HomeSaluteOcchiVista: esposizione alla luce rossa migliora la visione

Vista: esposizione alla luce rossa migliora la visione

Solo tre minuti di esposizione alla luce rossa profonda una volta alla settimana, se al mattino, puo’ migliorare significativamente la vista in declino, secondo un nuovo studio pionieristico dei ricercatori dell’UCL.

Pubblicato su Scientific Reports, lo studio si basa sul lavoro precedente del team che ha mostrato che l’esposizione giornaliera di tre minuti alla luce rossa profonda a onde lunghe “accende” le cellule dei mitocondri che producono energia nella retina umana, aiutando a migliorare la visione in declino naturale.

Per questo ultimo studio, gli scienziati volevano stabilire quale effetto avrebbe avuto una singola esposizione di tre minuti, utilizzando anche livelli di energia molto più bassi rispetto ai loro studi precedenti. Inoltre, basandosi su una ricerca UCL separata sulle mosche che ha scoperto che i mitocondri mostrano “carichi di lavoro mobili” a seconda dell’ora del giorno, il team ha confrontato l’esposizione mattutina con l’esposizione pomeridiana.

- Advertisement -

In sintesi, i ricercatori hanno scoperto che c’era, in media, un miglioramento del 17% nella visione del contrasto cromatico dei partecipanti quando esposti a tre minuti di luce rossa profonda a 670 nanometri (lunghezza d’onda) al mattino e gli effetti di questa singola esposizione sono durati almeno per una settimana. Tuttavia, quando è stato condotto lo stesso test nel pomeriggio, non è stato osservato alcun miglioramento.

Gli scienziati affermano che i benefici della luce rossa profonda, evidenziati dai risultati, segnano una svolta per la salute degli occhi e dovrebbero portare a terapie oculari domiciliari a prezzi accessibili, aiutando milioni di persone in tutto il mondo con una vista naturalmente in declino.

L’autore principale ello studio, il Professor Glen Jeffery (UCL Institute of Ophthalmology), ha dichiarato: “Dimostriamo che una singola esposizione alla luce rossa profonda a onde lunghe al mattino può migliorare significativamente il calo della vista, che è un importante problema di salute e benessere, che colpisce milioni di persone. globalmente. Questo semplice intervento applicato a livello di popolazione avrebbe un impatto significativo sulla qualità della vita quando le persone invecchiano e comporterebbe probabilmente una riduzione dei costi sociali che derivano da problemi associati alla riduzione della vista”.

Vedi anche:Retinite pigmentosa: iniezione di proteine ​​fotosensibili ripristina la vista

- Advertisement -

Visione e mitocondri in declino naturale

Negli esseri umani intorno ai 40 anni, le cellule della retina dell’occhio iniziano a invecchiare e il ritmo di questo invecchiamento è causato, in parte, dai mitocondri, il cui ruolo è produrre energia (nota come ATP) e potenziare la funzione cellulare, che iniziano a declinare.

La densità mitocondriale è maggiore nelle cellule dei fotorecettori della retina, che richiedono un’elevata energia. Di conseguenza, la retina invecchia più velocemente di altri organi, con una riduzione dell’ATP del 70% nel corso della vita, causando un significativo declino della funzione dei fotorecettori poiché mancano dell’energia per svolgere il loro ruolo normale.

Per studiare gli effetti della luce rossa profonda negli esseri umani, i ricercatori hanno basato le loro precedenti scoperte su topi, bombi e moscerini della frutta, che hanno tutti mostrato miglioramenti significativi nella funzione dei fotorecettori della retina quando i loro occhi sono stati esposti a una luce rossa con profondità di 670 nanometri (lunghezza d’onda). 

I mitocondri hanno sensibilità specifiche alla luce a lunghezza d’onda lunga che influenzano le loro prestazioni: lunghezze d’onda più lunghe che vanno da 650 a 900 nm migliorano le prestazioni mitocondriali per aumentare la produzione di energia”, ha affermato il Professor Jeffery.

Studi sulle applicazioni mattutine e pomeridiane della luce rossa profonda

La popolazione di fotorecettori della retina è formata da coni, che mediano la visione dei colori, e bastoncelli, che adattano la visione in condizioni di scarsa illuminazione. Questo studio si è concentrato sui coni e ha osservato la sensibilità al contrasto del colore, lungo l’asse protan (misurazione del contrasto rosso-verde) e l’asse tritan (blu-giallo).

