Le abbuffate di zucchero aumentano il rischio di malattie infiammatorie intestinali

malattie infiammatorie intestinali

“Aumenti a breve termine del consumo di zucchero potrebbero aumentare il rischio di malattie infiammatorie intestinali e avere un impatto significativo sulla nostra salute”, suggerisce un nuovo studio dell’Università di Alberta.

In uno studio pubblicato su Scientific Reports, i ricercatori hanno scoperto che i topi avevano una maggiore suscettibilità alla colite indotta chimicamente e sintomi più gravi dopo solo due giorni di dieta ricca di zuccheri, rispetto a quelli che seguivano una dieta equilibrata.

Karen Madsen, specializzata nella dieta e nei suoi effetti sulla malattia infiammatoria intestinale, ha affermato che i risultati dello studio fanno eco a ciò che molti pazienti con colite affermano da molto tempo: piccoli cambiamenti nella loro dieta possono far esplodere i sintomi.

“In precedenza è stato dimostrato che il tipo di dieta che si sta seguendo può modificare la suscettibilità alle malattie”, ha dichiarato Madsen, che ha guidato il nuovo studio.

Volevamo sapere quanto tempo ci vuole prima che un cambiamento nella dieta si traduca in un impatto sulla salute. Nel caso dello zucchero e della colite, ci sono voluti solo due giorni, il che è stato davvero sorprendente per noi. Non pensavamo che sarebbe successo così rapidamente”.

Vedi anche, Perché una mutazione proteica causa malattie infiammatorie intestinali.

Lo zucchero alimenta batteri “cattivi”

Cosa potrebbe guidare un cambiamento così significativo in così poco tempo? Si scopre che tutto riguarda i batteri intestinali e l’impatto del cibo su di essi.

Gli alimenti ricchi di fibre fungono da carburante per i batteri “buoni” che vivono nell’intestino e producono acidi grassi a catena corta che sono fondamentali per un’efficace risposta immunitaria. Seguire diete ricche di zuccheri e diminuire l’assunzione di fibre, alimenta microbi “cattivi”, come E. coli che sono associati a infiammazione e una risposta immunitaria difettosa.

Lo studio di Madsen ha dimostrato che i topi che seguivano una dieta ricca di zuccheri presentavano un danno tissutale intestinale maggiore e una risposta immunitaria difettosa. Questi problemi sono stati alleviati quando la loro dieta è stata integrata con acidi grassi a catena corta normalmente prodotti da batteri buoni.

“Sorprendentemente, il nostro studio dimostra che il consumo di zucchero a breve termine può davvero avere un impatto negativo sulla salute e quindi l’idea che sia OK mangiare bene tutta la settimana e concedersi cibo spazzatura durante il fine settimana è imperfetta“, ha spiegato Madsen.

“Gli studi di follow-up potrebbero aprire la strada all’eventuale utilizzo di acidi grassi a catena corta come integratori alimentari”, ha osservato il ricercatore. “Le persone vogliono mangiare ciò che vogliono, quindi gli acidi grassi a catena corta potrebbero eventualmente essere usati come integratori per aiutare a proteggere le persone dagli effetti dannosi dello zucchero sulla malattia infiammatoria intestinale”.

Possibile collegamento alle malattie neurodegenerative

Madsen e i suoi colleghi hanno anche dimostrato che solo due giorni sulla dieta ricca di zuccheri e l’assenza di acidi grassi a catena corta hanno causato un aumento della permeabilità intestinale, aprendo interessanti strade di ricerca su come la dieta può influenzare i batteri nel nostro tratto gastrointestinale e influenzare la salute del cervello. “Vi è una crescente quantità di prove che suggeriscono che esiste un legame tra i batteri presenti nel nostro intestino e le malattie neurodegenerative come l’Alzheimer e il Parkinson”, ha spiegato Madsen.

“Poiché il nostro studio ha dimostrato che la permeabilità intestinale è aumentata in modo abbastanza drammatico nei topi con la dieta ricca di zuccheri – il che significa che i prodotti batterici sono liberi di spostarsi dall’intestino, dove normalmente rimangono, al resto del corpo -, aumenta la possibilità che questo fenomeno potrebbe guidare queste malattie, ma questo deve essere esaminato ulteriormente”.

Fonte, Scientific Reports


Altri articoli su malattie infiammatorie intestinali