La cannabis per inalazione riduce di quasi la metà il mal di testa e l’emicrania

0
22
A beautiful sheet of cannabis marijuana in the defocus with the image of the formula THC CBD CBN abstract

La cannabis per inalazione riduce la gravità del mal di testa del 47,3% e la gravità dell’emicrania del 49,6%, secondo un recente studio condotto da Carrie Cuttler, assistente Professore di psicologia alla Washington State University.

Lo studio, pubblicato online di recente sul Journal of Pain, è il primo a utilizzare i big data provenienti da pazienti con emicrania e mal di testa che usano cannabis in tempo reale. Precedenti studi hanno chiesto ai pazienti di ricordare l’effetto del consumo della cannabis. C’è stato uno studio clinico che ha indicato che la cannabis era migliore dell’ Ibuprofene per alleviare il mal di testa.

“Siamo stati motivati ​​a fare questo studio perché un numero considerevole di persone afferma di usare cannabis per mal di testa ed emicrania, ma sorprendentemente pochi studi hanno affrontato l’argomento “, dice Carrie Cuttler, autore principale dell’ articolo.

Nello studio della WSU, i ricercatori hanno analizzato i dati dell’ archivio dall’app Strainprint che consente ai pazienti di tenere traccia dei sintomi prima e dopo l’uso di cannabis medica acquistata da produttori e distributori canadesi. Le informazioni sono state inviate da oltre 1.300 pazienti che hanno utilizzato l’app oltre 12.200 volte per tracciare i cambiamenti nel mal di testa prima a dopo l’uso di cannabis e altri 653 che hanno utilizzato l’app più di 7.400 volte per monitorare i cambiamenti nella gravità dell’emicrania.

Vedi anche, Un ingrediente della cannabis è efficace contro i superbatteri

Cuttler e i suoi colleghi non hanno trovato prove che la cannabis causasse “mal di testa da abuso”, una trappola dei trattamenti più convenzionali che possono aggravare il mal di testa dei pazienti nel tempo. Tuttavia, hanno osservato che i pazienti che assumevano dosi più elevate di cannabis, nel tempo avrebbero potuto sviluppare tolleranza al farmaco.

Lo studio ha riscontrato una piccola differenza di genere con una maggiore riduzione del mal di testa riportata dagli uomini (90,0%) rispetto alle donne (89,1%). I ricercatori hanno anche notato che i concentrati di cannabis, come l’olio di cannabis, hanno prodotto una riduzione maggiore dei livelli di gravità del mal di testa rispetto ai fiori di cannabis.

Non c’era, tuttavia, alcuna differenza significativa nella riduzione del dolore tra i ceppi di cannabis con più alti o più bassi  livelli di tetraidrocannabinolo (THC) e cannabidiolo (CBD), due dei componenti chimici più comunemente studiati nella cannabis, noti anche come cannabinoidi. Poiché la cannabis è composta da oltre 100 cannabinoidi, questa scoperta suggerisce che diversi cannabinoidi o altri componenti come i terpeni possono svolgere un ruolo centrale nel trattamento del mal di testa e  dell’emicrania.

Sono necessarie ulteriori ricerche e Cuttler riconosce i limiti dello studio Strainprint poiché si basa su un gruppo di persone auto-selezionato e non è stato possibile impiegare un gruppo di controllo placebo.

Sospetto che ci siano alcune lievi sopravvalutazioni di efficacia”, ha detto Cuttler. “La mia speranza è che questa ricerca motiverà i ricercatori ad intraprendere il difficile lavoro di condurre studi controllati con placebo. Nel frattempo, questo studio almeno fornisce ai pazienti che usano cannabis terapeutica e ai loro medici un po’ più informazioni su cosa potrebbero aspettarsi dall’uso della cannabis per gestire queste condizioni “.

Fonte, Journal of Pain