La polmonite batterica è molto più pericolosa per il cuore della polmonite virale

polmonite

Le complicanze cardiache nei pazienti con diagnosi di polmonite batterica sono più gravi rispetto a quelle dei pazienti con diagnosi di polmonite virale, secondo una nuova ricerca dall’Intermountain Heart Institute al Intermountain Medical Center di Salt Lake City.

Nello studio su circa 5.000 pazienti, i ricercatori hanno scoperto che i pazienti con diagnosi di polmonite batterica avevano un rischio maggiore del 60% di infarto, ictus o morte rispetto ai pazienti a cui era stata diagnosticata una polmonite virale.

“Abbiamo sempre saputo che la polmonite era un fattore di rischio per un importante evento cardiaco avverso, come un attacco di cuore, entro i primi 90 giorni dalla diagnosi“, ha detto J. Brent Muhlestein, un ricercatore cardiovascolare dell’ Intermountain Heart Institute presso Intermountain Medical Center. “Quello che non sapevamo era quale tipo di polmonite fosse più pericoloso. I risultati di questo studio hanno fornito una risposta chiara che consentirà ai medici di monitorare meglio i pazienti e concentrarsi sulla riduzione del rischio di un evento cardiaco avverso maggiore”.

I risultati dello studio sono stati presentati durante l’American Heart Association Scientific Sessions a Chicago domenica 11 novembre.

(Vedi anche, Perchè la polmonite pneumococcica può compromettere la salute del cuore).

L’Intermountain Heart Institute presso Intermountain Medical Center fa parte del sistema Intermountain Healthcare con sede a Salt Lake City.

Lo studio ha valutato 4.792 pazienti con diagnosi di polmonite che sono stati ospedalizzati in uno dei 23 ospedali dell’ Intermountain Healthcare tra gennaio 2007 e maggio 2014. Ogni paziente è stato seguito per 90 giorni e monitorato per attacchi cardiaci non fatali, ictus, insufficienza cardiaca o morte.

Quasi l’80% dei pazienti è stato diagnosticato con polmonite batterica e il 34% (1.270 pazienti) di questi ha avuto un evento cardiovascolare maggiore entro 90 giorni. Allo stesso tempo, il 21% dei pazienti è stato diagnosticato con polmonite virale e il 26% (258 pazienti) ha avuto un evento avverso maggiore entro i 90 giorni dalla diagnosi.

“La probabile causa sottostante è che la polmonite batterica provoca una maggiore infiammazione delle arterie rispetto alla polmonite virale “, ha detto il Dottor Muhlestein.

Quando le arterie si infiammano, si destabilizzano gli strati di placca che si sono accumulati nel corso degli anni. La placca instabile può quindi staccarsi dalla parete arteriosa e causare un blocco che porta ad un infarto, ictus o morte.

“Il risultato pratico del nostro studio è che i caregiver dovrebbero essere consapevoli dei maggiori rischi cardiovascolari associati a infezioni respiratorie come la polmonite, e in particolare la polmonite batterica “, ha detto il Dottor Muhlestein. “Se a un paziente è stata diagnosticata una polmonite batterica , occorre trattarla in modo aggressivo e osservare eventuali segni di infarto o ictus. Se il paziente sta assumendo farmaci specifici per una condizione cardiaca, come l’ipertensione o il colesterolo, deve continuare ad assumere quei farmaci prescritti”.

Le persone con accumulo di placca noto dovrebbero essere particolarmente consapevoli dell’importanza di prevenire le infezioni respiratorie. Il Dr. Muhlestein consiglia di fare un vaccino antinfluenzale, un pneumovax, di praticare un’igiene delle mani corretta tutto l’anno (e specialmente durante la stagione fredda e influenzale) e di smettere immediatamente di fumare.

Fonte, EurekAlert


Altri articoli su polmonite