La sigaretta elettronica può alterare i geni collegati alle difese immunitarie delle vie aeree

e-sigaretta

Secondo un nuovo studio, la sigaretta elettronica può alterare i geni collegati alle difese immunitarie delle. vie aeree superiori

Quando fumiamo sigarette normali, decine di geni importanti per la difesa immunitaria subiscono alterazioni nelle cellule epiteliali che rivestono le vie respiratorie. Molti di questi cambiamenti possono aumentare il rischio di infezioni batteriche, virus e l’infiammazione. Ora, i ricercatori della UNC School of Medicine riferiscono che il vapore della sigaretta elettronica altera gli stessi geni e centinaia di altri geni che sono importanti per la difesa immunitaria delle vie aeree superiori.

“Sono rimasta davvero sorpresa da questi risultati,” ha detto il Ilona Jaspers, Pr.ssa di pediatria e di microbiologia e immunologia presso la UNC.

La scoperta, pubblicata nel Journal of Physiology, suggerisce che l’inalazione dei liquidi aromatizzati vaporizzati presenti nelle e-sigarette non è senza conseguenze, almeno a livello di espressione genica delle cellule epiteliali, il processo critico con cui i nostri geni danno origine a importanti proteine per varie funzioni nelle cellule.

La scoperta non può ancora essere collegata a effetti sulla salute a lungo termine dell’uso della sigaretta elettronica o al rischio di malattie solitamente associate al fumo di sigaretta normale a lungo termine, come il cancro, enfisema o malattia polmonare ostruttiva cronica (BPCO).

“Onestamente non sappiamo ancora quali effetti a lungo termine la e-sigaretta potrebbe avere sulla salute”, ha detto Jaspers, autore senior della ricerca e Direttrice del programma di studi di tossicologia alla UNC. ” Ho il sospetto che gli effetti della e-sigarette non saranno  gli stessi del fumo di sigaretta”.

Finora, però, le prove suggeriscono che l’uso della sigaretta elettronica a lungo termine, non è innocuo.

Le e-sigarette sono sul mercato negli Stati Uniti dal 2006 e il suo uso è salito alle stelle pochi anni fa. Gli oltre 7.000 gusti disponibili nelle e-sigarette sono stati approvati dalla FDA, anche se questo processo di approvazione è basato sui dati generati dal consumo per via orale e non per inalazione.

Per studiare quali effetti le e-sigarette hanno sui geni che aiutano le nostre vie aeree superiori a combattere gli agenti patogeni potenzialmente dannosi, il laboratorio di Jaspers ha reclutato 13 non fumatori, 14 fumatori e 12 utenti di e-sigarette. Ogni partecipante documentava l’uso della sigaretta o e-sigaretta, su un diario. I ricercatori della University of California a San Francisco e la squadra di Jaspers hanno analizzato le urine dei partecipante e campioni di sangue, per confermare i livelli di nicotina e biomarcatori rilevanti per l’ esposizione al tabacco.

( Vedi anche:E-sigaretta: pericoli noti e sconosciuti).

Dopo circa tre settimane, i ricercatori hanno prelevato campioni dalle cavità nasali di ogni partecipante, per analizzare l’espressione di geni importanti per la risposta immunitaria.

Visivamente e funzionalmente, gli strati epiteliali dalle cavità nasali sono molto simili agli strati epiteliali dei nostri polmoni. Tutte le cellule epiteliali lungo le nostre vie respiratorie, dal naso ai piccoli bronchioli, hanno la funzione di intrappolare particelle e  agenti patogeni che potrebbero causare malattie. Queste cellule epiteliali sono fondamentali per la normale difesa immunitaria. Alcuni geni in queste cellule, devono produrre una corretta quantità di proteine che orchestrano la risposta immunitaria complessiva. E ‘noto da tempo che il fumo di sigaretta modifica questa espressione genica e questo è uno dei motivi che induce i ricercatori a ritenere che i fumatori sono più sensibili ai problemi delle vie respiratorie superiori.

Dalle analisi condotte sui non fumatori, così come sul gruppo di confronto di base, il team ha scoperto che il fumo di sigaretta riduce l’espressione genica di 53 geni importanti per la risposta immunitaria delle cellule epiteliali; l’ utilizzo di e-sigarette riduce l’espressione genica di 358 geni importanti per la difesa immunitaria, tra cui tutti i 53 geni ridotti dal fumo di sigaretta.

“Abbiamo confrontato questi geni uno per uno”, ha detto Jaspers, “e abbiamo scoperto che ogni gene comune ad entrambi i gruppi è più soppresso nel gruppo della e-sigaretta. Al momento non sappiamo esattamente come questo accade”.

Jaspers ha specificato che i risultati del suo laboratorio non significano che fumare le e-sigarette fa male quanto o peggio che fumare sigarette normali

“Penso che sia un errore cercare di confrontare direttamente il fumo di sigaretta e l’uso di e-sigaretta“, ha spiegato Jaspers.

” L’inalazione di tabacco bruciato e l’inalazione di liquidi aromatizzati vaporizzati sono fondamentalmente diversi ed è più probabile che le e-sigarette potrebbero indurre diversi cambiamenti biologici e giocare ruoli diversi in altri problemi respiratori”.

“Sappiamo che malattie come la BPCO, il cancro e l’enfisema di solito impiegano molti anni per svilupparsi nei fumatori”, ha aggiunto Jaspers. ” L’uso delle e-sigarette è recente, quindi non sappiamo ancora quali effetti potranno manifestarsi tra 10 o 15 anni. Siamo all’inizio di catalogazione e osservazione di ciò che può o non può accadere a causa dell’uso della e-sigaretta”.

In futuro, Jaspers studierà come le cellule epiteliali degli utenti di e-sigaretta rispondono ad un vaccino contro l’influenza. “Questo”, ha detto la ricercatrice, ” potrebbe aiutarci a misurare la risposta immunitaria delle cellule epiteliali nei fumatori, non fumatori e utenti di e-sigaretta”.

“Abbiamo appena finito la nostra collezione di campioni”, ha concluso Jaspers. “Vedremo”.

Fonte:UNC Health Care


Altri articoli su e-sigaretta