HomeSaluteCervello e sistema nervosoI bambini autistici possono leggere prima di parlare

I bambini autistici possono leggere prima di parlare

Immagine: bambini autistici e iperlessia. Credit: Université de Montréal.

La dottoranda Alexia Ostrolenk vuole capire meglio l’iperlessia, la capacità di decifrare lettere e gruppi di lettere in tenera età, nei bambini autistici.

“Couche-Tard”. Quando il loro bambino autistico pronunciò ad alta voce il nome di questa famosa catena di minimarket del Quebec in macchina, i suoi genitori non riuscirono a credere alle loro orecchie. Come poteva il loro bambino di quattro anni aver letto il cartello mentre passavano? Fino ad allora, non aveva mai pronunciato una sola parola.

- Advertisement -

Questo caso di iperlessia, la capacità di decifrare lettere e gruppi di lettere prima dei cinque anni, è stato fonte di ispirazione per Alexia Ostrolenk, dottoranda in scienze biomediche all’Université de Montréal.

“L’iperlessia non è un fenomeno sconosciuto alla scienza, ma stiamo appena iniziando a esplorarlo”, ha detto Ostrolenk.

Gli studi hanno dimostrato che tra il 6 e il 20% dei bambini autistici mostra iperlessia, ma la prevalenza potrebbe essere anche più alta.

“È qualcosa che non è sempre osservato in un contesto clinico, perché i genitori e il personale medico non prestano sufficiente attenzione ad esso”, ha detto.

Un fascino per la scrittura

Immagine:Alexia Ostrolenk.Credit:Université de Montréal.
- Advertisement -

Se un bambino gioca sistematicamente con le lettere sulla lavagna magnetica nella stanza dei giochi, potrebbe mostrare il proprio fascino per la scrittura. Alcuni bambini sono anche noti per iniziare ad imparare una lingua straniera leggendo il testo da una tavoletta elettronica.“Ci sono anche segnalazioni di bambini autistici che sono in grado di scrivere sottotitoli per videoclip su YouTube”, ha detto Ostrolenk.

Come parte della sua tesi sotto la supervisione del Professore di psichiatria UdeM Laurent Mottron, la giovane ricercatrice sta esaminando da vicino l’iperlessia nei bambini autistici. Quando compare? Come e perché si verifica?

Le sue scoperte, spera, porteranno a un trattamento migliore per i bambini con autismo.

“Per molto tempo l’iperlessia è stata considerata una sorta di ossessione e alcuni medici hanno avuto il riflesso di sopprimerla“, ha detto la ricercatrice. “Credo che, al contrario, sia una facoltà che può essere messa a frutto nel trattamento dell’autismo, vista la difficoltà molto frequente che questi bambini hanno a stabilire una comunicazione coerente con il loro ambiente”.

Ma i bambini con iperlessia leggono davvero?

“È una domanda difficile”, ha detto Ostrolenk. “Crediamo che questi bambini siano affascinati dai disegni che le lettere formano in associazione ai suoni. Stanno cercando schemi. È come una sorta di puzzle visivo e sonoro per loro“.

Osservazioni cliniche su 200 bambini autistici

Per completare i suoi studi di dottorato, la ricercatrice prevede di condurre osservazioni cliniche su 200 bambini autistici. Ne sono già stati reclutati circa 60, ma la pandemia COVID-19 ha leggermente ritardato il processo.

Ostrolenk e Mottron hanno progettato un questionario dettagliato in cui ai genitori viene chiesto di indicare l’interesse dei loro figli per le lettere e le parole. Se adottato ampiamente (“questo sarebbe il mio desiderio”, ha detto Ostrolenk) renderebbe più facile rilevare l’iperlessia durante le valutazioni cliniche.

Vedi anche:Autismo: bilanciamento dell’eccitazione e dell’inibizione nel cervello autistico

In uno studio parallelo, la ricercatore segue da quattro anni una coppia di gemelli iperlessici. I gemelli ora hanno otto anni. Questo progetto di ricerca è tra i primi ad essere condotto su una scala temporale lunga.

Ostrolenk è francese. Ha conseguito la laurea in Scienze della vita presso l’Université Pierre et Marie Curie (UPMC). Ha continuato a completare il suo master presso l’University College di Londra nel 2012, prima di tornare a Parigi per un secondo master, questa volta in neuroscienze cognitive presso UPMC e l’École normale supérieure.

“Il cervello, con la sua complessità e i suoi misteri, mi ha sempre affascinato”, ha detto Ostrolenk.

È stato uno stage presso Leka, una start-up francese che produce un robot giocattolo intelligente per bambini autistici, che ha portato Ostrolenk a fare i suoi primi esperimenti in un istituto specializzato. Volendo immergersi ulteriormente nel mondo delle “intelligenze diverse”, nel 2017 ha iniziato il suo dottorato di ricerca presso UdeM.

Oltre al suo lavoro in psichiatria, Alexia Ostrolenk si diverte a comunicare la sua scienza a un pubblico non specializzato. Il mese scorso, ha vinto il secondo posto al concorso UdeM “La mia tesi in 180 secondi”.

Di seguito la sua presentazione dello studio.

 

Fonte: UMontreal

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...