HomeSaluteTrapianto di midollo: trovati fattori genetici che contribuiscono al successo

Trapianto di midollo: trovati fattori genetici che contribuiscono al successo

(Trapianto di midollo-Immagine Credit Public Domain).

Una nuova ricerca del Roswell Park Comprehensive Cancer Center ha scoperto fattori genetici diversi che contribuiscono in modo significativo agli esiti dopo il trapianto di  midollo (BMT) nei pazienti oncologici. Questo studio, pubblicato sulla rivista EClinicalMedicine, una rivista ad accesso aperto di Lancet, potrebbe portare a importanti cambiamenti nel modo in cui vengono abbinati donatori e riceventi di sangue e midollo, nonché allo sviluppo di nuove terapie per prevenire le complicanze legate al trapianto.

Un team di ricercatori guidato da Theresa Hahn, PhD, Professore di Oncologia presso il Dipartimento di prevenzione e controllo del cancro a Roswell Park, che includeva collaboratori della Ohio State University, ha scansionato il DNA di 2.887 pazienti oncologici sottoposti a trapianto di midollo tra il 2000 e il 2011 per il trattamento della leucemia mieloide acuta, della sindrome mielodisplastica o della leucemia linfoblastica acuta, insieme al DNA dei donatori sani.

- Advertisement -

“Questo studio fornisce la prima prova che la variazione genetica comune diversa dalla compatibilità HLA ha un impatto significativo sulla sopravvivenza dopo il trapianto di sangue e midollo, suggerendo che esistono importanti varianti genetiche diverse dal tipo HLA, da considerare quando si abbinano donatori e riceventi non correlati“, afferma il Dott. Hahn. “Questi risultati potrebbero cambiare il modo in cui donatori e riceventi non imparentati sono abbinati per il trapianto di midollo e potrebbero anche aiutare a guidare le strategie di trattamento post-trapianto, fornendo un trattamento personalizzato su misura per il genoma unico del singolo paziente, aprendo la strada alla previsione e alla prognosi del rischio individualizzato per migliorare il successo della terapia BMT per il cancro“.

Il trapianto allogenico di midollo o l’infusione di sangue da un donatore sano a un ricevente, è un’opzione di trattamento curativo per una varietà di tumori, tra cui leucemia, mielodisplasia e linfoma. Per aumentare le probabilità di successo, i donatori e i riceventi sono abbinati in base al tipo di HLA, il che aumenta la possibilità che il trapianto abbia successo e riduce il rischio di complicanze correlate al trapianto potenzialmente fatali, come la malattia del trapianto contro l’ospite. Tuttavia, nonostante donatori e riceventi corrispondano strettamente in base al loro tipo di HLA, troppi pazienti muoiono entro 1 anno dalla BMT a causa di malattie o complicazioni legate al trapianto stesso, indicando che fattori critici diversi dal tipo HLA contribuiscono al successo della terapia del cancro BMT.

Il team ha cercato geni al di fuori della regione HLA che potrebbero essere associati all’esito del trapianto. Utilizzando questo approccio di associazione dell’intero genoma, i ricercatori hanno scoperto che geni specifici in donatori e riceventi, nonché combinazioni specifiche di geni donatori e pazienti diversi dai geni HLA, hanno avuto un effetto significativo sull’esito del BMT per vari tipi di cancro.

Vedi anche:Progettati tessuti ossei che facilitano il trapianto di midollo osseo

- Advertisement -

Ad esempio, nei riceventi, MBNL1, un gene correlato alla leucemia che è espresso nella maggior parte delle cellule del sangue e del midollo, è stato associato ad un aumentato rischio di morte nel primo anno dopo BMT, così come PILRB, un gene associato alla risposta del sistema immunitario e la malattia del trapianto contro l’ospite potenzialmente fatale associata al trapianto. Nei donatori, è stato scoperto che due geni aumentano significativamente il rischio di morte per cancro nei riceventi. I ricercatori hanno anche scoperto che la mancata corrispondenza tra donatori e riceventi in diversi geni, tra cui LINC02774, EPGN, MTHF2DL e regioni nel cromosoma 4, era associata a un aumento del rischio di tutte le cause di morte nel primo anno dopo BMT.

Fonte: EClinicalMedicine

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...