Le tossine prodotte dalle sigarette elettroniche variano a seconda del gusto

sigarette elettroniche

Il sapore delle sigarette elettroniche può influenzare più delle papille gustative dei consumatori, secondo i ricercatori della Penn State che affermano che le sostanze chimiche che formano diversi sapori producono anche diversi livelli di radicali liberi e tossine spesso associate al cancro e altre malattie.

I ricercatori hanno analizzato i gusti popolari di e-sigaretta e la quantità di radicali liberi che hanno prodotto e hanno scoperto che molte delle sostanze chimiche usate per aromatizzare le sigarette elettroniche aumentavano la produzione di radicali liberi, mentre alcune effettivamente la riducevano.

John Richie, Professore di scienze della salute pubblica e farmacologia della Penn State College of Medicine, afferma che i risultati di questo studio sono un passo importante per saperne di più sui potenziali pericoli delle sigarette elettroniche.

“Quando questi prodotti sono arrivati ​​sul mercato, molte persone sostenevano che erano innocui e che si trattava solo di vapore acqueo”, ha detto Richie. “Sappiamo che non è vero, ma non abbiamo nemmeno i numeri su quanto siano pericolose le sigarette elettroniche, ma ora sappiamo che le sigarette elettroniche producono radicali liberi e la quantità è influenzata dagli aromatizzanti aggiunti”.

I radicali liberi sono molecole instabili che possono causare danni alle cellule sane e sono stati collegati a condizioni come infiammazione, malattie cardiache e cancro.

( Vedi anche:La sigaretta elettronica può alterare i geni collegati alle difese immunitarie delle vie aeree).

Mentre le e-sigarette non emettono fumo, contengono molti prodotti chimici diversi per aromatizzare gli e-liquid, che sono assenti nelle sigarette tradizionali o “combustibili”. I ricercatori hanno detto che anche se gli aromi sono approvati per il consumo, non vengono valutati per sicurezza quando riscaldati.

“Le sigarette elettroniche hanno una bobina per riscaldare il liquido che diventa abbastanza caldo e può aiutare la produzione di radicali liberi”, ha detto Richie. “È importante guardare l’effetto dei sapori su questi livelli di radicali liberi perché le sigarette elettroniche sono disponibili in centinaia di sapori, molti dei quali sono commercializzati anche nella gomma da masticare”.

I ricercatori hanno misurato i radicali liberi prodotti da 50 gusti di una famosa marca di sigarette elettroniche e li hanno confrontati con un e-liquid insapore. Hanno scoperto che circa il 43% degli aromi era associato a livelli significativamente più alti di produzione di radicali liberi, mentre alcuni erano associati a livelli più bassi.

Successivamente, i ricercatori hanno suddiviso i sapori nelle loro singole sostanze chimiche per vedere quali erano associati a livelli più alti di radicali liberi. Zachary Bitzer, studioso post-dottorato, ha affermato che isolare le sostanze chimiche è importante perché i sapori non sono uguali tra i diversi marchi.

“Due diversi produttori possono vendere un e-liquid aromatizzato all’arancia, ma ciascuno di essi potrebbe contenere aromi molto diversi per ottenere quel sapore di arancia”, ha detto Bitzer.

I ricercatori hanno scoperto sei aromatizzanti che hanno aumentato significativamente la produzione di radicali liberi. Questi aromatizzanti includevano linalolo, dipentene e citrale che sono spesso usati per fornire prodotti al gusto di agrumi o note floreali. Inoltre, l’aromatizzante vanillina etilica, spesso utilizzata per le note di vaniglia, ha ridotto del 42% della produzione di radicali liberi.

I risultati di questo studio recentemente pubblicati in Free Radical Biology and Medicine, potrebbero aiutare i consumatori a prendere decisioni migliori sui prodotti che acquistano, così come aiutare i responsabili politici a creare regolamenti sulle sigarette elettroniche in futuro.

“Abbiamo scoperto che molti di questi aromi aumentano i radicali liberi, ma alcuni li riducono, il che solleva la possibilità che forse ci siano cose che puoi aggiungere a questi liquidi che potrebbero ridurre la produzione di radicali liberi e renderli più sicuri”, ha detto Richie. . “Le sigarette elettroniche sono regolate dal Centro per i prodotti del tabacco nella FDA e penso che questi risultati possano essere utili per aiutare a definire le linee guida in termini di regolamentazione di questi prodotti”.

Fonte: EurekAlert

Altri articoli su sigarette elettroniche