SaluteFegatoNAFLAD : integratore di amido resistente riduce i trigliceridi epatici

NAFLAD : integratore di amido resistente riduce i trigliceridi epatici

fegato grasso

NAFLAD-Immagine:Credito: Pixabay/CC0 dominio pubblico-

L’amido resistente è una fibra non digeribile che fermenta nell’intestino crasso e il suo consumo ha già dimostrato in studi sugli animali di avere un effetto positivo sul metabolismo.

Ora, uno studio randomizzato e controllato di quattro mesi condotto su persone con steatosi epatica non alcolica (NAFLD) indica che l’assunzione giornaliera di amido resistente può alterare la composizione dei batteri intestinali e abbassare i trigliceridi e gli enzimi epatici associati a lesioni epatiche e infiammazioni.

Questa ricerca appare sulla rivista Cell Metabolism.

La NAFLD, causata da un accumulo di grasso nel fegato, colpisce circa il 30% della popolazione mondiale. Può portare a gravi malattie del fegato e contribuire ad altre condizioni, come il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari. Attualmente non sono disponibili farmaci approvati per il trattamento della NAFLD. I medici di solito raccomandano cambiamenti nella dieta ed esercizio fisico per alleviare le condizioni.

Pensiamo che sarebbe significativo se riuscissimo a trovare un approccio efficace, magari attraverso l’identificazione di nuovi bersagli terapeutici, per gestire la NAFLD”, afferma Huating Li, co-autore corrispondente dello studio presso lo Shanghai Sixth People’s Hospital.

Precedenti ricerche hanno suggerito che la NAFLD è associata a un microbiota intestinale perturbato. Ad esempio, le persone con NAFLD in stadio iniziale hanno già un profilo batterico intestinale alterato. Quindi, Li e il suo team volevano indagare se l’amido resistente, un tipo di fibra nota per favorire la crescita di batteri intestinali benefici, può aiutare a trattare la NAFLD.

Il team ha reclutato 200 pazienti con NAFLD e ha fornito loro un piano dietetico equilibrato progettato da un nutrizionista. Tra questi, 100 pazienti hanno ricevuto anche una polvere di amido resistente derivata dal mais, mentre gli altri 100 hanno ricevuto amido di mais non resistente con un apporto calorico corrispondente come controllo. È stato chiesto loro di bere 20 grammi di amido mescolati con 300 ml di acqua (1 tazza e ¼) prima dei pasti due volte al giorno per quattro mesi.

Dopo l’esperimento di quattro mesi, i partecipanti che hanno ricevuto il trattamento con amido resistente avevano livelli di trigliceridi epatici più bassi di quasi il 40% rispetto ai pazienti del gruppo di controllo. Inoltre, i pazienti sottoposti al trattamento con amido resistente hanno riscontrato anche una riduzione degli enzimi epatici e dei fattori infiammatori associati alla NAFLD. È importante sottolineare che questi benefici erano ancora evidenti anche se aggiustati statisticamente per la perdita di peso.

Il nostro studio mostra che l’impatto dell’amido resistente nel migliorare le condizioni del fegato dei pazienti è indipendente dai cambiamenti del peso corporeo, afferma Yueqiong Ni, co-primo autore dell’articolo presso il Sixth People’s Hospital di Shanghai e l’Istituto Leibniz per la ricerca sui prodotti naturali e la biologia delle infezioni—Hans-Knöll -Istituto (HKI), in Germania.

Analizzando i campioni fecali dei pazienti, il team ha scoperto che il gruppo trattato con amido resistente aveva una composizione e una funzionalità del microbiota diverse rispetto al gruppo di controllo. In particolare, i pazienti del gruppo di trattamento presentavano un livello inferiore di Bacteroides stercoris, una specie batterica chiave che può influenzare il metabolismo dei grassi nel fegato attraverso i suoi metaboliti. La riduzione di B. stercoris è fortemente legata alla diminuzione del contenuto di trigliceridi epatici, degli enzimi epatici e dei metaboliti osservati.

Quando il team ha trapiantato il microbiota fecale da pazienti resistenti in trattamento con amido in topi alimentati con una dieta ricca di grassi e colesterolo, i topi hanno osservato una significativa riduzione del peso del fegato e dei livelli di trigliceridi epatici e un miglioramento della classificazione del tessuto epatico rispetto ai topi che avevano ricevuto microbiota da il gruppo di controllo.

Leggi anche:Ormone gastrointestinale combatte la steatosi epatica non alcolica

Siamo in grado di identificare un nuovo intervento per la NAFLD e l’approccio è efficace, conveniente e sostenibile. Rispetto all’esercizio fisico intenso o al trattamento per la perdita di peso, l’aggiunta di amido resistente a una dieta normale ed equilibrata è molto più facile da seguire per le persone“, dice Li.

Fonte:Cell Metabolism

Newsletter

Tutti i contenuti di medimagazine ogni giorno sulla tua mail

In primo piano

Articoli correlati

ALTRE NOTIZIE