HomeSaluteTumoriMelanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain).

Nonostante rappresenti solo l’1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della pelle. Sebbene esistano trattamenti per questa grave malattia, questi farmaci possono variare in efficacia a seconda dell’individuo.

Uno studio di Salk Institute, pubblicato il 18 maggio 2021 sulla rivista Cell Reports, rivela nuove intuizioni su una proteina chiamata CRTC3, un interruttore genetico che potrebbe potenzialmente essere mirato per sviluppare nuovi trattamenti per il melanoma mantenendo questo interruttore spento.

- Advertisement -

“Siamo stati in grado di correlare l’attività di questo interruttore genetico alla produzione di melanina e al cancro”, afferma l’autore corrispondente dello studio Salk Marc Montminy, Professore nei Laboratori della Fondazione Clayton per la biologia dei peptidi.

Il melanoma si sviluppa quando le cellule che producono pigmenti che danno alla pelle il suo colore, chiamate melanociti, mutano e iniziano a moltiplicarsi in modo incontrollabile. Queste mutazioni possono spingere le proteine come CRTC3 a indurre la cellula a produrre quantità anormale di pigmento o a migrare ed essere più invasive.

Vedi anche:Melanoma: svolta nella diagnosi precoce

I ricercatori sapevano che la famiglia di proteine ​​CRTC (CRTC1, CRTC2 e CRTC3) è coinvolta nella pigmentazione e nel melanoma, ma è stato difficile ottenere dettagli precisi sulle singole proteine. “Questa è una situazione davvero interessante in cui i diversi comportamenti di queste proteine o interruttori genetici, possono effettivamente diventare specifici quando iniziamo a pensare alle terapie”, dice la prima autrice dello studio Jelena Ostojic, ex scienziata dello staff di Salk e ora scienziata principale presso DermTech.

- Advertisement -

Vedi anche:Melanoma: un farmaco può fermare la crescita

I ricercatori hanno osservato che l’eliminazione di CRTC3 nei topi ha causato un cambiamento di colore nel mantello dell’animale, dimostrando che la proteina è necessaria per la produzione di melaninaI loro esperimenti hanno anche rivelato che quando la proteina era assente nelle cellule di melanoma, le cellule migravano e invadevano meno, il che significa che erano meno aggressive, suggerendo che l’inibizione della proteina potrebbe essere utile per il trattamento della malattia.Figura miniatura fx1

Immagine: astratto Grafico Credito SalK Institute.

Il team ha caratterizzato, per la prima volta, la connessione tra due sistemi di comunicazione cellulare (segnalazione) che convergono sulla proteina CRTC3 nei melanociti. Questi due sistemi dicono alla cellula di proliferare o di produrre il pigmento melanina. Montminy paragona questo processo a una staffetta. In sostanza, un testimone (messaggio chimico) viene passato da una proteina all’altra fino a quando non raggiunge l’interruttore CRTC3, accendendolo o spegnendolo.

“Il fatto che CRTC3 fosse un sito di integrazione per due percorsi di segnalazione – la staffetta – è stato molto sorprendente”, afferma Montminy, che detiene la Presidenza della Fondazione JW Kieckhefer. “CRTC3 crea un punto di contatto tra di loro che aumenta la specificità del segnale“.

Successivamente, il team prevede di indagare ulteriormente il meccanismo di come CTRC3 influisce sull’equilibrio della differenziazione dei melanociti per sviluppare una migliore comprensione del suo ruolo nel cancro.

Fonte:Cell Reports

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...