HomeAlimentazione & BenessereTe' verde riduce infiammazione intestinale e glicemia

Te’ verde riduce infiammazione intestinale e glicemia

(Tè verde-Immagiune Credit Public Domain).

  • Un nuovo studio è il primo a valutare se i benefici antinfiammatori del tè verde nell’intestino potrebbero avere un impatto sui rischi per la salute legati alla sindrome metabolica.
  • Lo studio mostra che il consumo di estratto di tè verde può ridurre i livelli di zucchero nel sangue e diminuire l’infiammazione e la permeabilità intestinale.
  • I ricercatori hanno riferito che sia i partecipanti con sindrome metabolica che i partecipanti sani hanno visto benefici per la salute dal consumo di estratti di questo tè.

Un abstract di uno studio pubblicato su Current Developments in Nutrition esamina se i rischi per la salute associati a una serie di fattori di rischio noti come sindrome metabolica possono essere ridotti dal consumo di estratto di tè verde.

I ricercatori della Pennsylvania State University e della Ohio State University affermano di essere i primi a studiare se i benefici antinfiammatori del tè nell’intestino potrebbero ridurre i rischi per la salute associati alla sindrome metabolica, un nome che si riferisce a un gruppo di fattori che aumentano il rischio di un individuo di soffrire di malattie coronariche, diabete e altri problemi di salute.

- Advertisement -

L’American Heart AssociationFonte (AHA) elenca quei fattori di rischio come: glicemia alta, HDL basso (colesterolo “buono”), trigliceridi alti, circonferenza della vita ampia e pressione alta.

Uno studio del 2015i pubblicato su JAMA, stima che quasi il 35% degli americani adulti e il 50% degli americani di età pari o superiore a 60 anni abbiano la sindrome metabolica.

Il Dr. Richard Bruno, autore senior dello studio e Professore di nutrizione umana presso l’Ohio State, ha studiato se le proprietà del tè verde possono alleviare il rischio di malattie cardiometaboliche, per più di 15 anni.

Il Dottor Bruno ha spiegato in una dichiarazione a Medical News Today che la precedente ricerca del suo gruppo di ricerca sui roditori ha scoperto che gli integratori di tè verde riducono le complicanze cardiometaboliche “in associazione con” il miglioramento della salute dell’intestino, incluso un aumento dei microbi benefici nell’intestino e una minore permeabilità della patrete dell’intestino.

- Advertisement -

Quella ricerca, così come la spinta a fornire alle persone uno “strumento basato sul cibo” per migliorare la propria salute, ha ispirato lo studio attuale.

Cinque tazze di tè verde

Il Dr. Bruno e il suo team hanno condotto uno studio clinico con 40 partecipanti. Di questi, 21 avevano la sindrome metabolica e 19 erano adulti sani. I partecipanti erano principalmente bianchi, con altri gruppi etnici “rappresentati, ma in misura limitata”.

Ai partecipanti sono state date caramelle gommose contenenti catechine, che equivalevano a cinque tazze di tè verde, per 28 giorni. Tutti i partecipanti hanno trascorso altri 28 giorni assumendo un placebo, con un mese intermedio in cui non hanno assunto integratori.

Poiché il tè verde è ricco di polifenoli, un composto che si trova anche in alimenti come bacche e mele, i partecipanti hanno seguito una dieta povera di polifenoli nel corso dello studio.

I ricercatori hanno condotto test monitorando la glicemia, l’insulina, i lipidi e i polifenoli alimentari dei partecipanti prima dell’inizio dello studio e nei giorni 14 e 28 di ciascun intervento. Hanno usato campioni di feci per valutare l’infiammazione intestinale.

Tè verde: parte della soluzione

I partecipanti hanno completato lo studio con un’elevata compliance e non hanno riportato effetti avversi o cambiamenti nella massa corporea.

I ricercatori hanno scoperto che l’estratto di tè verde abbassa la glicemia e diminuisce l’infiammazione intestinale e la permeabilità della parete intestinale sia nelle persone sane che nelle persone con sindrome metabolica.

“I risultati negli esseri umani sono piuttosto interessanti perché confermano alcuni dei risultati che erano stati precedentemente osservati nei roditori che erano stati integrati con tè verde”, ha spiegato il Dottor Bruno. “L’importanza della salute dell’intestino per l’uomo è esemplificata dalla nostra ricerca e suggerisce che fattori dietetici come il tè verde ricco di catechine possono aiutare a ridurre il rischio di intolleranza al glucosio limitando l’infiammazione intestinale e migliorando l’integrità intestinale“, ha aggiunto il Dott. Riccardo Bruno. “Il nostro lavoro mostra che il consumo regolare di tè verde ha il potenziale per essere parte della soluzione per gestire il rischio di sindrome metabolica”.

