HomeSaluteIntestino e stomacoMalattie infiammatorie intestinali: potenziale nuovo trattamento

Malattie infiammatorie intestinali: potenziale nuovo trattamento

(Malattie infiammatorie intestinali-Immagine Credit Public Domain).

Le persone con malattie infiammatorie intestinali sviluppano un’infiammazione dell’intestino che può causare un ispessimento della parete intestinale e un’ostruzione pericolosa per la vita del tubo intestinale. Dal 20 al 50 percento delle persone con morbo di Crohn e colite ulcerosa sono colpite nel corso della loro vita da questa condizione poco conosciuta, chiamata “fibrosi”.

Attualmente non ci sono trattamenti approvati per questa condizione, oltre alla chirurgia, per rimuovere la sezione bloccata dell’intestino”, afferma il Dott. Simon Hirota, Ph.D., Canada Research Chair in Host-Microbe Interactions and Chronic Disease e membro del Snyder Institute for Chronic Diseases presso la Cumming School of Medicine dell’Università di Calgary.

- Advertisement -

Un nuovo studio condotto da Hirota e pubblicato sulla rivista Cellular and Molecular Gastroenterology and Hepatology, apre le porte allo sviluppo di un potenziale trattamento per la fibrosi. Lo studio ha coinvolto ricercatori dell’Università di Calgary e dell’Albert Einstein College of Medicine di New York.

I team di ricerca hanno studiato i batteri che risiedono nell’intestino umano , “il tubo interno della vita”, che rilasciano sostanze chimiche chiamate metaboliti microbici (prodotti del metabolismo) che bloccano l’infiammazione e l’ispessimento della parete intestinale. Nelle persone con malattie infiammatorie intestinali, questi metaboliti sono presenti a livelli ridotti, così come i sensori naturali che il corpo utilizza per rilevarli.

Hirota spiega che mentre la riparazione nell’intestino è necessaria dopo l’infortunio, la riparazione costante “eccessivamente esuberante” osservata con le malattie infiammatorie intestinali porta a cambiamenti nella parete intestinale che causano malattie.

“Stiamo ora iniziando a pensare non solo al rivestimento dell’intestino che gioca un ruolo nel rilevamento e nella risposta ai metaboliti, ma anche alle cellule dei fibroblasti appena sotto il rivestimento“, afferma Hirota.

- Advertisement -

I ricercatori hanno esaminato uno specifico recettore chimico, o sensore, nell’intestino chiamato PXR che aiuta l’intestino a guarire. Si sono concentrati sull’interazione tra questo recettore e un metabolita chiamato IPA.

Utilizzando cellule di topo, i ricercatori hanno rimosso il recettore PXR, per determinare quali cellule erano coinvolte nell’interazione tra le sostanze chimiche rilasciate dai batteri intestinali e l’ospite. Hanno usato cellule dell’intestino umano per verificare i loro risultati nel modello animale.

I risultati suggeriscono che i farmaci progettati per indirizzare questi sensori possono fornire un nuovo trattamento per prevenire il blocco intestinale associato all’infiammazione. Il coautore Dr. Sridhar Mani, MD e il suo gruppo di ricerca hanno prodotto composti sintetici basati sulla struttura del metabolita IPA che hanno dimostrato di inibire l’infiammazione, proprio come fa l’IPA naturale.

Vedi anche:Antibiotici associati ad un aumentato rischio di malattie infiammatorie intestinali

“Questa nuova ricerca ha prodotto una pubblicazione di guida sul campo che implica chiaramente PXR come un obiettivo importante per la fibrosi“, afferma Mani, Professore all’Albert Einstein College of Medicine. “Speriamo di utilizzare ora il mimetismo dei metaboliti microbici come strategia per prendere di mira il PXR per prevenire questa temuta complicazione dell’IBD“.

Un passo successivo sarebbe condurre studi clinici per vedere se i composti sintetici hanno un effetto benefico sulla fibrosi e sul processo di rimodellamento nell’intestino umano. Hirota afferma che idealmente, il “metabolita sintetico” sarebbe progettato in una forma che potrebbe essere ingerito e passerebbe attraverso lo stomaco e verrebbe rilasciato in aree specifiche dell’intestino che sono interessate.

Fonte:Cellular and Molecular Gastroenterology and Hepatologia 

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...