Individuato un modo più efficace per trattare il neuroblastoma

neuroblastoma

Immagine, vista microscopica di un tipico neuroblastoma con formazione di rosette. Credito: Dr. Maria Tsokos, National Cancer Institute.

Un team di ricercatori molto numeroso, per lo più provenienti da diverse istituzioni in tutta la Germania, ha trovato quello che potrebbe essere un modo migliore per trattare i pazienti con neuroblastoma, un tipo di cancro. 

Nel loro articolo pubblicato sulla rivista Science, il gruppo descrive lo studio genetico dei pazienti con neuroblastoma, quello che hanno trovato e la loro speranza che la loro scoperta potrebbe presto essere utilizzata per trattare meglio i pazienti con il disturbo.

ll neuroblastoma comprende lo sviluppo del tumore in alcuni tipi di tessuto nervoso. È più comune nei neonati e generalmente provoca tumori nella ghiandola surrenale, sebbene a volte i tumori possano svilupparsi anche nel collo, nella colonna vertebrale o nella zona pelvica. Il neuroblastoma è il terzo tipo più comune di cancro nei bambini e rappresenta circa il 7,5% di tutte le diagnosi pediatriche. La ricerca precedente ha scoperto che in alcuni casi è molto più aggressivo di quanto non sia negli altri: nei casi peggiori infatti, uccide il paziente.  Sarebbe molto utile per i medici, sapere già alla diagnosi iniziale, quanto sia aggressivo un tumore. I ricercatori hanno cercato modi per classificare i tumori, in questo nuovo sforzo.

Vedi anche, Identificati i geni che alimentano la diffusione del neuroblastoma.

Per saperne di più su ciò che sta dietro l‘aggressività del neuroblastoma, i ricercatori hanno raccolto oltre 400 campioni di tumore e li hanno sottoposti a un’analisi che includeva la ricerca di mutazioni nei geni coinvolti nel mantenimento dei telomeri. Hanno scoperto correlazioni tra tali mutazioni e l’aggressività del neuroblastoma. I pazienti che mancavano di tali mutazioni sviluppavano tumori a basso rischio. I tumori con tali mutazioni avevano più probabilità di rappresentare tumori a rischio intermedio. Anche i tumori ad alto rischio presentavano tali mutazioni, ma avevano anche mutazioni in altre vie del gene chiave.

I ricercatori suggeriscono che le loro scoperte potrebbero portare a nuovi modi per trattare il neuroblastoma offrendo ai medici un mezzo affidabile per identificare alla diagnosi iniziale quanto sia aggressivo il tumore.

Fonte, Science

Altri articoli su neuroblastoma