Roxana Ehsani, dietista, nutrizionista e portavoce dei media nazionali dell’Academy of Nutrition and Dietetics, ha osservato tuttavia, che la quantità di estratto di tè verde consumata dai partecipanti allo studio potrebbe essere problematica per alcune persone.

“Consumare l’estratto di tè in dosi elevate”, ha sottolineato, “può essere tossico e causare danni agli organi”.

Ehsani ha anche affermato che sarebbe stato utile se lo studio avesse notato se ai partecipanti fosse stato somministrato un estratto di tè decaffeinato o caffeinato.

Vedi anche:Tè verde e nero: scoperte proprietà anti-ipertensive

Una sola tazza di tè verde al giorno

“Questo studio è in linea con altri che mostrano i benefici del tè verde per la salute”, ha detto Kristin Kirkpatrick, nutrizionista dietista. “L’infiammazione è la base di qualsiasi malattia e può avere un impatto sul rischio di malattie croniche, sulla salute dell’intestino e sulla salute mentale”, ha scritto. “Pertanto, il consumo regolare di tè verde può giovare alla salute oltre a quanto osservato in questo studio”.

Tuttavia, Kirkpatrick ha detto anche che non sarebbe stata pronta a raccomandare di consumare l’estratto di tè verde a una sua cliente.

“Dato che l’industria degli integratori non è regolamentata, molto probabilmente mi concentrerei sul bere tè verde rispetto a un modulo di integrazione”, ha specificato Kirkpatrick.

La chiave quando si beve il tè verde, secondo Kirkpatrick, “è bere tè verde o matcha senza additivi o zuccheri aggiunti”.

Dose di cinque tazze di tè verde eccessiva da tollerare

“Poiché i partecipanti allo studio hanno consumato un estratto pari a cinque tazze di tè verde, la maggior parte delle persone potrebbe avere difficoltà a bere l’equivalente del tè in un solo giorno”, ha detto Ehsani a MNT. “Per la maggior parte delle persone, questa dose di tè verde potrebbe contenere troppa caffeina da tollerare”, aggiungendo che bere una singola tazza di tè verde al giorno come abitudine può anche apportare benefici per la salute. “Bere una singola tazza di tè verde ogni giorno e consumare una dieta ricca di frutta e verdura può e gioverà anche alla glicemia a digiuno di una persona”, ha affermato Roxana Ehsani, nutrizionista. “Le persone che vogliono consumare integratori di tè verde dovrebbero prima parlare con i loro medici”, ha sottolineato Ehsani, avvertendo che:

“Alte dosi di estratto di tè verde possono essere tossiche e possono interferire con qualsiasi altro integratore o farmaco che stai assumendo”.

Fonte:MNT

ULTIMI ARTICOLI

Infezioni batteriche e ferite della pelle: nuovo approccio per il trattamento

(Infezioni batteriche-Immagine: ferita vascolarizzata al microscopio. Credito: Rachel Kratofil). I ricercatori dell'Università di Calgary hanno identificato un nuovo approccio promettente per il trattamento delle infezioni batteriche...

Januvia farmaco per il diabete può contenere tracce di cancerogeno

(Januvia-Immagine Credit Medicalxpress). "Il popolare farmaco per il diabete Januvia può contenere tracce di un probabile cancerogeno, ma i pazienti dovrebbero continuare a usare il...

Cuffia dei rotatori: potenziale trattamento rivoluzionario per la rigenerazione

(Cuffia dei rotatori/Studio-Immagine:Dr. Cato T. Laurencin-Credito UCNN). Un nuovo modo per rigenerare i muscoli potrebbe aiutare a riparare la cuffia dei rotatori nelle spalle danneggiate...

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l'acufene, i ricercatori dell'UDniversità di Auckland sono entusiasti dei "risultati...

Alimenti fermentati: 4 motivi per cui dovresti mangiarli

(Alimenti fermentati-Immagine Credit Public Domain). Gli alimenti fermentati hanno subito il processo naturale di essere fermentati da batteri, funghi o lieviti benefici. In questo processo,...