HomeSaluteOcchiRetina: speranza di trattamento della degenerazione

Retina: speranza di trattamento della degenerazione

(Retina-Immagine: le cellule progenitrici della retina derivate da cellule staminali pluripotenti indotte da RxCell (iPSC) possono maturare in fotorecettori della retina dopo il trapianto nei modelli preclinici, consentendo una visione ripristinata. Credito: NUS Yong Loo Lin School of Medicine).

Le malattie ereditarie della retina (IRD) sono un gruppo di malattie geneticamente e clinicamente omogenee caratterizzate da un progressivo danno retinico che porta alla perdita della vista. L’incidenza globale delle IRD è di circa 1 su 2000 persone. Questi disturbi sono tra le principali cause di cecità in tutto il mondo.

Sebbene l’introduzione della terapia genica abbia rappresentato uno sviluppo significativo, la sua efficacia è stata smussata dalla vastità dell’eterogeneità genetica, con oltre 260 geni implicati nelle malattie ereditarie della retina. Ciò limita l’applicazione diffusa della terapia genica a tutte le IRD. Inoltre, la terapia genica ha un’efficacia limitata nei casi clinici di degenerazione retinica avanzata in cui si è già verificata una significativa morte delle cellule dei fotorecettori. Le cellule fotorecettrici si trovano nella retina e rispondono alla luce, convertendola in segnali elettrici che attivano reazioni a catena fisiologiche. Questi segnali vengono inviati attraverso il nervo ottico al cervello per l’elaborazione.

- Advertisement -

Con l’avvento della tecnologia delle cellule staminali pluripotenti indotte (iPSC) e delle cellule staminali embrionali (ESC), la terapia con cellule staminali rigenerative ha il potenziale per essere un trattamento alternativo per la degenerazione retinica allo stadio terminale, indipendentemente dal difetto genetico sottostante. Le terapie rigenerative della retina sono quindi molto promettenti per il trattamento delle IRD. Studi in modelli animali di IRD hanno suggerito un miglioramento visivo in seguito al trapianto di precursori dei fotorecettori retinici, sebbene vi siano prove limitate sulla capacità di questi trapianti di salvare il danno retinico nei mammiferi superiori.

Vedi anche:Retina: acidi grassi polinsaturi migliorano la funzione

Uno studio pubblicato di recente sulla rivista Stem Cell Research and Therapy, guidato dall’assistente Professore Su Xinyi del Dipartimento di Oftalmologia presso la NUS Yong Loo Lin School of Medicine, ha esaminato il potenziale terapeutico dei precursori dei fotorecettori derivati ​​da iPSC clinicamente conformi. Lo studio ha dimostrato la sicurezza e il potenziale terapeutico dei precursori dei fotorecettori derivati ​​da iPSC clinicamente conformi come fonte di sostituzione cellulare per futuri studi clinici. Questi includono l’esecuzione di un primo studio clinico sull’uomo per il trapianto di precursori fotoerecettori a Singapore, in collaborazione con RxCELL, una società di biotecnologie focalizzata su applicazioni terapeutiche iPSC.

Spiegano gli autori:

- Advertisement -

Le terapie rigenerative retiniche sono molto promettenti per il trattamento delle degenerazioni retiniche ereditarie (IRD). Studi in modelli preclinici di IRD di mammiferi inferiori hanno suggerito un miglioramento visivo dopo il trapianto di precursori dei fotorecettori retinici, ma ci sono prove limitate sulla capacità di questi trapianti di salvare il danno retinico nei mammiferi superiori. Lo scopo di questo studio era di valutare il potenziale terapeutico dei precursori dei fotorecettori derivati ​​da cellule staminali pluripotenti indotte (iPSC) clinicamente conformi. I precursori dei fotorecettori sono stati trapiantati a livello subretinico in primati non umani ( Macaca fascicularis ). Le cellule sono state trapiantate sia in modelli di degenerazione retinica naïve che indotta da cloruro di cobalto che avevano ricevuto immunosoppressione sistemica per una settimana prima della procedura. La tomografia a coerenza ottica, l’imaging dell’autofluorescenza del fondo, l’elettroretinografia, l’istologia ex vivo e la colorazione con immunofluorescenza sono stati utilizzati per valutare la struttura, la funzione e la sopravvivenza della retina delle cellule trapiantate. Risultati: Non ci sono stati effetti negativi dei precursori dei fotorecettori derivati ​​da iPSC sulla struttura o funzione della retina nei modelli NHP naïve, indicando una buona biocompatibilità. Inoltre, i precursori dei fotorecettori iniettati in modelli NHP di degenerazione retinica indotta da cloruro di cobalto hanno dimostrato la capacità sia di sopravvivere che di maturare in fotorecettori conici a 3 mesi dopo il trapianto. La tomografia a coerenza ottica ha mostrato il ripristino della zona ellissoide retinica post-trapianto. Conclusioni: Questi risultati dimostrano la sicurezza e il potenziale terapeutico dei precursori dei fotorecettori derivati ​​da iPSC clinicamente conformi come fonte di sostituzione cellulare per futuri studi clinici“.

Fonte:Stem Cell Research and Therapy

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...