HomeSaluteMelanomi uveali: non sempre sono innocui

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain).

Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui, come suggerisce l’attuale paradigma. Invece, una percentuale ragionevole di questi melanomi ha alterazioni genetiche molecolari che li classifica come tumori altamente metastatici. L’articolo raccomanda che non dovrebbero essere solo osservati, ma piuttosto trattati immediatamente, per migliorare le possibilità di sopravvivenza dei pazienti.

Il documento mostra che i pazienti con melanoma uveale, se trattati entro un certo periodo, hanno effettivamente risultati migliori.

- Advertisement -

Lo studio è stato intrapreso dai ricercatori del Liverpool Ocular Oncology Center con sede presso il Liverpool University Hospitals NHS Foundation Trust, il Liverpool Ocular Oncology Research Group (LOORG) presso l’Università di Liverpool e con il Professor Bertil Damato, ex Liverpool University e ora di base all’Ocular Oncology al Moorfields Eye Hospital di Londra.

Il primo autore dello studio, la Dott.ssa Rumana Hussain, del Liverpool Ocular Oncology Center, ha dichiarato: “Il melanoma uveale è una malattia potenzialmente letale, con un tasso di mortalità del 50% per malattia metastatica. Tuttavia, tradizionalmente, le piccole lesioni sono state monitorate piuttosto che trattate poiché si riteneva che hanno meno probabilità di causare la diffusione metastatica e che il trattamento locale non influenza l’esito.

“Liverpool è uno dei pochi centri di oncologia oculare al mondo che offre biopsie prognostiche a tutti i suoi pazienti affetti da melanoma e abbiamo quindi raccolto un’ampia coorte genetica molecolare di piccoli tumori. Questo è il primo studio a dimostrare che oltre un quarto dei questi melanomi uveali più piccoli hanno mutazioni genetiche letali e suggerisce che potremmo essere in grado di influenzare la sopravvivenza del paziente e gli esiti di mortalità con un trattamento precoce di questi piccoli melanomi. Ciò causerà un enorme cambiamento nell’approccio a tali pazienti, sia in termini di gestione di loro tumore primitivo, ma anche in termini di considerazione delle biopsie prognostiche nei piccoli tumori oculari”.

La missione del Liverpool Ocular Oncology Research Group è condurre una ricerca di base, traslazionale e clinica di alta qualità sulla patogenesi e il trattamento dei tumori oculari adulti al fine si migliorare la cura e la sopravvivenza del paziente.

- Advertisement -

Insieme alla Dott.ssa Helen Kalirai, la Professoressa Sarah Coupland, patologo consulente diagnostico presso il Liverpool University Hospitals Foundation Trust, ha guidato la ricerca. Sarah è a capo di uno dei quattro servizi di patologia oftalmica sovraregionale NHSE e ha guidato il servizio di prognosi di oncologia molecolare per circa 10 anni. Il Professor Heinrich Heimann è a capo ricerca clinica del LOORG e dirige il Centro di oncologia oculare di Liverpool.

Vedi anche:Identificata una combinazione efficace di farmaci contro il melanoma uveale

La Professoressa Sarah Coupland ha dichiarato: “Dall’inizio degli anni ’90 era chiaro che i melanomi uveali potevano essere suddivisi in diversi gruppi prognostici genetici. Questa ipotesi è diventata ancora più definitiva grazie a studi come lo studio The Cancer Genome Atlas Uveal Melanoma Study, a cui LOORG ha contribuito in modo significativo. Le analisi precedenti, tuttavia, si basavano principalmente su tumori di grandi dimensioni e pochissime indagini genetiche sono state intraprese su piccoli melanomi uveali, che erroneamente sono stati tutti etichettati come “sicuri”.

“Il nostro studio utilizza una raccolta unica di minuscole biopsie intraoculari di piccoli melanomi uveali con i dati clinici di follow-up e mostra che possono essere scomposti in tumori “buoni” e “cattivi”.  Questi ultimi, possono essere trattati prima e quindi aumentare significativamente le possibilità di cura per questi pazienti”.

Fonte:Cancers

ULTIMI ARTICOLI

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...

Cancro al seno: come diventa aggressivo

(Cancro al seno-Immagine Credit dominio pubblico Unsplash / CC0). I ricercatori del Baylor College of Medicine hanno seguito la progressione del cancro al seno in...