Sclerosi multipla: l’accumulo di cellule B innesca danni al sistema nervoso

sclerosi multipla

Immagine, il Prof. Thomas Korn indaga il ruolo delle cellule B durante la sclerosi multipla. Credito: M. Jooss / TUM.

Le cellule B sono importanti per aiutare il sistema immunitario a combattere i patogeni. Tuttavia, nel caso della malattia neurologica autoimmune della sclerosi multipla (SM), possono danneggiare il tessuto nervoso. Quando mancano particolari cellule di controllo, troppe cellule B si accumulano nelle meningi, provocando un’infiammazione del sistema nervoso centrale. 

Una squadra dell’Università Tecnica di Monaco (TUM) ha dimostrato questo processo utilizzando campioni di animali e pazienti.

La lotta contro malattie e agenti patogeni richiede l’attivazione o la disattivazione di un gran numero di tipi di cellule nel sistema immunitario nel posto giusto e nel momento giusto. Negli ultimi anni, alcune cellule immunitarie, le cellule soppressorie derivate da mieloidi (MDSC), hanno ricevuto crescente attenzione in questo contesto. Funzionano come un importante meccanismo di controllo nel sistema immunitario e assicurano che le immunoreazioni non diventino troppo forti.

Impatti della perdita di controllo

Nel caso della SM, questi controlli nel sistema nervoso sembrano fallire in parte

Il team guidato da Thomas Korn, Professore di neuroimmunologia sperimentale presso la TUM Neurology Clinic, è riuscito a dimostrarlo in uno studio pubblicato sulla rivista Nature Immunology

Nella SM, il corpo attacca il proprio tessuto nervoso, causando danni e infiammazioni. Questo può portare a paralisi e disturbi della vista e del movimento.

Vedi anche Identificati i vasi linfatici del cervello come nuova via per curare la sclerosi multipla.

“Ci interessava principalmente l’effetto di controllo delle MDSC sulle cellule B. La loro funzione nel verificarsi della SM non è ancora chiara, ma sembrano svolgere un ruolo importante, qualcosa che volevamo vedere più da vicino”, afferma Korn, spiegando l’obiettivo dello studio. Le cellule B possono svilupparsi in cellule che producono anticorpi, ma possono anche attivare altre cellule immunitarie secernendo i messaggeri immunitari. Korn e il suo team hanno utilizzato un modello murino in cui la malattia infiammatoria può essere innescata e si sviluppa più o meno allo stesso modo del corpo umano.

Le MDSC influenzano il numero delle cellule B.

Il team ha rimosso le MDSC dal tessuto meningeo e osservato un aumento dell’accumulo di cellule B in quel punto. Allo stesso tempo, si sono verificati infiammazione e danni innescati dall’elevato numero di cellule B nel tessuto nervoso. Questo fenomeno non si verificava quando erano presenti abbastanza MDSC che controllano il numero di cellule B.

In futuro, Korn e il suo team vogliono capire come le cellule B distruggono il sistema nervoso. Secondo il ricercatore, ci sono due possibilità: nelle meningi, le cellule B emettono sostanze che attraggono le cellule immunitarie che distruggono erroneamente i tessuti del corpo o le cellule B attivano le cellule immunitarie nel sangue e nei sistemi linfatici, che poi si spostano verso le meningi, dove causano danni.

Sulla base di 25 test del liquido cerebrospinale (CSF) di soggetti con SM, la mancanza di MDSC potrebbe anche avere un effetto negativo sul decorso della malattia nei pazienti. 

Quando i ricercatori hanno trovato un gran numero di MDSC nel CSF, i pazienti hanno anche avuto sintomi più lievi con un minor numero di episodi di infiammazione. Al contrario, i pazienti con numero inferiore di MDSC hanno manifestato sintomi più forti. “Esistono già terapie approvate in cui le cellule B sono regolate e soppresse su base medicinale. Ora, abbiamo fornito una spiegazione del perché questo potrebbe essere un trattamento efficace, almeno nei casi in cui il decorso della malattia è scarso “, afferma Korn.

Poiché il numero di soggetti testati in questo studio era piccolo, lui e il suo team stanno pianificando studi di pazienti più ampi per il futuro.

Fonte, Nature

Altri articoli su sclerosi multipla