Prevenire l’ipertensione oculare

ipertensione oculare

L’ipertensione oculare è definita come una pressione intraoculare superiore alla norma (pressione oculare) che aumenta significativamente il rischio di sviluppare il glaucoma.

Epidemiologia dell’ipertensione oculare

L’incidenza dell’ipertensione oculare varia a seconda della razza e dell’etnia e aumenta anche con l’età. Secondo uno studio epidemiologico, le persone afro-caraibiche sono maggiormente a rischio di ipertensione oculare; questo gruppo ha la più alta prevalenza di malattia a livello globale (12,6%).

Tra le persone bianche iscritte al Framingham Eye Study, la prevalenza era del 6,2% nelle persone di età inferiore ai 65 anni e dell’8,7% nelle persone di età superiore ai 75 anni. Nell’India meridionale, la prevalenza è dell’1,1% nelle persone di età superiore a 40 anni.

Perché è importante rilevare presto l’ipertensione oculare?

Sebbene l’ipertensione oculare sia per lo più asintomatica, l’alta pressione cronica dell’occhio può scatenare la neuropatia ottica glaucomatosa (alterazioni del disco e difetti del campo visivo). Secondo l’ Ocular Hypertension Treatment Study (OHTS), circa il 2% delle persone con ipertensione oculare non trattata sviluppano il glaucoma in un anno e il 9,5% sviluppa il glaucoma in 5 anni. Dopo 13 anni, la percentuale sale al 22%.

Una maggiore pressione intraoculare è il fattore di rischio più frequente per il glaucoma (una grave patologia oculare caratterizzata da danno al nervo ottico e perdita della vista); tuttavia, il glaucoma può svilupparsi anche in assenza di ipertensione oculare (glaucoma a bassa tensione o tensione normale). Diversi fattori associati all’ipertensione oculare possono ulteriormente aumentare il rischio di insorgenza di glaucoma.

Vedi anche,Derivato della curcuma può trattare il glaucoma.

  • Lo spessore corneale centrale è uno di questi fattori di rischio. L’accuratezza della misurazione della pressione oculare dipende in modo significativo dalle proprietà biochimiche della cornea. In caso di cornea più spessa, la tonometria ad appianamento può fornire un valore sovrastimato della pressione oculare; mentre, in caso di cornea più sottile, il valore può essere sottostimato.

Ogni diminuzione di 40 μm dello spessore corneale centrale aumenta il rischio di sviluppo di glaucoma dell’ 81%. Pertanto, durante la valutazione dei fattori di rischio del glaucoma, è importante tenere presente che le persone con cornee più sottili e ipertensione oculare sono più sensibili al glaucoma rispetto a quelle con cornee più spesse e ipertensione oculare.

L’ipertensione oculare è prevenibile?

Possono essere prese misure per prevenire l’ipertensione oculare e quindi il rischio di glaucoma e questo è particolarmente importante nei pazienti con una storia familiare della condizione. Il trattamento consiste in colliri topici che riducono la pressione oculare e  il rischio di glaucoma del 50%.

Anche il monitoraggio regolare della pressione oculare è importante. Inoltre, i pazienti con ipertensione oculare devono sottoporsi a follow-up annuali con test sul campo visivo e imaging del nervo ottico.    

Dato che i farmaci possono essere costosi e gli effetti collaterali e la scarsa aderenza sono possibili, è importante classificare i pazienti con ipertensione oculare come rischio basso, moderato o alto, prima di iniziare il trattamento.

I pazienti con una pressione oculare> 30 mm Hg sono particolarmente ad alto rischio. Allo stesso modo, i pazienti con una pressione oculare> 26 mmHg e uno spessore corneale centrale di <555 micron sono ad alto rischio. Queste persone richiedono sicuramente farmaci per ridurre la pressione oculare di almeno il 20%.

Una pressione oculare di 24 – 29 mm Hg senza danni al nervo retinico o una pressione oculare di 22 – 25 mm Hg con spessore corneale centrale <555 micron è considerata un rischio moderato. I follow-up annuali sono essenziali per i pazienti a rischio moderato di glaucoma. Il trattamento per questa coorte di pazienti inizia generalmente solo dopo la diagnosi delle prime alterazioni correlate al glaucoma.  

I pazienti con una pressione oculare di 22-23 mm di Hg e uno spessore corneale centrale di> 588 micron sono a basso rischio e raramente sviluppano il glaucoma. Pertanto, il trattamento non è raccomandato per questi pazienti. Tuttavia, dovrebbero subire un follow-up ogni 2 anni.

Fonte,The College of Optometrist

Altri articoli su ipertensione oculare