HomeSaluteCervello e sistema nervosoCausalità tra coagulazione ed emicrania con aura

Causalità tra coagulazione ed emicrania con aura

(Emicrania con aura-Immagine Credit Public Domain).

I ricercatori hanno identificato quattro fattori della coagulazione che possono contribuire alla suscettibilità del paziente alla emicrania con aura.

Quasi il 15 per cento della popolazione degli Stati Uniti soffre di emicrania. Un sottotipo di emicrania che non è ben compreso è l’emicrania con aura (MA). Gli individui che soffrono di emicrania con aura spesso vedono luci lampeggianti, punti ciechi o linee frastagliate nel loro campo visivo prima dell’inizio dell’emicrania. Affrontano anche un rischio maggiore di ictus e malattie cardiovascolari, sebbene gli scienziati continuino a esplorare il motivo per cui esiste questa correlazione. In un nuovo studio del Brigham and Women’s Hospital, i ricercatori hanno utilizzato una tecnica di analisi genetica chiamata randomizzazione mendeliana per esaminare 12 misure di coagulazione, scoprendone quattro associate alla suscettibilità all’emicrania. È interessante notare che gli scienziati hanno osservato queste associazioni solo negli individui che soffrono di emicrania con aura e non hanno osservato tali associazioni tra gli individui che soffrono di emicrania senza aura (MO). La loro ricerca suggerisce che questi fattori emostatici potrebbero potenzialmente avere un ruolo causale nella emicrania con aura.

- Advertisement -

Vedi anche:Emicrania e connessione con malattie cardiovascolari

I loro risultati sono pubblicati in Neurology.

“Abbiamo sempre voluto sapere perché le persone con MA hanno questo rischio più elevato di ictus e altre malattie cardiovascolari”, ha detto l’autore corrispondente dello studio Daniel Chasman, PhD, della Divisione di Medicina Preventiva al Brigham. “Questo studio offre piste promettenti specifiche per la emicrania con aura. Trovare una possibile causa è una questione in sospeso nel campo da molto tempo”.

Ci sono state speculazioni nel campo delle relazioni tra coagulazione e suscettibilità all’emicrania per un po’ di tempo, ma la ricerca precedente è stata in gran parte inconcludente. La maggior parte delle persone sperimenta l’emicrania per la prima volta in giovane età, ad esempio durante l’infanzia o la giovane età adulta. Poiché i progetti di studi precedenti includevano solo adulti di mezza età e anziani, i ricercatori si sono chiesti se la coagulazione provochi l’emicrania o se esista una causalità tra questi due elementi. In questo studio, sfruttando la randomizzazione mendeliana, che può supportare o confutare potenziali effetti causali su un esito di salute, gli scienziati per la prima volta hanno trovato prove che i fattori della coagulazione del sangue  possono contribuire al rischio di emicrania con aura.

- Advertisement -

Vedi anche:Emicrania cronica: possibile nuova terapia

“Anche se vediamo un’associazione tra emicrania e questi fattori della coagulazione quando misuriamo entrambi i fattori in una popolazione allo stesso tempo, ci chiediamo ancora: chi dei due è venuto prima?” ha detto la coautrice dello studio Pamela Rist, ScD, della Divisione di Medicina Preventiva al Brigham. “Una delle parti interessanti della randomizzazione mendeliana è che consente di esaminare la potenziale causalità“.

I ricercatori hanno utilizzato statistiche riassuntive da decenni di dati raccolti in precedenza da persone che soffrono di emicrania e persone che non soffrono di emicrania. Poiché i criteri diagnostici sono diversi per l’emicrania con aura rispetto all’emicrania senza aura, si potrebbero esaminare queste due condizioni separatamente.

I ricercatori hanno trovato una forte associazione tra quattro fattori della coagulazione e la suscettibilità all’emicrania. Hanno osservato che livelli geneticamente aumentati di tre fattori della coagulazione del sangue: fattore VIII della coagulazione, fattore di von Willebrand e fibrinopeptide A fosforilato e livelli geneticamente ridotti di fibrinogeno (una proteina importante nelle ultime fasi del processo di coagulazione del sangue) erano tutti associati, in parte, con suscettibilità all’emicrania. È interessante notare che gli scienziati non hanno trovato questa associazione tra gli individui che soffrono di emicrania senza aura (MO), indicando una relazione specifica tra questi fattori emostatici e l’emicrania con aura.

Gli scienziati fanno notare che la randomizzazione mendeliana ha i suoi limiti. In futuro, i ricercatori potrebbero esaminare se le associazioni causali implicite nella genetica possono essere osservate nella pratica clinica.

“È molto emozionante che utilizzando la randomizzazione mendeliana siamo stati in grado di dimostrare che i fattori della coagulazione sono associati all’emicrania con aura”, ha detto il primo autore dello studio Yanjun Guo, MD, PhD della Divisione di Medicina Preventiva al Brigham. “E poiché negli studi osservazionali abbiamo visto che i pazienti con MA hanno un rischio maggiore di ictus, questi risultati possono rivelare una potenziale connessione tra emicrania con aura e ictus”.

Fonte:Neurology

ULTIMI ARTICOLI

Causalità tra coagulazione ed emicrania con aura

(Emicrania con aura-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori hanno identificato quattro fattori della coagulazione che possono contribuire alla suscettibilità del paziente alla emicrania con aura. Quasi...

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...