HomeSaluteFegatoSteatosi epatica: dal luppolo potenziale trattamento

Steatosi epatica: dal luppolo potenziale trattamento

(Steatosi epatica-Immagine Credti Public Domain).

La ricerca della Oregon State University suggerisce che un paio di composti provenienti dal luppolo possono aiutare a contrastare un pericoloso accumulo di grasso nel fegato noto come steatosi epatica.

I risultati, pubblicati oggi su eLife, sono importanti perché la condizione colpisce circa un quarto delle persone negli Stati Uniti e in Europa. Le persone con poca o nessuna storia di consumo di alcol rappresentano quel 25% di pazienti con steatosi epatica che per questo  è nota come steatosi epatica non alcolica o NAFLD.

- Advertisement -

La resistenza all’insulina, l’ormone che aiuta a controllare i livelli di zucchero nel sangue, è un fattore di rischio per la NAFLD, così come l’obesità, una dieta ricca di grassi e livelli elevati di grassi nel sangue. Il fegato aiuta il corpo a elaborare i nutrienti e funge anche da filtro per il sistema circolatorio e troppo grasso nel fegato può portare a infiammazione e insufficienza epatica. In uno studio su un modello murino, i ricercatori dell’Oregon State guidati da Adrian Gombart hanno dimostrato che i composti xantumolo e tetraidroxantumolo, abbreviati in XN e TXN, possono mitigare l’accumulo di grasso indotto dalla dieta, nel fegato.

XN è un flavonoide prenilato prodotto dal luppolo, la pianta che conferisce sapore e colore alla birra e TXN è un derivato idrogenato di XN.

Nello studio, 60 topi sono stati assegnati in modo casuale a uno dei cinque gruppi: dieta povera di grassi, dieta ricca di grassi, dieta ricca di grassi integrata da XN, dieta ricca di grassi integrata da più XN e dieta ricca di grassi integrata da TXN .

Gli scienziati hanno scoperto che TXN ha contribuito a frenare l’aumento di peso associato a una dieta ricca di grassi e ha anche contribuito a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue, entrambi fattori che ostacolano l’accumulo di grasso nel fegato. “Abbiamo dimostrato che  TXN è stato molto efficace nel sopprimere lo sviluppo e la progressione della steatosi epatica causata dalla dieta“, ha affermato Gombart, Professore di biochimica e biofisica presso l’OSU College of Science e ricercatore principale presso il Linus Pauling Institute. “TXN sembrava essere più efficace dello XN forse perché livelli significativamente più alti di TXN sono in grado di accumularsi nel fegato, ma XN può anche rallentare la progressione della condizione, alla dose più alta“. Il meccanismo alla base dell’efficacia dei composti coinvolge PPARγ, una proteina recettore nucleare, che regola l’espressione genica. PPARγ controlla il metabolismo del glucosio e l’immagazzinamento degli acidi grassi e i geni che attiva stimolano la creazione di cellule adipose dalle cellule staminali.

- Advertisement -

XN e TXN agiscono come “antagonisti” per PPARγ – si legano alla proteina senza mandarla in azione, a differenza di un agonista PPARγ, che la attiverebbe e si legherebbe ad essa. Il risultato dell’antagonismo in questo caso è una minore raccolta di grasso nel fegato.

PPARγ attivato nel fegato stimola l’accumulo di lipidi e i nostri dati suggeriscono che XN e TXN bloccano l’attivazione e riducono notevolmente l’espressione dei geni che promuovono l’accumulo di lipidi nel fegato“, ha spiegato Gombart. “Questi risultati sono coerenti con gli studi che mostrano che gli agonisti PPARγ più deboli sono più efficaci nel trattamento della steatosi epatica rispetto agli agonisti forti. In altre parole, una minore attivazione di PPARγ nel fegato può essere utile”.

Vedi anche:Steatosi epatica: le cellule immunitarie la promuovono

“Può essere che XN è metabolizzato dall’ospite e dal suo microbiota intestinale più di TXN, ma sono necessari ulteriori studi per capirlo”, ha detto Gombart. “Inoltre, mentre XN e TXN sono approcci preventivi efficaci nei roditori, gli studi futuri devono determinare se i composti possono trattare l’obesità esistente negli esseri umani. Ma i nostri risultati suggeriscono che l’antagonismo di PPARγ nel fegato è un approccio logico per prevenire e curare la steatosi epatica indotta dalla dieta e relativi disordini metabolici e supportano l’ulteriore sviluppo di XN e TXN come composti terapeutici a basso costo”.

Spiegano gli autori:

La steatosi epatica non alcolica (NAFLD) è una grave minaccia per la salute globale caratterizzata da un eccessivo accumulo di gocce lipidiche epatiche con una storia di consumo minimo o nullo di alcol. Circa un quarto della popolazione statunitense soffre di NAFLD, con tassi nel resto del mondo che vanno dal 14% in Africa al 32% in Medio Oriente. La continua epidemia di obesità e diabete guida i tassi crescenti di NAFLD. Sfortunatamente, non esistono farmaci approvati dalla FDA per il suo trattamento. Cambiamenti prolungati dello stile di vita sano e perdita di peso sono gli unici interventi che si sono dimostrati efficaci nel prevenire l’insorgenza e la progressione della NAFLD. Pertanto, c’è un bisogno critico di interventi nuovi ed efficaci. Come hub centrale per il metabolismo dei lipidi, un fegato sano mantiene l’omeostasi tra assorbimento, esterificazione, ossidazione e secrezione di acidi grassi (FA). Il consumo eccessivo di acidi grassi saturi o zuccheri può sovraccaricare il fegato e interrompere l’omeostasi lipidica, con conseguente accumulo eccessivo di triacilgliceroli (TAG) negli epatociti e l’insorgenza e la progressione della steatosi epatica. Dato che il recettore gamma attivato dal proliferatore dei perossisomi (PPARγ) è importante nella lipogenesi epatica, ha attirato una notevole attenzione come bersaglio terapeutico per la NAFLD. L’attività attenuata di PPARγ nei topi eterozigoti con deficit di Pparg ( Pparg +/− ) C57Bl/6J protegge dall’obesità indotta da dieta ricca di grassi (HFD), dalla steatosi epatica e dall’ipertrofia degli adipociti; tuttavia, il trattamento con l’agonista PPARγ pioglitazone (PGZ) abroga la protezione contro l’ipertrofia degli adipociti (adipociti ingrossati) e diminuisce la sensibilità all’insulina, suggerendo un potenziale uso benefico degli antagonisti PPARγ per il trattamento della steatosi epatica. Antagonisti del PPARγ tanshinone IIA, -criptoxantina, protopanaxatriolo, isorhamnetina e Gleevec ha migliorato molteplici parametri metabolici nei topi obesi indotti dalla dieta (DIO). Queste osservazioni suggeriscono fortemente che l’inibizione moderata dell’attività di PPARγ può ridurre il rischio di sviluppare steatosi epatica indotta dalla dieta e gli antagonisti di PPARγ possono essere utili per il trattamento e la prevenzione della NAFLD“.

Fonte:eLife

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...