HomeSaluteFegatoVerso il primo farmaco per curare un cancro al fegato

Verso il primo farmaco per curare un cancro al fegato

(Cancro al fegato-Immagine Credit Public Domain).

Le opzioni di trattamento per un cancro al fegato raro e letale, il carcinoma fibrolamellare, sono gravemente carenti. I farmaci che funzionano su altri tumori del fegato non sono efficaci e, sebbene siano stati compiuti progressi nell’identificazione dei geni specifici coinvolti nella crescita dei tumori fibrolamellari, questi risultati devono ancora tradursi in trattamenti. Per ora, la chirurgia è l’unica opzione per le persone colpite, principalmente bambini e giovani adulti senza precedenti condizioni epatiche.

Sanford M. Simon e il suo gruppo, sapevano che i pazienti affetti da carcinoma fibrolamellare non potevano permettersi di aspettare. “Ci sono persone che hanno bisogno di terapia ora, subito”, dice Simon. Il suo gruppo per questa ragione ha testato oltre 5.000 composti, già approvati per altri usi clinici o in studi clinici, per vedere se qualcuno dei composti potesse essere riproposto per il trattamento del carcinoma fibrolamellare. Il team alla fine ha scoperto alcune classi di terapie che distruggono le cellule tumorali fibrolamellari che crescono nei topi.

- Advertisement -

 I risultati dello studio sono stati pubblicati su Cancer Discovery.

“Abbiamo deciso di essere completamente agnostici su ciò che pensavamo avrebbe funzionato: abbiamo provato di tutto”, afferma Simon, capo del Laboratorio di biofisica cellulare. “Con nostra sorpresa, abbiamo trovato alcune mescole che funzionano davvero bene”. In un mondo ideale, gli scienziati eseguono numerosi esperimenti per identificare il bersaglio terapeutico perfetto per una malattia, quindi testano una serie di farmaci in sistemi modello per individuare opzioni di trattamento promettenti per raggiungere il bersaglio scelto. Il laboratorio di Simon sta effettuando tali esperimenti, ma questo processo può richiedere anni e i bambini e i giovani adulti che ora sono malati di carcinoma fibrolamellare probabilmente non vedranno mai i frutti di tali fatiche.

Quindi Simon ha adottato un approccio parallelo e accelerato. Dopo aver testato un vasto elenco di farmaci su cellule tumorali fibrolamellari cresciute nei topi nel corso di diversi mesi, il suo team ha identificato alcune nuove classi di terapie che sembrano uccidere efficacemente le cellule tumorali fibrolamellari e ulteriori esperimenti hanno fornito alcune spiegazioni molecolari sul perché questi farmaci sono così efficaci contro una malattia che ha, fino ad ora, sconcertato i medici che curano il cancro al fegato. Afferma Michael V. Ortiz, oncologo pediatrico presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center e collaboratore dello studio: “È davvero entusiasmante che finalmente abbiamo alcuni farmaci promettenti da perseguire negli studi clinici. E, poiché ogni individuo risponde in modo diverso, è particolarmente eccitante che abbiamo avuto più successi, che ora possiamo testare in combinazione l’uno con l’altro”.

Vedi anche:Cancro al fegato: svolta farmacologica

- Advertisement -

Trattamento su misura 

Basandosi su questi risultati iniziali, Simon e i suoi colleghi hanno testato i composti su cellule umane prelevate direttamente dai tumori dei pazienti. I ricercatori sono stati in grado di testare le cellule rispetto alla gamma di candidati farmacologici dopo averle coltivate solo per pochi giorni, ottenendo risultati simili a quelli osservati nelle cellule che hanno impiegato mesi per crescere. “Entro tre giorni, possiamo avere dati terapeuticamente informativi, che è molto più veloce di quanto consentito dai metodi precedenti”, afferma Gadi Lalazar, istruttore di indagini cliniche nel laboratorio Simon e primo autore dello studio. “Sebbene ci siano alcuni ostacoli logistici e siano necessarie ulteriori verifiche, questo studio potrebbe essere potenzialmente trasformativo per il trattamento di alcuni tipi di cancro”.

I risultati suggeriscono che potrebbe non essere necessario sottoporre a screening nuovi candidati farmaci antitumorali nelle cellule cresciute nei topi prima di testarli su cellule umane, un passo in più che può costare molti mesi ai ricercatori sul cancro. Dati questi risultati, i medici potrebbero presto essere in grado di eseguire la biopsia delle cellule del tumore di un paziente, sottoporre quelle cellule ai farmaci candidati finché non trovano il composto più efficace per quel paziente specifico e avere un piano di trattamento pronto in pochi giorni… potenzialmente trasformando il panorama della medicina di precisione.

Progressi nella medicina di precisione

Il recente lavoro di Simon è stato ispirato dall’iniziativa di medicina di precisione del 2015  che prometteva di cambiare il volto della medicina con un approccio mirato, su misura per la composizione genetica, lo stile di vita e l’ambiente unici di un paziente.

“Non vuoi dare a tutti i zoppicanti lo stesso trattamento: vuoi che sia “mirato in modo preciso” in base al fatto che abbiano torto la caviglia, rotto un osso o semplicemente una scheggia”, afferma Simon.

Negli ultimi sei anni, Simon ha sviluppato una serie di sistemi modello per identificare le molecole note per guidare i tumori, gli oncogeni. Ma la chiave per applicare la medicina di precisione al cancro non è testare alla cieca i farmaci contro mutazioni o geni espressi in modo anomalo, ma eseguire screening funzionali che individuano quali farmaci hanno effettivamente un impatto sul tumore in questione.

I risultati dell’approccio di Simon hanno ora prodotto le prime terapie dimostrate per eliminare le cellule tumorali fibrolamellari e una nuova speranza per le persone che soffrono di questa malattia mortale.

Fonte:Cancer Discovery

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...