Avvertenza rilasciata dalla FDA dopo che un paziente muore in seguito al trapianto fecale

Un avvertimento della FDA (Food and Drug Administration) statunitense è stato emesso ieri dopo che un paziente è morto a causa di un trapianto fecale che conteneva batteri resistenti ai farmaci. Tali trapianti vengono eseguiti per trattare l’ infezione da Clostridium difficile (C. difficile) in pazienti che non hanno risposto ai trattamenti standard.

Le infezioni ricorrenti da C. difficile sono causate dalla crescita eccessiva del microbo che si verifica quando la normale composizione del microbioma intestinale viene interrotta (disbiosi) con la somministrazione di antibiotici. Tipicamente, l’approccio terapeutico è l’uso di antibiotici a lungo termine. Tuttavia, la recidiva è comune e l’infezione può essere debilitante e portare a una qualità della vita significativamente ridotta e ad una cattiva salute.

Vedi anche, Individuato un obiettivo chiave per la lotta contro il Clostridium difficile.

I trapianti fecali forniscono un’alternativa agli antibiotici

Un trapianto fecale ha lo scopo di ripristinare un microbioma intestinale vario e stabile che sia linea con quello che è considerato un intestino sano.

Un trapianto di feci fornisce una combinazione favorevole di specie e ceppi microbici che integra e sostituisce un microbioma che è diventato squilibrato. Ciò ripristina la stabilità, con il microbioma risultante costituito da tutti i microrganismi necessari.

L’unica applicazione attualmente approvata per il trasferimento delle feci è il trattamento del recidivo C.difficile che recidiva dopo l’uso del trattamento antibiotico standard. Quando viene utilizzato il trapianto fecale, i tassi di recidiva sono significativamente ridotti.

In che modo i trapianti fecali aiutano i pazienti a superare le infezioni da C. difficile?

Il microbiota intestinale è diventato sempre più importante per i ricercatori che hanno scoperto sempre più come funziona e contribuisce alla salute fisica.

Un microbioma intestinale disturbato può contribuire a una serie di disturbi intestinali cronici e condizioni metaboliche come il diabete e l’obesità. In questo contesto, il trasferimento delle feci è emerso come un approccio promettente per il ripristino di un microbioma intestinale sano al fine di curare le malattie dell’intestino. L’evidenza ha dimostrato in precedenza un’assoluta efficacia quando l’approccio è usato per trattare il C. difficile ricorrente.

Tuttavia, ci sono ancora domande relative alle questioni di sicurezza e buone pratiche. Poiché cresce l’interesse per i benefici del trapianto di feci, viene messa in evidenza la potenziale necessità di una migliore regolamentazione.

Il rapporto della FDA

La FDA riferisce che due pazienti adulti con un sistema immunitario compromesso che avevano trapianto dallo stesso donatore sono stati pesantemente infettati da Escherichia coli (E.coli) che produce enzimi chiamati beta-lattamasi a spettro esteso (ESBL) .

I batteri che producono ESBL sono resistenti a molti antibiotici tra cui penicillina e cefalosporina. Gli ESBL più comunemente prodotti da E.coli sono chiamati enzimi CTX-M. Quando E.coli produce ESBL, si sviluppano infezioni del tratto urinario che possono portare a infezioni più gravi come la setticemia, che può essere fatale.

Quando E.coli produce ESBL ed è quindi resistente ai farmaci, l’infezione diventa molto più difficile da trattare.

La FDA afferma che le feci da trapiantare non erano state controllate per la presenza di batteri resistenti ai farmaci prima della procedura. Il controllo si è verificato solo una volta che i pazienti si sono ammalati, quando è stato testato un campione conservato e trovato che conteneva l’E. coli resistente che aveva infettato entrambi i pazienti.

Il fallimento della procedura ha indotto la FDA a dichiarare che tutti i potenziali donatori devono essere sottoposti a screening da ora in poi con test delle feci per i batteri resistenti ai farmaci.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), C. difficile causa quasi mezzo milione di malattie all’anno e può colpire tutte le fasce di età. Il CDC fa anche riferimento alla resistenza agli antibiotici come una delle più grandi minacce per la salute pubblica che affrontiamo oggi.

Un rapporto del CDC ha rilevato che negli Stati Uniti, almeno due milioni di individui contraggono infezioni resistenti ai farmaci, il che si traduce in morte in almeno 23.000 casi.

Fonte, NewsMedical