Home Salute Stanchezza cronica: sviluppato il primo strumento diagnostico

Stanchezza cronica: sviluppato il primo strumento diagnostico

Immagine: Stanchezza cronica. Credit: Public Domain.

Stanchezza cronica: sviluppato dai ricercatori dell’UdeM e del CHU Sainte-Justine il primo strumento diagnostico molecolare: l’innovazione consente anche di testare pazienti che non possono partecipare a studi clinici a causa della gravità della loro condizione.

L’encefalomielite mialgica (ME), meglio nota come sindrome da stanchezza cronica, è una malattia cronica complessa che colpisce circa 600.000 canadesi e fino a 2,5 milioni di americani. Ed è anche poco compresa: fino ad ora non sono stati convalidati biomarcatori o test del sangue per diagnosticare la malattia.

- Advertisement -

Vedi anche:Sindrome da stanchezza cronica: le immunità virali hanno un costo devastante per tutta la vita

I ricercatori del CHU Sainte-Justine e dell’Université de Montréal guidati dal Dr. Alain Moreau hanno sviluppato un test diagnostico innovativo che consente per la prima volta di testare pazienti che non possono partecipare a studi clinici a causa della gravità della loro condizione.

Guidati dal Dottor Alain Moreau, Professore presso le facoltà di odontoiatria e medicina dell’UdeM, i ricercatori descrivono in dettaglio la loro innovazione in uno studio pubblicato su Nature.com’s Scientific Reports.

Vedi anche:Sindrome da stanchezza cronica: le immunità virali hanno un costo devastante per tutta la vita

- Advertisement -

“Lo sviluppo di questo test rappresenta il primo strumento diagnostico molecolare per la Sindrome da stanchezza cronica: ed è stato a lungo atteso da molti medici e pazienti”, affermano Moreau e il suo team. Si apre anche la possibilità di classificare i pazienti in sottogruppi per comprendere meglio i meccanismi molecolari coinvolti nei loro sintomi e per selezionare meglio i pazienti che potrebbero beneficiare degli approcci terapeutici riposizionando i farmaci esistenti.

Un bracciale gonfiabile per diagnosi

La stimolazione meccanica applicata al braccio da un bracciale gonfiabile provoca malessere post-sforzo, sintomo primario della Sindrome da stanchezza cronica e fornisce una precisa firma molecolare che permette di differenziare i pazienti dai soggetti normali o da quelli affetti da patologie correlate come la fibromialgia.

Un aumento o una riduzione di alcuni degli undici microRNA misurati nel test può aiutare a prevedere la risposta terapeutica del paziente a determinati farmaci, il che migliora le possibilità di trovare la terapia giusta personalizzando il trattamento.

Il team di Moreau sta ora convalidando il test in altre popolazioni al fine di determinare se i biomarcatori utilizzati qui sono ugualmente sensibili nel rilevare la ME e ugualmente rilevanti per il lancio di nuovi studi clinici. “Il test può consentire la diagnosi precoce della Sindrome da stanchezza cronica in persone con sintomi persistenti post-COVID-19 che sono molto simili alla ME, rendendo possibile un intervento precoce”, aggiungono i ricercatori.

A proposito di questo studio

Lo studio, “Il profilo dei microRNA circolanti nell’encefalomielite mialgica e la loro relazione con la gravità dei sintomi e la fisiopatologia della malattia“, di Alain Moreau e colleghi, è stato pubblicato il 12 novembre 2020 in Nature.com’s Scientific Reports. Il sostegno allo studio è stato fornito da numerose associazioni di pazienti in Canada, compresa l’Association Québécoise de l’Encéphalomyélite Myalgique (AQEM). Il lavoro di Moreau è stato sostenuto da sovvenzioni della Sibylla-Hesse Foundation e della Open Medicine Foundation Canada.

Fonte:Scientific Reports

ULTIMI ARTICOLI

Microbo intestinale può promuovere il cancro al seno

(Cancro al seno-Immagine: coltura tridimensionale di cellule di cancro al seno umano, con DNA colorato in blu e una proteina nella membrana della superficie...

Virus letali:prodotti naturali che bloccano la diffusione

(Virus letali-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Scripps Institution of Oceanography e della Skaggs School of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences dell'Università della California di...

COVID 19: identificata nuova causa di coaguli di sangue

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I coaguli di sangue continuano a devastare i pazienti con grave infezione da COVID-19 e un nuovo studio spiega cosa...

Lo zenzero contrasta alcume malattie autoimmuni

(Zenzero-Immagine Credit Public Domain). Lo zenzero è noto per avere effetti anti-infiammatori e antiossidanti che lo rendono un popolare rimedio naturale per il trattamento delle...

COVID 19: un vaccino italianio da biotech ReiThera

"L'Italia ha investito nella società locale di biotecnologie ReiThera per sostenere lo sviluppo del suo vaccino COVID-19", ha detto un alto funzionario martedì dopo...