I medici riportano la prima morte per trapianto di microbiota fecale

trapianto fecale

Questa primavera, la Food and Drug Administration (FDA) ha annunciato che un uomo di 73 anni era morto e che un’altra persona si era ammalata dopo aver ricevuto trapianti di microbiota fecale (FMT).

Le feci dei donatori utilizzate per i trapianti contenevano un tipo relativamente raro di batteri resistenti ai farmaci chiamati E. coli che producono beta-lattamasi a spettro esteso ( E. coli che produce ESBL).

Gli eventi hanno spinto la FDA a stabilire nuove linee guida di sicurezza per i trapianti di microbiota fecale, ma l’annuncio aveva fornito pochi dettagli sui due casi, lasciando i medici desiderosi di ulteriori informazioni.

Ora, ulteriori dettagli sono stati divulgati in un articolo pubblicato sul New England Journal of Medicine (NEJM), mercoledì.

L’uomo ha ricevuto capsule di trapianto che contenevano batteri resistenti

L’uomo che era morto aveva partecipato a una sperimentazione clinica presso il Massachusetts General Hospital (MGH) e aveva ricevuto capsule di trapianto fecale (prodotte a novembre) con materiale fecale da un donatore di feci. Test eseguiti dopo la morte dell’uomo hanno rivelato che le feci contenevano il raro ceppo di E. coli resistente ai farmaci .

Gli scienziati MGH avevano iniziato lo screening per questo tipo di batteri a gennaio, ma non avevano testato le capsule che erano già state prodotte: “Non ci abbiamo pensato. La prevalenza di questi organismi negli individui sani è così bassa “, afferma Elizabeth Hohmann, che gestisce il laboratorio della MGH che ha prodotto le capsule, ” che non ci abbiamo pensato.”

I trapianti di microbiota fecale sono ancora una procedura “investigativa”

Per molti anni, i trapianti fecali sono stati offerti alle persone con C. difficile, una grave infezione che uccide più di 15.000 persone negli Stati Uniti ogni anno.

Studi clinici hanno precedentemente dimostrato che il trapianto di microbiota fecale può curare questa infezione spesso persistente. Un numero crescente di persone riceve anche trapianti per altre condizioni come allergia alle arachidi, morbo di Chron e obesità.

Tuttavia, la FDA ha annunciato tramite un portavoce che la procedura è ancora considerata “investigativa”, anche in caso di infezione da C. difficile.

Vedi anche, Trapianto di microbiota fecale per le infezione da C. difficile grave e fulminante.

Ventuno altri partecipanti hanno ricevuto stesse capsule di microbiota fecale

Due prove sono in corso presso all’MGH; una sta studiando gli effetti dell’afta epizootica prima di un trapianto di cellule staminali e l’altra sta studiando gli effetti sull’encefalopatia epatica, una malattia del cervello che può svilupparsi nelle persone con malattia epatica cronica.

In entrambi gli studi, ventuno partecipanti hanno ricevuto capsule di microbiota fecale dal donatore (identificato come donatore 46) il cui materiale fecale conteneva i batteri resistenti. Uno di questi partecipanti ha riportato gravi effetti collaterali. Alcuni altri sono risultati positivi ai batteri, ma non si sono ammalati.

I donatori sono stati sottoposti a screening intensivo

Tutti gli individui che hanno donato le feci sono stati sottoposti a screening intensi, inclusi esami del sangue, una revisione della loro storia medica e test per altri tipi di batteri resistenti come lo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (MRSA).

Alcune delle capsule prodotte dalle feci del donatore 46 sono state congelate e conservate per eventuali ulteriori test che potrebbero essere necessari. A maggio, quando i medici della MGH hanno capito che le capsule della donatrice 46 potevano essere la fonte di infezione, quei campioni immagazzinati sono stati quindi testati e sono stati prelevati campioni di sangue da pazienti sottoposti al trapianto.

Tali test hanno rivelato che i batteri trovati nel sangue dei pazienti e nelle capsule avevano una composizione genetica simile ed erano resistenti agli antibiotici simili. Inoltre, i batteri non erano stati identificati nei campioni di feci prelevati dai pazienti prima del trapianto.

“È abbastanza chiaro che si tratta di varietà identiche“, afferma Hohmann“.

Il ceppo batterico è elencato dal CDC come una “grave minaccia”

“LE. Coli trovato nelle capsule prodotte da ESBL è relativamente raro nella popolazione generale, con dati che suggeriscono che solo dall’1% al 2% delle persone negli Stati Uniti ne sono portatrici”, afferma Clifford McDonald dei Centers for Disease Control divisione Prevenzione (CDC) e promozione della qualità della sanità e esperto di infezioni da C. difficile.

Sebbene raro, il batterio è ancora considerato un problema serio perché è resistente a tanti antibiotici ed è elencato dal CDC tra i dodici batteri che sono considerati “minacce gravi”.

Un portavoce MGH ha confermato che il donatore n. 46 sembra essere sano e non ha richiesto alcun trattamento.

Il rapporto dovrebbe suonare come un campanello d’allarme

Alexander Khoruts, Direttore medico del Microbiota Therapeutics Program presso l’Università del Minnesota, afferma che il rapporto NEJM dovrebbe “far scattare campanelli d’allarme per coloro che pensavano che il trapianto fecale fosse privo di rischi” e aggiunge che i ricercatori MGH “hanno fatto la cosa giusta” condividendo i dettagli di quanto accaduto.

Khoruts spera che medici e ricercatori procederanno con più cautela in futuro quando si tratta di FMT e riconosceranno che il campo è molto più complicato di quanto avrebbero potuto pensare.


Altri articoli su trapianto fecale