Tutti i partecipanti avevano un’età compresa tra 34 e 70 anni, non avevano malattie oculari, avevano compilato un questionario sulla salute degli occhi prima del test e avevano una normale visione dei colori (funzione del cono) che è stata valutata utilizzando un “test di crominanza”: identificare le lettere colorate che avevano un contrasto molto basso e apparivano sempre più sfocate, un processo chiamato contrasto di colore.

Utilizzando un dispositivo LED, tutti i 20 partecipanti (13 donne e 7 uomini) sono stati esposti a tre minuti di luce rossa profonda a 670 nm al mattino tra le 8:00 e le 9:00. La loro visione dei colori è stata quindi testata nuovamente tre ore dopo l’esposizione e 10 dei partecipanti sono stati testati anche una settimana dopo l’esposizione.

In media c’è stato un miglioramento “significativo” del 17% nella visione dei colori, che è durato una settimana nei partecipanti testati; in alcuni partecipanti più anziani c’è stato un miglioramento del 20%, anche della durata di una settimana.

A pochi mesi dal primo test (assicurando che gli effetti positivi della luce rosso intenso fossero stati ‘sbiaditi’) sei (tre femmine, tre maschi) dei 20 partecipanti, hanno eseguito lo stesso test nel pomeriggio, tra le 12:00 e 1 pm. Quando i partecipanti hanno poi testato nuovamente la loro visione dei colori, non hanno mostrato alcun miglioramento.

Il Professor Jeffery ha dichiarato: “Utilizzare un semplice dispositivo a LED una volta alla settimana, ricarica il sistema energetico che è diminuito nelle cellule della retina, un po’ come ricaricare una batteria. E l’esposizione mattutina è assolutamente fondamentale per ottenere miglioramenti nella diminuzione della vista: come abbiamo visto in precedenza nelle mosche, i mitocondri hanno schemi di lavoro mutevoli e non rispondono allo stesso modo alla luce nel pomeriggio: questo studio lo conferma“.

Per questo studio l’energia luminosa emessa dalla torcia a LED era di soli 8 mW/cm 2 , anziché 40 mW /cm 2, che i ricercatori avevano utilizzato in precedenza. Sebbene entrambi i livelli di energia siano perfettamente sicuri per l’occhio umano, ridurre ulteriormente l’energia è un ulteriore vantaggio.

Terapie oculistiche domiciliari a prezzi accessibili

Con una scarsità di terapie oculari a luce rossa profonda a prezzi accessibili, il professor Jeffery ha lavorato senza alcun guadagno commerciale con Planet Lighting UK, una piccola azienda in Galles, con l’obiettivo di produrre occhiali a infrarossi da 670 nm a un prezzo accessibile, a differenza di altri dispositivi a LED progettati per migliorare la visione disponibili negli Stati Uniti per oltre $ 20.000.

“La tecnologia è semplice e molto sicura; l’energia fornita dalla luce a onde lunghe di 670 nm non è molto maggiore di quella che si trova nella luce ambientale naturale “, ha affermato il Professor Jeffery. “Data la sua semplicità, sono sicuro che un dispositivo facile da usare possa essere reso disponibile al pubblico a un costo accessibile.Nel prossimo futuro, un’esposizione di tre minuti una volta alla settimana alla luce rossa intensa potrebbe essere eseguita mentre si beve un caffè o si è in viaggio ascoltando un podcast e un trattamento così semplice potrebbe trasformare la cura degli occhi e la vista in tutto il mondo.”

Limiti dello studio

Nonostante la chiarezza dei risultati, i ricercatori affermano che alcuni dati sono “rumorosi”. Sebbene gli effetti positivi siano evidenti per gli individui dopo l’ esposizione a 670 nm, l’entità dei miglioramenti può variare notevolmente tra persone di età simile. Pertanto, è necessaria una certa cautela nell’interpretazione dei dati. È possibile che ci siano altre variabili tra gli individui che influenzano il grado di miglioramento che i ricercatori non hanno identificato finora e che richiederebbero una dimensione del campione più ampia.

Fonte:Scientific Reports 

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...