavirus presso l’Università della Carolina del Nord, nota che dei quattro noti virus trasmessi dai pipistrelli e collegati alla SARS in grado di infettare l’uomo, questo è il più distante dalla stessa SARS. Dopo aver scaricato la sequenza ieri sera, il suo laboratorio ha immediatamente iniziato a provare a decodificare la sequenza da un virus vivo per sviluppare test anticorpali e iniziare esperimenti su modelli animali. (With reporting by Martin Enserink).

Fonte, Science