Nuovo approccio di ringiovanimento delle cellule staminali del cervello

cellule staminali

Scienziati del Luxembourg Centre for Systems Biomedicine (LCSB), della University of Luxembourg e German Cancer Research Center (DKFZ) sono stati in grado di ringiovanire le cellule staminali nel cervello dei topi anziani. 

Le cellule staminali rivitalizzate migliorano la rigenerazione delle aree ferite o malate nel cervello di vecchi topi. Secondo i ricercatori il loro approccio fornirà nuovo slancio nella medicina rigenerativa e faciliterà lo sviluppo di terapie con le cellule staminali.

I risultati sono stati pubblicati oggi sulla rivista Cell

Tutte le cellule che compongono i nostri organi provengono da cellule staminali. Si dividono e le cellule risultanti si sviluppano in cellule tissutali specifiche, formando cervello, polmoni o midollo osseo. Con l’età, tuttavia, le cellule staminali degli organismi viventi perdono la loro capacità di proliferare e molte di esse cadono in uno stato permanente di quiescenza.

.Vedi anche Il digiuno aumenta la capacità rigenerativa delle cellule staminali

Al fine di creare modelli computazionali del comportamento delle cellule staminali il più accurato possibile, il gruppo di biologia computazionale LCSB guidato dal Prof. Antonio Del Sol ha utilizzato un nuovo approccio. “Le cellule staminali vivono in una nicchia in cui interagiscono costantemente con altre cellule e componenti extracellulari ed è estremamente difficile modellare una pletora di complesse interazioni molecolari al computer, quindi abbiamo spostato la prospettiva. Influenzando le cellule staminali abbiamo iniziato a pensare a come poteva essere lo stato interno di una cellula staminale nella sua nicchia ben definita “.

Il nuovo approccio ha portato a un nuovo modello computazionale sviluppato dal Dr. Srikanth Ravichandran del Computational Biology Group: “Il nostro modello può determinare quali proteine ​​sono responsabili dello stato funzionale di una determinata cellula staminale nella sua nicchia – ovvero se si dividerà o rimarrà in uno stato di quiescenza. Il nostro modello si basa sulle informazioni su quali geni vengono trascritti. Le moderne tecnologie di biologia cellulare consentono la profilazione dell’espressione genica a risoluzione di una singola cellula”.

Altri articoli su cellule staminali