HomeSaluteTumoriCancro al fegato: svolta farmacologica

Cancro al fegato: svolta farmacologica

(Cancro al fegato-Immagine Credit Public Domain).

Questa nuova ricerca sul cancro al fegato è a un punto di svolta importante: mostra il doppio successo del farmaco Atezolizumab in combinazione con Bevacizumab nei pazienti affetti da carcinoma epatocellulare avanzato. La combinazione non solo ha dimostrato di essere superiore all’attuale standard di cura, Sorafenib nel bloccare la progressione del cancro in pazienti non trattati in precedenza, ma li ha anche aiutati a vivere più a lungo.

Lo studio IMbrave150 ha rilevato che la sopravvivenza globale mediana dei pazienti con cancro al fegato (HCC) non resecabile era di 19,2 mesi se trattati con Atezo + Bev  contro i 13,4 mesi per quelli trattati con Sorafenib da solo, il trattamento standard corrente (HR, 0,66 [95% CI, 0,52-0,85]; P = 0.0009). La sopravvivenza a 18 mesi è stata del 52% con Atezo + Bev e del 40% nei pazienti trattati con Sorafenib.

- Advertisement -

Tutti i pazienti partecipanti allo studio avevano un cancro al fegato non resecabile, la forma più comune di cancro al fegato e non erano stati precedentemente trattati con terapia sistemica. Un totale di 501 pazienti sono stati trattati nello studio multicentrico, in aperto, randomizzato controllato e le nuove cifre di follow-up confermano la superiorità della combinazione Atezo + Bev rispetto a Sorafenib in questo gruppo di pazienti con HCC.

Atezolizumab è un farmaco inibitore del checkpoint immunitario che aiuta il sistema immunitario a scovare e distruggere il cancro. Bevacizumab è una terapia con anticorpi monoclonali mirati che priva i tumori del loro apporto di sangue prevenendo la crescita endoteliale, ma migliora anche gli effetti immunitari di Atezolizumab.

I nuovi dati, presentati all’European Association for the Study of the Liver (EASL) Liver Cancer Summit 2021, seguono la pubblicazione iniziale dei dati dello studio con 8,6 mesi di follow-up che ha rilevato che la sopravvivenza a 12 mesi era del 67,2% con Atezo + Bev, rispetto al 54,6% di quelli trattati con Sorafenib. Questa nuova analisi descrittiva della sopravvivenza globale includeva 12 mesi di follow-up aggiuntivo dall’analisi primaria.

Vedi anche:Cancro al fegato: indizi sul rischio nell’intestino

- Advertisement -

Il Prof. Richard Finn, autore principale dello studio, ha commentato: “IMbrave150 ha mostrato benefici e sicurezza del trattamento clinicamente significativi e coerenti con ulteriori 12 mesi di follow-up. La combinazione fornisce la sopravvivenza più lunga osservata in uno studio di fase III di prima linea in HCC, che conferma Atezo + Bev come standard di cura per HCC precedentemente non trattato e non resecabile“.

“Questi sono risultati altamente significativi per il trattamento di pazienti con HCC. Molte migliaia di pazienti in tutto il mondo potrebbero beneficiare di questo trattamento e può essere considerato un importante passo avanti: il primo miglioramento nel trattamento di questo tipo di casi di cancro al fegato in 13 anni e un trattamento a lungo atteso dai medici”.

Il beneficio di sopravvivenza con Atezo + Bev vs Sorafenib è stato generalmente coerente tra i sottogruppi e con l’analisi primaria. Il tasso di risposta obiettiva aggiornato (ORR; 29,8% per RECIST 1.1) con Atezo + Bev era in linea con l’analisi primaria, con più pazienti che hanno ottenuto una risposta completa (CR; 7,7%) rispetto a quanto riportato in precedenza. La sicurezza era coerente con l’analisi primaria, senza nuovi segnali identificati.

“Dobbiamo ora capire quale sarà il futuro del cancro al fegato e come ci baseremo su questi dati per migliorare ulteriormente i risultati oltre i 19,2 mesi che abbiamo descritto. Inoltre, dobbiamo valutare l’efficacia di questo regime nelle prime fasi di HCC”.

Fonte:EurekAlert

 

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...