L’alto indice di massa corporea può migliorare la sopravvivenza nel carcinoma polmonare non a piccole cellule

0
21

Una nuova ricerca della Flinders University indica che, in alcuni casi, un indice di massa corporea (IMC) superiore o medio – spesso collegato a tumori, diabete, malattie cardiovascolari e altre malattie – può migliorare la possibilità di sopravvivenza nel carcinoma polmonare non a piccole cellule.

Concentrandosi sugli studi clinici con Atezolizumab, un trattamento immunoterapico comune per il carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC), i ricercatori australiani hanno riscontrato una migliore risposta al farmaco in soggetti con un indice di massa corporea elevato (BMI).

Il risultato sorprendente, pubblicato oggi su JAMA Oncology, è in contrasto con i normali avvertimenti sui rischi per la salute dei pazienti in sovrappeso e obesi.

“Questo è un risultato interessante e aumenta il potenziale per indagare ulteriormente su altri tumori e altri farmaci anti-cancro “, afferma il ricercatore capo Dr. Ganessan Kichenadasse, ricercatore di oncologia medica presso il Flinders Center for Innovation in Cancer.

“Dobbiamo fare ulteriori studi sul possibile legame tra BMI e infiammazione correlata per comprendere i meccanismi alla base della risposta paradossale a questa forma di trattamento del cancro“.

“Studi precedenti hanno esplorato un concetto chiamato “paradosso dell’obesità” in cui l’obesità è associata ad un aumento dei rischi per lo sviluppo di alcuni tumori e, controintuitivamente, può proteggere e dare maggiori benefici in termini di sopravvivenza in alcuni individui.

Vedi anche, Identificati due obiettivi terapeutici per il carcinoma polmonare mortale

“Il nostro studio fornisce nuove prove a supporto dell’ipotesi che l’alto indice di massa corporea e l’obesità possano essere associati alla risposta all’immunoterapia”, afferma il Dott. Kichenadasse.

I ricercatori di Flinders hanno scoperto che i pazienti con NSCLC in trattamento con Atezolizumab e con elevato indice di massa corporea (BMI> 25 kg / m 2 ) in quattro studi clinici hanno avuto una riduzione significativa della mortalità, apparentemente beneficiando della terapia con inibitori del checkpoint immunitario (ICI).

Le opzioni terapeutiche per questa forma di carcinoma polmonare sono in rapida evoluzione e includono ICI, farmaci molecolari mirati e chemioterapie.

“Mentre il nostro studio ha esaminato solo la linea di base e durante il trattamento, riteniamo che il ruolo potenzialmente protettivo dell’alto indice di massa corporea in altri trattamenti contro il cancro, meriti ulteriori approfondimenti”.

L’OMS stima che ogni anno muoiano almeno 2,8 milioni di persone a causa del sovrappeso o dell’obesità che portano a effetti metabolici avversi su pressione sanguigna, colesterolo, trigliceridi e resistenza all’insulina. I rischi di malattia coronarica, ictus ischemico e diabete mellito di tipo 2 aumentano costantemente con l’aumentare dell’indice di massa corporea (BMI), una misura del peso rispetto all’altezza.

Dei 1434 partecipanti alla ricerca australiana, il 49% era di peso normale, il 34% era in sovrappeso e il 7% era obeso.

Fonte, JAMA Oncology