Perché una mutazione proteica causa malattie infiammatorie intestinali

0
8

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Ospedale di St. Michael e del Princess Margaret Cancer Center in Canada e della Zhejiang University School of Medicine in Cina ha scoperto perché una mutazione proteica causa malattie infiammatorie intestinali.

Pubblicata oggi su Science, la ricerca si è concentrata sulla proteina contenente il dominio di oligomerizzazione legante i nucleotidi noti come NOD 1 e NOD 2 che sono recettori proteici codificati dai geni NOD. Riconoscono i prodotti batterici e spingono il sistema immunitario ad agire rapidamente per combattere le infezioni. Alcune varianti di NOD 1 e NOD 2 causano una mancanza di risposta immunitaria, mentre altre sovrastimolano il sistema immunitario. Le differenze nel gene NOD 2 sono associate a molte malattie, inclusa la malattia infiammatoria intestinale (IBD).

Vedi anche, Risolvere il puzzle delle malattie infiammatorie intestinali.

L’IBD provoca irritazione e ulcerazione di sezioni del tratto gastrointestinale, causando dolore e disagio ai pazienti. Ogni anno, a più di 10.000 canadesi viene diagnosticato questo tipo di disturbo. “Sebbene abbiamo scoperto molte cose sull’impatto delle mutazioni di NOD 1 e NOD 2 sull’IBD, non è stata trovata una ragione soddisfacente per cui alcune varianti causino malattie infiammatorie”, ha affermato il Dott. Greg Fairn, scienziato del Keenan Centro di ricerca per la scienza biomedica di San Michele.

Il team ha iniziato a comprendere il processo molecolare che determina il modo in cui NOD 1 e NOD 2 riconoscono i batteri e in che modo ciò influisce sulla loro capacità di segnalare una risposta immunitaria adeguata. Gli scienziati hanno collaborato per quattro anni per scoprire questa funzione e il Dr. Fairn attribuisce il loro successo a uno sforzo multidisciplinare e multinazionale.

I ricercatori hanno scoperto che la palmitoilazione, il processo mediante il quale gli acidi grassi si attaccano alle proteine ​​per alterare la posizione della proteina all’interno delle cellule, è essenziale per suscitare la segnalazione immunitaria di NOD 1 e NOD 2.

In particolare, i ricercatori hanno identificato un enzima che aiuta l’attacco degli acidi grassi alle proteine, noto come ZDHHC5, come la chiave per sbloccare questo processo che altera la funzione NOD 1 e NOD 2.

“I nostri risultati indicano la potenziale importanza della palmitoilazione: troppo o troppo poco di questo processo può influire sull’infiammazione“, ha detto il Dott. Fairn. “Ora, la domanda è se esiste un potenziale per mettere a punto questo processo per arrivare al trattamento di una varietà di disturbi infiammatori”.

Il team di ricerca multinazionale spera che questo lavoro sia un trampolino di lancio per scoprire di più sulle ragioni molecolari alla base del perché le varianti di queste proteine ​​influiscono sulla salute dell’intestino.

Fonte, Science