Identificati i vasi linfatici del cervello come nuova via per curare la sclerosi multipla

sclerosi multipla

Immagine: i ricercatori Antoine Louveau (da sinistra), Jasmin Herz e Jonathan Kipnis del Dipartimento di Neuroscienze della University of Virginia School of Medicine.

 I vasi linfatici che puliscono il cervello da materiale dannoso svolgono un ruolo cruciale nello sviluppo e nella progressione della sclerosi multipla, secondo una nuova ricerca dell’Università della Virginia School of Medicine. I vasi linfatici sembrano portare messaggi precedentemente sconosciuti dal cervello al sistema immunitario che alla fine scatenano i sintomi della malattia. Bloccare questi messaggi può offrire ai medici un nuovo modo di trattare una condizione potenzialmente devastante che colpisce più di 2 milioni di persone.

La scoperta arriva dal laboratorio di ricercatori UVA che hanno identificato i vasi linfatici che circondano il cervello, vasi che i libri di testo a lungo insistevano non esistessero. In un entusiasmante follow-up, i ricercatori hanno stabilito che i vasi linfatici svolgono un ruolo importante non solo nella sclerosi multipla ma, molto probabilmente, in molte altre malattie neuroinfiammatorie e in pericolose infezioni cerebrali.

( Vedi anche: Sclerosi multipla (SM) progressiva: ibudilast, promettente in fase 2b).

“I nostri dati suggeriscono che esiste un segnale che arriva dal cervello ai linfonodi che dice alle cellule immunitarie di tornare nel cervello, causando la patologia della sclerosi multipla“, ha detto il ricercatore Antoine Louveau dell’ UVA’s Department of Neuroscience and its Center for Brain Immunology and Glia (BIG).  “Questa è un’importante prova di principio e vale la pena esplorare il ruolo di questi vasi in ​​diversi disturbi neurologici, inclusa la sclerosi multipla”.

Fermare la sclerosi multipla

I ricercatori della UVA, guidati da Jonathan Kipnis, sono stati in grado di impedire lo sviluppo della sclerosi multipla nei topi prendendo di mira i vasi linfatici che circondano il cervello. Hanno usato più strategie per bloccare i vasi linfatici o distruggerli con un laser di precisione. Tutte le strategie utilizzate hanno portato allo stesso risultato: una diminuzione del numero di cellule immunitarie distruttive in grado di provocare la paralisi.

“L’idea era di prevenire danni più estesi al sistema nervoso”, ha detto il ricercatore Jasmin Herz. “Se la comunicazione dell’infiammazione del cervello attraverso i vasi linfatici è la causa principale della sclerosi multipla, le terapie mirate a questi vasi potrebbero essere clinicamente importanti“.

Il messaggio che parte dal cervello che sembra guidare la sclerosi multipla rimane scarsamente compreso. I ricercatori possono dire che il messaggio è stato inviato e possono dire cosa fa per istruire il sistema immunitario, ma non sanno ancora quale meccanismo il cervello usa per inviarlo. “Penso che il prossimo passo in questa ricerca specifica sia identificare quel segnale: è un segnale cellulare, è un segnale molecolare?”, dice Louveau. “E poi provare a indirizzare specificamente quel segnale”.

I ricercatori hanno notato che la rimozione dei vasi non ha fermato del tutto la sclerosi multipla. Ciò suggerisce che ci sono probabilmente altri fattori in gioco e molto altro da esplorare per gli scienziati.

Un’importante prova del principio

La nuova ricerca della UVA offre importanti informazioni sulla funzione e il ruolo dei vasi linfatici che collegano il cervello al sistema immunitario. In molti aspetti, funzionano esattamente come gli scienziati si aspettavano, proprio come gli altri vasi linfatici del corpo.

“I vasi linfatici meningei sono piuttosto piccoli rispetto ad altri vasi linfatici nel corpo e noi e altri ci siamo chiesti se questo può limitare la quantità e le dimensioni del loro carico”, ha detto Herz. “Durante l’infiammazione, non sono cambiati molto in termini di dimensioni o complessità, ma ciò che è stato davvero eccitante scoprire è che hanno permesso a intere cellule immunitarie di attraversarli e abbiamo trovato gli indizi molecolari di questo”.

La recente ricerca di laboratorio evidenzia anche la complessità di manipolare i vasi linfatici a beneficio della salute umana. Ad esempio, il blocco dei vasi linfatici ha avuto un beneficio nel modello di sclerosi multipla, ma il laboratorio ha anche dimostrato che la loro funzione sana è vitale per allontanare il morbo di Alzheimer e prevenire il declino cognitivo derivante dall’età.

Ciò significa che è improbabile che fermare la SM possa essere tanto semplice quanto bloccare il flusso all’interno dei vasi. Suggerisce anche che probabilmente non esiste un approccio terapeutico che funzioni per ogni disturbo neurologico. Ma l’importanza emergente dei vasi linfatici offre ai medici una nuova eccitante strada per affrontare le malattie neurologiche.

“Queste scoperte sul ruolo dei vasi linfatici drenanti il ​​cervello nella SM, insieme al nostro recente lavoro sul loro ruolo nella malattia di Alzheimer, dimostrano che il cervello e il sistema immunitario interagiscono strettamente. Quando queste interazioni vanno fuori controllo, emergono patologie“, ha detto Kipnis, Presidente del Dipartimento di Neuroscienze della UVA e Direttore del BIG Center. “L’idea di poter indirizzare i principali disturbi neurologici attraverso la manipolazione terapeutica delle strutture periferiche, come i vasi linfatici, è oltre ogni limite. Grazie alla nostra collaborazione con PureTech Health, speriamo di utilizzare questi risultati di laboratorio per migliorare la vita dei pazienti, un giorno”.

Kipnis ha recentemente firmato un accordo con la società biofarmaceutica PureTech Health per esplorare le potenziali applicazioni cliniche delle sue scoperte.

Fonte: University of Virginia

Altri articoli su sclerosi multipla