Malattia del fegato grasso, svelato un mistero

0
13

I ricercatori del Westmead Institute for Medical Research (WIMR) hanno scoperto come si sviluppa la malattia del fegato grasso nelle persone magre, aiutando lo sviluppo di potenziali trattamenti per questi pazienti.

La malattia – una condizione caratterizzata da un accumulo di grasso nel fegato – colpisce un quarto della popolazione mondiale. Sebbene si sviluppi comunemente nelle persone in sovrappeso e obese, molte persone con un basso indice di massa corporea svilupperanno la malattia e tenderanno ad avere esiti peggiori rispetto ai pazienti obesi.

Il Professor Jacob George, ricercatore co-responsabile dello studio, ha dichiarato: “I casi di malattia del fegato grasso nelle persone magre sono considerati un po’ un mistero, poiché non sappiamo come e perché la malattia si sviluppa e progredisce. Il nostro team di ricerca ha confrontato il metabolismo, i batteri intestinali e i profili genetici dei pazienti con malattia del fegato grasso nelle persone magre e non magre, per determinare i fattori che contribuiscono allo sviluppo e alla progressione della condizione”.

È interessante notare che i pazienti magri con fegato grasso hanno un metabolismo molto distinto rispetto a quelli non magri, il che può spiegare alcune delle differenze che vediamo nella progressione della malattia.

“Rispetto ai pazienti non magri, i pazienti magri avevano livelli più alti di acidi biliari che svolgono un ruolo nella digestione dei grassi e di una proteina chiamata fattore di crescita dei fibroblasti 19 (FGF19).

Vedi anche, Malattia del fegato grasso, l’ aspirina potrebbe rallentare la progressione.

Gli acidi biliari e FGF19 aumentano il dispendio energetico, il che può spiegare perché le persone magre con malattia del fegato grasso rimangono magre. Ciò suggerisce che i pazienti magri con fegato grasso possono avere un profilo “resistente all’obesità” e un migliore adattamento a un consumo eccessivo di calorie.

Il Professore associato Mohammed Eslam, ricercatore co-responsabile ha aggiunto: “È importante sottolineare che il profilo favorevole dei pazienti magri non li ha protetti dall’accumulo di grasso nel fegato. Abbiamo anche identificato cambiamenti in particolari batteri intestinali e nuovi geni che possono influenzare lo sviluppo della malattia del fegato grasso nei pazienti magri. Ad esempio, abbiamo identificato che una variante del gene TM6SF2, precedentemente collegata alla malattia del fegato grasso, è più comune nei pazienti magri”.

Senza trattamento, la malattia del fegato grasso può provocare cicatrici epatiche, cirrosi epatica e, nei casi più gravi, insufficienza epatica.

Il Professore associato Mohammed Eslam ha dichiarato: “I meccanismi di adattamento metabolico nella malattia del fegato grasso nelle persone magre tendono a perdersi nelle fasi avanzate della malattia. Ciò potrebbe spiegare perché questi pazienti hanno esiti peggiori della malattia rispetto alle loro controparti obese”.

“Ora che sappiamo di più sul profilo metabolico e sui processi alla base della malattia del fegato grasso nelle persone magre, possiamo lavorare per trattamenti mirati per questi pazienti”.

Immagine, il primo autore, il Dott. Fei Chen, e il ricercatore associato Mohammed Eslam e il Professor Jacob George. Credito: il Westmead Institute for Medical Research.

Fonte, Hepatology