I non vedenti possono “vedere” le lettere tracciate direttamente sul loro cervello

Immagine: dopo che gli elettrodi impiantati hanno stimolato la corteccia visiva di questo volontario cieco in uno schema particolare, è stato in grado di percepire rapidamente e quindi scrivere la lettera N. Credit: M. Beauchamp et al / Cell 2020.

I risultati di questo studio indicano un modo per aggirare la perdita della vista e fornire “visioni” direttamente al cervello.

Gli scienziati hanno sviluppato questo nuovo modo per creare “scorci” per i non vedenti. È come skywriting, ma invece del cielo blu, le lettere sono scritte sul cervello stesso.

Il nuovo approccio, descritto il 14 maggio in Cell, bypassa gli occhi e trasmette una sequenza di segnali elettrici al cervello, creando la percezione di una luce incandescente che traccia una forma. Con ulteriori perfezionamenti, il metodo potrebbe un giorno restituire aspetti della vista a persone con occhi danneggiati o nervi ottici danneggiati. Gli scienziati sono stati in grado di creare visioni artificiali manipolando il cervello dei topi, ma i progressi per le persone sono stati più lenti (SN: 18/07/19).

Piccole scosse di elettricità alla corteccia visiva, un arco di tessuto neurale nella parte posteriore del cervello, possono far sì che una persona “veda” piccoli lampi di luce chiamati fosfeni. I precedenti tentativi di ripristinare la visione riguardavano la creazione di più fosfeni allo stesso tempo, come lampadine su tendoni per film. Ma quei segnali erano difficili da interpretare poichè  formavano schizzi di luci o una massa di luci a coalescenza.

Vedi anche: Distrofia retinica: terapia genica approvata dalla FDA nel 2017 restituisce la vista a due bambini

Un segnale più chiaro viene dall’uso dell’elettricità come stilo, essenzialmente tracciando le linee sulla corteccia visiva con corrente elettrica. Nei test con sei volontari a cui sono state impiantate griglie di elettrodi nel cervello, i ricercatori hanno attivato gli elettrodi in una sequenza che tracciava le linee delle lettere dell’alfabeto. Il processo è simile a quello di qualcuno che scrive la lettera N.

 

“Questo metodo di scrittura sequenziale ha permesso ai destinatari di percepire rapidamente le forme desiderate”, hanno scoperto Michael Beauchamp del Baylor College of Medicine di Houston e i suoi colleghi. Due partecipanti erano ciechi e quattro partecipanti vedenti avevano avuto l’impianto di reti elettriche nel cervello come parte del trattamento per l’epilessia. Un partecipante cieco potrebbe riconoscere 86 forme al minuto con questa tecnica. “Finora abbiamo testato solo forme semplici, come le lettere C, W e U. Ma i contorni di oggetti comuni, come volti, case o automobili, potrebbero essere tracciati usando la stessa idea”, scrivono i ricercatori.
Fonte: Science