Alcuni composti della birra possono aiutare a trattare la sindrome metaboloica

sindrome metabolica

I ricercatori hanno rivelato che una forma di xantumolo (XN) – un flavonoide presente nel luppolo, un ingrediente essenziale della birra- e due derivati ​​idrogenati del composto possano aiutare a migliorare la resistenza all’insulina nelle persone con sindrome metabolica, così come l’apprendimento e disturbi della memoria indotti dalla condizione

Il co-autore dello studio Fred Stevens del College of Pharmacy dell’Oregon State University (OSU) di Corvallis e colleghi hanno recentemente riportato i loro risultati nella rivista Scientific Reports.

( Vedi anche:Xantumolo, composto del luppolo, riduce colesterolo, zuccheri nel sangue e peso).

La sindrome metabolica è una condizione in cui una persona ha almeno due dei cinque disordini metabolici che includono ipertensione, obesità addominale, alti livelli di trigliceridi, bassi livelli di colesterolo HDL (high-density lipoprotein) o colesterolo “buono” e glicemia alta a digiuno.

Si stima che circa il 23% degli adulti negli Stati Uniti abbiano la sindrome metabolica.

Non solo la condizione mette questi individui a rischio di altre condizioni di salute come il diabete, le malattie cardiache e l’ ictus, ma ricerche precedenti hanno scoperto che le persone con sindrome metabolica possono essere maggiormente a rischio di compromissione cognitiva.

Il nuovo studio, tuttavia, suggerisce che i composti della birra potrebbero aiutare a combattere questi ultimi, riducendo gli effetti di una delle principali cause della sindrome metabolica: una dieta ricca di grassi.

I composti hanno ridotto l’insulino-resistenza

In uno studio precedente, Stevens e il team hanno indicato XN come possibile trattamento per la sindrome metabolica, ma c’è una delle principali barriere al suo uso clinico: nel corpo umano, l’XN viene convertito in un metabolita estrogenico chiamato 8-prenilnaringenina (8-PN ), che può favorire la crescita del cancro al seno.

” 8-PN è uno dei più potenti fitoestrogeni conosciuti in natura e questa non è una buona notizia”, ​​spiega Stevens. “Se qualcuno ha assunto XN per lungo periodo di tempo, potrebbe potenzialmente avere effetti collaterali estrogenici”.

Il ricercatore osserva che per poter metabolizzare 8-PN nella molecola XN è richiesto uno specifico “doppio legame“. “[…] Ho pensato che se potessi liberarmi di quel doppio legame idrogenando la molecola, allora quel metabolita non potrebbe più formarsi”, dice Stevens. “Ho pensato che forse questa è la soluzione al problema”.

Solo un’ora di allenamento di resistenza ogni settimana può aiutare a prevenire la sindrome metabolica“, dicono i ricercatori

Stevens ed i suoi colleghi hanno testato questa teoria nel loro nuovo studio. Hanno valutato gli effetti di XN e di due derivati ​​idrogenati di XN – α, β-diidro-XN (DXN) e tetraidro-XN (TXN) – su topi con obesità causata da una dieta ricca di grassi.

Il team ha scoperto che tutti e tre i composti, in particolare il TXN, erano efficaci nel ridurre la resistenza all’insulina tra i roditori, che è un importante fattore di rischio per il diabete di tipo 2.

È interessante notare che DXN e TXN sono risultati più efficaci di XN e, cosa importante, non hanno prodotto effetti negativi.

“Probabilmente la biodisponibilità dei derivati ​​idrogenati è migliore che per XN stesso – questo spiegherebbe perché funzionano meglio”, ipotizza Stevens.

“Ora abbiamo composti che hanno ancora gli effetti benefici originali ma non gli effetti collaterali”, aggiunge. “Non ci sono effetti estrogenici sfavorevoli e la tossicità epatica indotta dalla dieta ad alto contenuto di grassi è mitigata: il nostro studio sui topi ha dimostrato che XN, DXN e TXN non sono epatotossici”.

Apprendimento e memoria migliorati

Ma i vantaggi di XN e dei suoi derivati ​​non finiscono qui.

Nel valutare i topi obesi in un labirinto di acqua, i ricercatori hanno scoperto che tutti e tre i composti hanno portato a miglioramenti nell’apprendimento spaziale e nella memoria.

Il coautore dello studio Jacob Raber, del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche dell’OSU, afferma che questa scoperta “potrebbe essere importante” per le persone che hanno problemi cognitivi a causa della sindrome metabolica.

Fonte: Medicalnews

Altri articoli su sindrome metabolica