HomeSalutePelleVitiligine stabile: nuovo studio rivela le caratteristiche

Vitiligine stabile: nuovo studio rivela le caratteristiche

(Vitiligine-Immagine:ulteriori immagini di microscopia multifotonica (MPM) di pazienti sottoposti a trattamento con innesto a punzone hanno mostrato che i cheratinociti metabolicamente alterati persistono nei non responder, ma si normalizzano nei responder al trattamento. Credito: UCI Scuola di Medicina).

Un nuovo studio, condotto da ricercatori dell’Università della California, a Irvine, rivela le esclusive reti di comunicazione cellula-cellula che possono perpetuare l’infiammazione e prevenire la ripigmentazione nei pazienti affetti da vitiligine stabile.

Lo studio, intitolato “L’analisi multimodale della pelle nella vitiligine, identifica le caratteristiche tissutali della malattia stabile”, è stato pubblicato oggi su JCI Insight.

- Advertisement -

“In questo studio, abbiniamo l’imaging avanzato con la trascrittomica e la bioinformatica per scoprire le reti di comunicazione cellula-cellula tra cheratinociticellule immunitarie e melanociti che guidano l’infiammazione e prevengono la ripigmentazione nella vitiligine“, ha affermato Anand K. Ganesan, MD, Ph. .D., Professore di dermatologia e vice cattedra per la ricerca dermatologica presso l’UCI School of Medicine. “Questa scoperta ci consentirà di determinare perché le macchie bianche continuano a persistere nella vitiligine stabile e potrebbe portare a nuove terapie per curare questa malattia“.

La vitiligine è una malattia autoimmune della pelle caratterizzata dalla progressiva distruzione dei melanociti, che sono cellule mature che formano la melanina nella pelle, da parte delle cellule immunitarie chiamate cellule T CD8 + autoreattive che provocano macchie deturpanti di pelle bianca depigmentata. Questa malattia ha dimostrato di causare un significativo disagio psicologico tra i pazienti. La distruzione dei melanociti nella vitiligine attiva è mediata dai linfociti T CD8 + , ma fino ad ora il motivo per cui le macchie bianche nella malattia stabile persiste era poco compreso.

Vedi anche:Vitiligine: ripigmentazione facciale con Ruxolitinib crema

“Fino ad ora, l’interazione tra cellule immunitarie, melanociti e cheratinociti in situ nella pelle umana è stata difficile da studiare a causa della mancanza di strumenti adeguati”, ha affermato Jessica Shiu, MD, Ph.D., assistente Professore di dermatologia e uno dei primi autori dello studio. “Combinando l’imaging della microscopia multifotonica non invasiva (MPM) e il sequenziamento dell’RNA unicellulare (scRNA-seq), abbiamo identificato distinte sottopopolazioni di cheratinociti nella pelle lesionata di pazienti con vitiligine stabile insieme ai cambiamenti nelle composizioni cellulari nella pelle stabile della vitiligine che guidano persistenza della malattia. Nei pazienti che hanno risposto al trattamento con innesto a punzone, questi cambiamenti sono stati invertiti, evidenziando il loro ruolo nella persistenza della malattia”.

- Advertisement -

MPM è uno strumento unico che ha ampie applicazioni nella pelle umana. MPM è una tecnica di imaging non invasiva in grado di fornire immagini con risoluzione inferiore al micron e contrasto molecolare privo di etichette che possono essere utilizzate per caratterizzare il metabolismo dei cheratinociti nella pelle umana. I cheratinociti sono cellule epidermiche che producono cheratina.

La maggior parte degli studi sulla vitiligine si è concentrata sulla malattia attiva, mentre la vitiligine stabile rimane un mistero. Sono attualmente in corso studi per indagare quando compaiono per la prima volta i cheratinociti metabolicamente alterati e come possono influenzare il processo di ripigmentazione nei pazienti sottoposti a trattamento.

I risultati di questo studio sollevano la possibilità di prendere di mira il metabolismo dei cheratinociti nel trattamento della vitiligine. Sono necessari ulteriori studi per migliorare la comprensione di come gli stati dei cheratinociti influiscono sul microambiente tissutale e contribuiscono alla patogenesi della malattia.

Fonte:JCI Insight

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...