Alimentazione & BenessereTè verde: emergono nuove intuizioni

Tè verde: emergono nuove intuizioni

Tè verde-Immagine Credit Public Domain-

In un recente studio pubblicato sul Foods Journal, un gruppo di ricercatori ha studiato l’impatto del tè verde e dei suoi componenti funzionali sul peso corporeo e sulla regolazione del microbiota intestinale.

Lo studio è stato condotto su topi alimentati con una dieta ricca di grassi (HF) e ha anche identificato potenziali marcatori di obesità tramite il sequenziamento del gene dell’acido ribonucleico ribosomiale 16S (16S rRNA).

Studio: Il ruolo del tè verde nella regolazione dei microbi intestinali e nella prevenzione della sindrome metabolica indotta da una dieta ricca di grassi nei topi.  Credito immagine: grafvision/Shutterstock.comStudio:  Il ruolo del tè verde nella regolazione dei microbi intestinali e nella prevenzione della sindrome metabolica indotta da una dieta ricca di grassi nei topi. Credito immagine: grafvision/Shutterstock.com

Sfondo

L’obesità, che colpisce oltre 500 milioni di persone in tutto il mondo, porta a molteplici malattie metaboliche, tra cui ipertensione e iperglicemia. La condizione è legata a una particolare microflora intestinale che favorisce l’aumento di peso.

Il tè verde, ampiamente consumato, è noto per avere effetti benefici come la riduzione del peso corporeo e la sindrome metabolica. I suoi componenti – polifenoli, caffeina (Caf) e L-teanina (Thea), possono ridurre l’assorbimento calorico e stimolare la protein chinasi.

I componenti, che risiedono principalmente nell’intestino crasso, interagiscono e modulano il microbioma intestinale. La ricerca mostra che l’estratto di tè verde riduce i batteri intestinali dannosi e aumenta quelli benefici, con un potenziale impatto sull’obesità.

A proposito dello studio

Il presente studio ha preparato il tè verde utilizzando foglie della cultivar di tè Suchazao, proveniente dal giardino del tè Zhongshanling a Nanchino, in Cina. Varie concentrazioni di tè sono state preparate con acqua distillata e testate per il contenuto totale di polifenoli del tè (TPP), Caf e Thea tramite spettrofotometria e cromatografia liquida ad alte prestazioni.

Per i test sugli animali, giovani topi C67BL/6J maschi sono stati forniti dall’Università di Yangzhou, acclimatati per una settimana e poi divisi in gruppi per diversi regimi dietetici.

Alcuni topi hanno ricevuto una dieta HF integrata con infusi di tè verde, mentre altri hanno ricevuto una dieta HF con i principali componenti del tè verde. L’assunzione di acqua e il peso dei topi sono stati monitorati quotidianamente.

Dopo il trattamento dietetico, è stato eseguito un test orale di tolleranza al glucosio e i topi sono stati quindi sacrificati per la preparazione dei tessuti e le valutazioni dei biomarcatori. Sono stati condotti studi istologici su fegato e intestino tenue, con biomarcatori sierici analizzati utilizzando kit disponibili in commercio.

Il microbiota intestinale è stato classificato utilizzando il sequenziamento di nuova generazione (NGS) da campioni fecali freschi. L’estrazione, l’amplificazione e il sequenziamento dell’acido desossiribonucleico (DNA) sono stati eseguiti utilizzando metodi standardizzati.

L’analisi statistica è stata condotta sui dati tramite l’analisi della varianza unidirezionale (ANOVA), con ANOVA a due vie utilizzata per valutare le differenze di peso corporeo. L’analisi NGS è stata valutata utilizzando l’analisi della varianza multivariata permutazionale (PERMANOVA) per identificare differenze microbiche significative.

