Firma della resistenza ai farmaci scoperta nella malattia di Crohn

Crohn

Mappando più di 100.000 cellule immunitarie nei pazienti con malattia di Crohn, i ricercatori del Monte Sinai hanno scoperto una firma di cellule coinvolte in un tipo di malattia che non risponde al trattamento

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Cell ad agosto. 

La scoperta apre le porte all’identificazione dei biomarcatori e alla personalizzazione delle opzioni terapeutiche per i pazienti affetti da malattia di Crohn.

Lo studio ha analizzato campioni di biopsia di lesioni infiammate e non infiammate della malattia di Crohn sul tessuto dell’intestino tenue non appena è stato rimosso dai pazienti. I ricercatori hanno utilizzato il sequenziamento dell’RNA a singola cellula e la tecnologia CyTOF per esaminare le lesioni intestinali in tempo reale, identificare le cellule immunitarie e le cellule del sangue circolanti e la loro interazione all’interno e intorno alla lesione e mappare un paesaggio di migliaia di cellule nella lesione.

L’analisi ha trovato una firma di tipi cellulari precisi, mai identificati in precedenza, che si correla con la resistenza di un paziente alla terapia standard per la malattia di Crohn, un farmaco antinfiammatorio chiamato inibitore di TNF. L’inibitore di TNF è il principale agente somministrato ai pazienti con malattia di Crohn da moderata a grave, ma circa il 40 percento dei pazienti che assumono l’inibitore finisce per non rispondere ad esso o peggiorare.

“La profilazione a cellula singola potrebbe trasformare la scoperta di farmaci”, ha affermato l’autore co-corrispondente Miriam Merad, Direttore del Precision Immunology Institute presso la Icahn School of Medicine a Mount Sinai, Mount Sinai Professor in Cancer Immunology, Co -Direttore del programma di immunologia del cancro presso il Tisch Cancer Institute. 

Avere una firma per identificare i pazienti che non risponderanno all’inibitore è utile per evitare interventi chirurgici e complicanze. Sulla base dei risultati di questo studio, i ricercatori hanno già sviluppato uno studio clinico che verificherà se è possibile trovare la firma attraverso un esame del sangue quando a un paziente viene diagnosticata una malattia infiammatoria intestinale. In tal caso, i medici potrebbero evitare l’uso di un inibitore di TNF e invece utilizzare altri prodotti biologici che funzioneranno per quel paziente.

Vedi anche, Identificato potenziale target terapeutico per la malattia di Crohn.

“Abbiamo progettato questo studio in un modo che definisce l’infiammazione con una precisione senza precedenti utilizzando l’immunologia e la biologia computazionale per comprendere meglio questa malattia”, ha affermato la co-corrispondente autrice Judy H. Cho, Senior Dean for Precision Medicine, Director of Il Charles Bronfman Institute for Personalized Medicine e Professore di medicina, genetica e scienze genomiche, presso la Icahn School of Medicine. “Questi risultati enfatizzano i limiti degli attuali test diagnostici e il potenziale di strumenti di mappatura a singola cellula per identificare nuovi biomarcatori per la risposta al trattamento e opportunità terapeutiche su misura”.

Questo studio ha esaminato quattro gruppi di pazienti e ha utilizzato l’analisi a cellula singola di un gruppo per identificare la firma. I ricercatori hanno quindi sovrapposto i dati dell’analisi a singola cellula a più set di dati di grandi dimensioni costituiti dagli altri tre gruppi di pazienti i cui tessuti erano stati analizzati e i cui esiti con l’inibitore di TNF erano noti. Utilizzando un algoritmo e una biologia computazionale, i ricercatori hanno corroborato la firma identificata dai risultati della sequenza di singole cellule in più gruppi indipendenti con esiti di trattamento noti.


Altri articoli su Crohn