L’infiammazione durante la gravidanza è legata malattie mentali o problemi di sviluppo del cervello nei bambini

infiammazione

Immagine: Damien Fair, PA-C, Ph.D., OHSU. Credito: OHSU

L’infiammazione è una parte normale della risposta del corpo alle infezioni, allo stress cronico o all’obesità. Nelle donne in gravidanza, tuttavia, si ritiene che un’accentuata infiammazione aumenti il ​​rischio di malattie mentali o problemi di sviluppo del cervello nei bambini.

Uno studio condotto dai ricercatori dell’OHSU di Portland, in Oregon, ha stabilito un legame tra l’ infiammazione nelle  in  e il modo in cui il cervello del neonato è organizzato in reti.

I risultati dello studio, pubblicati oggi su Nature Neuroscience, potrebbero fornire strade promettenti per esplorare trattamenti potenzialmente in grado di modificare questi impatti negativi sulla funzione cerebrale neonatale.

Il gruppo di ricerca, guidato da Damien Fair, Professore associato di neuroscienza comportamentale e psichiatria nella Scuola di Medicina OHSU e Claudia Buss, Professore alla Charité – Universitätsmedizin Berlin e Professore associato presso l’Università della California Irvine, ha raccolto campioni di sangue da 84 donne incinte ad ogni trimestre di gravidanza. I campioni sono stati misurati per i livelli della citochina interleuchina-6, o IL-6, un marker infiammatorio noto per svolgere un ruolo nello sviluppo del cervello fetale .

Quattro settimane dopo la nascita, i modelli di connettività cerebrale della prole sono stati valutati utilizzando la risonanza magnetica funzionale o fMRI. All’età di 2 anni, i bambini sono stati anche testati per le prestazioni di memoria di lavoro, un’abilità chiave che supporta il rendimento accademico ed è frequentemente compromessa nei disturbi della salute mentale.

I dati di madre e figlio mostrano che le differenze nei livelli dei marcatori infiammatori sono direttamente associate alle differenze nella comunicazione del cervello neonatale, e successivamente ai punteggi di memoria di lavoro all’età 2. Livelli più alti del marcatore durante la gravidanza tendevano a ridurre la capacità di memoria di lavoro nel bambino.

“È importante sottolineare che ciò non significa che ogni esposizione all’infiammazione possa avere un impatto negativo sul bambino, tuttavia questi risultati forniscono nuove possibilità di ricerca e possono aiutare gli operatori sanitari a pensare a come e quando l’infiammazione potrebbe avere un impatto sullo sviluppo dell’apprendimento a lungo termine del bambino e la salute mentale “, ha detto Alice Graham,  borsista post-dottorato in neuroscienza comportamentale nella Scuola di Medicina OHSU.

Un aspetto notevole dello studio, secondo Graham, è lo sviluppo di un modello che può stimare accuratamente le informazioni sull’infiammazione materna durante la gravidanza basandosi solo sul funzionamento del cervello neonatale. Creato utilizzando l’intelligenza artificiale conosciuta come apprendimento automatico, il modello si basa sui biomarcatori identificati nello studio e può essere applicato a casi al di fuori del gruppo di ricerca iniziale.

“Ora, abbiamo un approccio che può utilizzare le scansioni cerebrali MRI di un neonato per stimare con precisione i livelli complessivi di infiammazione della madre durante il periodo della gravidanza“, ha detto Graham. “Questa comprensione fornisce alcune informazioni sulla funzione di memoria futura di quel bambino circa due anni dopo, creando una potenziale opportunità di ricerca che circonda l’intervento clinico precoce, se necessario”.

In futuro, Fair crede che la ricerca dovrebbe concentrarsi su come i fattori prima e dopo la nascita – come la società e l’ambiente – interagiscono per influenzare l’impatto sulla funzione cerebrale e la cognizione nei neonati.

“Lo stress aumentato e la cattiva alimentazione influiscono notevolmente sui tassi di infiammazione in tutti gli esseri umani, non solo nelle mamme in attesa”, ha detto il ricercatore. “Altrettanto importante per capire come il sistema immunitario e l’infiammazione influenzano lo sviluppo precoce del cervello, dobbiamo anche capire quali fattori comuni contribuiscono ad aumentare l’infiammazione in modo che possiamo indirizzare le terapie per ridurre i tassi di infiammazione e l’impatto globale sul  via di sviluppo”.

Fonte: Nature

Altri articoli su infiammazione