HomeSaluteBiotecnologie e GeneticaNuova tecnica di editing genetico più sicura

Nuova tecnica di editing genetico più sicura

(Editing genetico-Immagine Credit Public Domain).

Un nuovo metodo di editing genetico, sviluppato dai ricercatori del McGovern Institute, potrebbe portare a terapie geniche più sicure ed efficienti.

L’editing genetico o la modifica intenzionale della sequenza del DNA di un gene, è un potente strumento per studiare come le mutazioni causano la malattia e per apportare modifiche al DNA di un individuo a fini terapeutici. Un nuovo metodo di editing genetico che può essere utilizzato per entrambi gli scopi è stato ora sviluppato da un team guidato da Guoping Feng, James W. (1963) e Patricia T. Poitras, Professore di Brain and Cognitive Sciences al MIT.

- Advertisement -

“Questo progresso tecnico può accelerare la produzione di modelli di malattia negli animali e, in modo critico, offre una metodologia completamente nuova per correggere le mutazioni che causano malattie”, afferma Feng, che è anche membro del Broad Institute of Harvard e del MIT e Direttore associato del McGovern Institute for Brain Research al MIT.

Le nuove scoperte sono state pubblicate online il 26 maggio 2021, sulla rivista Cell.

Modelli genetici di malattia

Uno degli obiettivi principali del laboratorio Feng è definire con precisione cosa va storto nei disturbi dello sviluppo neurologico e neuropsichiatrico mediante l’ingegneria di modelli animali che portano le mutazioni genetiche che causano questi disturbi negli esseri umani. Nuovi modelli possono essere generati iniettando embrioni con strumenti di editing genetico, insieme a un pezzo di DNA che porta la mutazione desiderata. In uno di questi metodi, lo strumento di modifica genica CRISPR è programmato per tagliare un gene mirato, attivando così i meccanismi naturali del DNA che “riparano” il gene rotto con il DNA stampo iniettato. Le cellule ingegnerizzate vengono quindi utilizzate per generare una prole in grado di trasmettere il cambiamento genetico a generazioni successive, creando una linea genetica stabile in cui vengono testate la malattia e le terapie.

Sebbene CRISPR abbia accelerato il processo di generazione di tali modelli di malattia, il processo può ancora richiedere mesi o anni. Le ragioni dell’inefficienza sono che molte cellule trattate non subiscono affatto il cambiamento di sequenza del DNA desiderato e il cambiamento si verifica solo su una delle due copie del gene (per la maggior parte dei geni, ogni cellula contiene due versioni, una dal padre e una da la madre).

- Advertisement -

Nel tentativo di aumentare l’efficienza del processo di modifica genica, il team del laboratorio Feng ha inizialmente ipotizzato che l’aggiunta di una proteina di riparazione del DNA chiamata RAD51 a una miscela standard di strumenti di modifica genica CRISPR aumenterebbe le possibilità che una cellula (in questo caso un topo fecondato uovo o embrione unicellulare) subirebbero il cambiamento genetico desiderato.

Come test case, i ricercatori hanno misurato la velocità con cui sono stati in grado di inserire (“knock-in”) una mutazione nel gene Chd2 che è associato all’autismo. La proporzione complessiva di embrioni che sono stati modificati correttamente è rimasta invariata, ma con loro sorpresa, una percentuale significativamente più alta ha portato la modifica del gene desiderata su entrambi i cromosomi. I test con un gene diverso hanno prodotto lo stesso risultato inaspettato.

“La modifica di entrambi i cromosomi contemporaneamente è normalmente molto rara”, spiega il postdoc Jonathan Wilde. “L’alto tasso di editing osservato con RAD51 è stato davvero sorprendente e quello che è iniziato come un semplice tentativo di creare topi Chd2 mutanti si è rapidamente trasformato in un progetto molto più grande incentrato su RAD51 e le sue applicazioni nell’editing del genoma“, afferma Wilde, coautore il  documento Cell con il ricercatore Tomomi Aida.

Vedi anche:Gli inventori dell’editing genetico Crispr – Cas9 vincono il premio Nobel per la chimica

Una copiatrice molecolare

Il team del laboratorio Feng ha quindi iniziato a capire il meccanismo con cui RAD51 migliora l’editing genico. Hanno ipotizzato che RAD51 avvii un processo chiamato riparazione interomologa (IHR), per cui una rottura del DNA su un cromosoma viene riparata usando la seconda copia del cromosoma (dall’altro genitore) come modello.

Per testare questo, hanno iniettato embrioni di topo con RAD51 e CRISPR ma hanno escluso il DNA modello. I ricercatori hanno programmato CRISPR per tagliare solo la sequenza genica su uno dei cromosomi e poi hanno testato se fosse stato riparato per corrispondere alla sequenza sul cromosoma non tagliato. Per questo esperimento, hanno dovuto usare topi in cui le sequenze sui cromosomi materni e paterni erano diverse. Hanno scoperto che gli embrioni di controllo iniettati con il solo CRISPR mostravano raramente la riparazione dell’IHR. Tuttavia, l’aggiunta di RAD51 ha aumentato significativamente il numero di embrioni in cui il gene target CRISPR è stato modificato per corrispondere al cromosoma non tagliato. 

Un nuovo modo per correggere le mutazioni che causano malattie

Le strategie di terapia genica standard che si basano sull’iniezione di un pezzo correttivo di DNA per fungere da modello per riparare la mutazione coinvolgono un processo chiamato riparazione diretta dall’omologia (HDR). Le strategie basate sull’HDR soffrono ancora di bassa efficienza e comportano il rischio di un’integrazione indesiderata del DNA del donatore in tutto il genoma”, spiega Feng. “IHR ha il potenziale per superare questi problemi perché si basa su percorsi cellulari naturali e sul cromosoma normale del paziente per la correzione della mutazione deleteria”.

Il team di Feng ha continuato a identificare ulteriori proteine ​​associate alla riparazione del DNA che possono stimolare l’IHR, comprese molte che non solo promuovono alti livelli di IHR, ma reprimono anche gli errori nel processo di riparazione del DNA. Ulteriori esperimenti che hanno permesso al team di esaminare le caratteristiche genomiche degli eventi IHR hanno fornito una visione più approfondita del meccanismo dell’IHR e suggerito modi in cui la tecnica può essere utilizzata per rendere più sicure le terapie geniche. “Anche se c’è ancora molto da imparare su questa nuova applicazione dell’IHR, i nostri risultati sono la base per un nuovo approccio di terapia genica che potrebbe aiutare a risolvere alcuni dei grandi problemi con gli approcci attuali”, afferma Aida.

Questo studio è stato supportato dall’Hock E. Tan e K. Lisa Yang Center for Autism Research del MIT, dal Poitras Center for Psychiatric Disorders Research del MIT, da un NIH/NIMH Conte Center Grant e dal NIH.

Fonte: Cell

 

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...