Risultati dello studio

Il presente studio ha esaminato in che modo il tè verde ha influenzato gli indicatori correlati all’obesità nei topi alimentati con una dieta ricca di grassi HF. Come anticipato, i topi alimentati con questa dieta hanno guadagnato peso significativo e accumulato grasso entro otto settimane, convalidando l’utilizzo della dieta HF come modello per indurre l’obesità. Questo contrasto nell’aumento di peso e nell’accumulo di grasso è stato osservato rispetto a un gruppo alimentato con un dieta a basso contenuto di grassi (LF), anche se l’assunzione di cibo e acqua non presentava differenze significative per entrambi i gruppi.

Tuttavia, l’introduzione del tè verde nella dieta ricca di grassi HF, ha prodotto risultati intriganti. Lo studio ha utilizzato tre diverse concentrazioni di tè verde nella dieta: 1%, 2% e 4%.

Sorprendentemente, anche se il gruppo con la più alta concentrazione di tè verde ha mangiato più cibo, ha mostrato la perdita di peso e la riduzione del grasso considerevoli, indicando un impatto significativo del tè verde sulla lotta all’obesità.

Ulteriori test biochimici hanno mostrato un calo degli indicatori di obesità nei topi alimentati con tè verde. Inoltre, le cellule epatiche dei topi con dieta HF più tè verde sembravano più sane di quelle del gruppo HF puro, fornendo un’ulteriore prova delle proprietà anti-obesità del tè verde.

Particolarmente degna di nota è stata la riduzione dei marcatori di infiammazione fattore di necrosi tumorale-alfa (TNF-α) e proteina chemoattrattante dei monociti-1 (MCP-1) nei gruppi trattati con tè verde.

Come rivelato attraverso NGS, anche la salute del microbiota intestinale è stata influenzata positivamente dall’aggiunta di tè verde. Il gruppo che consumava il tè verde al 4% presentava alterazioni significative nella popolazione della microflora intestinale, indicando un potenziale spostamento verso un ambiente intestinale più sano.

Approfondendo ulteriormente il ruolo di TPP, Thea e Caf in questi effetti, i ricercatori hanno scoperto che i gruppi che consumavano TPP e Thea hanno ridotto significativamente peso e grasso dopo otto settimane. Inoltre, la loro infiammazione epatica è stata ridotta, con il TPP che ha avuto l’impatto più forte. Questi componenti hanno anche migliorato la lunghezza e la superficie dei villi intestinali, migliorando la salute dell’intestino.

Per quanto riguarda la composizione del microbiota intestinale, il TPP ha sostanzialmente aumentato le popolazioni batteriche benefiche diminuendo quelle dannose. I cluster del microbiota intestinale per Thea e Caf differivano leggermente dal gruppo HF, mentre il cluster TPP era separato dall’HF e simile al gruppo LF.

Il TPP ha mostrato il maggiore impatto sulle unità tassonomiche operative (OTU), una misura della diversità del microbioma. Su 32 generi microbici associati all’obesità identificati, ogni componente ha influenzato in modo significativo dieci generi.

Leggi anche:Non sicuro per tutti: il rischio nascosto dell’estratto di tè verde

Conclusioni

I ricercatori hanno trovato un modello unico nel raggruppamento del microbiota intestinale nei topi alimentati con una dieta ricca di grassi HF, integrata con un tè verde. Questa infusione, in particolare alla concentrazione del 4%, ha migliorato sostanzialmente la microflora intestinale dei topi obesi, mitigando le alterazioni metaboliche causate dalla dieta HF.

Lo studio ha identificato 32 generi, tra cui Akkermansia, Saccharofermentans, Acetatifactor, Bacteroides, Alistipes, Allobaculum e Falsiporphyromonas, come biomarcatori associati alla dieta HF ossia ricca di grassi.

Di questi, TPP ha notevolmente migliorato la presenza di Akkermansia, svolgendo un ruolo fondamentale nel ristabilire una sana comunità batterica necessaria per contrastare l’obesità.

Pertanto, la ricerca suggerisce che il tè verde può essere un potente rimedio per le complicanze indotte dalla dieta HF, principalmente modificando le comunità microbiche intestinali.

Fonte:Foods

Newsletter

Tutti i contenuti di medimagazine ogni giorno sulla tua mail

In primo piano

Articoli correlati

ALTRE NOTIZIE