Verso una definizione biologica del morbo di Alzheimer

alzheimer

La ricerca :”Quadro di ricerca NIA-AA: verso una definizione biologica del morbo di Alzheimer” è stata pubblicata oggi nel numero di aprile del 2018 dell’Alzheimer & Demenza: The Journal of the Alzheimer’s Association.

Il primo autore dello studio, Clifford R. Jack della Mayo Clinic Rochester e colleghi, propongono di spostare la definizione del morbo di Alzheimer dall’attuale, basata su cambiamenti cognitivi e sintomi comportamentali con biomarcatore conferma, ad un costrutto rigorosamente biologico. Questo rappresenta una grande evoluzione nel modo in cui pensiamo all’Alzheimer.

Comprendere e trattare efficacemente la malattia di Alzheimer e altre forme di demenza può essere la sfida più difficile per la comunità medico / scientifica di questo secolo. Il campo ha sperimentato sfide monumentali nello sviluppo di terapie farmacologiche nuove ed efficaci, non ultima la scoperta realizzata in studi clinici in cui fino al 30% dei partecipanti non aveva il cambiamento cerebrale correlato alla malattia di Alzheimer, preso di mira dal farmaco sperimentale.

“Con l’invecchiamento della popolazione globale e il costo crescente delle cure per le persone affette da demenza, sono necessari nuovi metodi per migliorare il processo di sviluppo della terapia e aumentare le probabilità di successo”, ha detto Maria Carrillo, Responsabile scientifico dell’ Alzheimer’s Association e coautore del nuovo articolo. “Questo nuovo quadro di ricerca è un enorme passo nella giusta direzione per la ricerca sull”Alzheimer”.

Secondo gli autori, “Questa evoluzione dei precedenti criteri diagnostici è in linea con la maggior parte delle malattie croniche che sono definite biologicamente, con sintomi clinici come una conseguenza“. Dicono gli autori che “l’obiettivo di gran parte della medicina è identificare e curare le malattie prima dei sintomi evidenti .. Il quadro [NIA-AA Research] è inteso a fornire un percorso verso … studi di prevenzione del morbo di Alzheimer tra le persone che sono clinicamente asintomatiche”.

( Vedi anche:L’ Alzheimer è causato da interruzioni nell’ approvvigionamento energetico del cervello?).

Altre aree della medicina hanno utilizzato questo approccio per definire i processi patologici utilizzando biomarcatori, ad esempio: densità minerale ossea, ipertensione, iperlipidemia e diabete sono definiti dai biomarcatori. Le terapie che affrontano questi biomarcatori hanno dimostrato di ridurre la probabilità di sviluppare fratture, infarti e ictus…

Gli autori, “assumono la posizione secondo cui l’evidenza di biomarker del morbo di Alzheimer indica la presenza della malattia indipendentemente dal fatto che i sintomi siano presenti, proprio come un HbA1C anormale indica la presenza di diabete indipendentemente dal fatto che i sintomi siano presenti”.

Nel 2011, l’Alzheimer’s Association (AA) e il National Institute on Aging (NIA) presso il National Institutes of Health degli Stati Uniti hanno convocato esperti per aggiornare le linee guida diagnostiche per il morbo di Alzheimer. Le pubblicazioni di riferimento definivano tre stadi dell’Alzheimerpreclinici (prima che i sintomi influenzassero la memoria, il pensiero o il comportamento e potessero essere rilevati), lieve danno cognitivo e demenza. Nel riunire nuovamente i leader globali nel 2017 per rivedere i progressi nel campo e aggiornare le linee guida, un profondo cambiamento nel modo di pensare ha definito biologicamente il morbo di Alzheimer, dai cambiamenti patologici del cervello o dai biomarcatori e tratta il danno cognitivo come un sintomo / segno del malattia, piuttosto che la sua definizione.

Secondo il Dr. Jack, una volta convalidato in diverse popolazioni globali, questa nuova definizione creerà un potente strumento per accelerare e migliorare lo sviluppo di terapie per il morbo di Alzheimer.

Gli autori prevedono che la definizione della malattia di Alzheimer come costruzione biologica consentirà una comprensione più accurata della sequenza di eventi che portano al deterioramento cognitivo associato alla malattia, nonché alle molteplici cause della malattia. Ciò consentirà un approccio più preciso alle sperimentazioni terapeutiche, tra cui la messa a fuoco di obiettivi più specifici e l’inclusione delle persone appropriate.

In un editoriale di accompagnamento, Ara S. Khachaturian, redattore esecutivo e redattore di Alzheimer e demenza, dice: “Elogiare lo sforzo all’interno del quadro di ricerca per creare un linguaggio comune che possa portare a nuove idee per la generazione di nuove ipotesi testabili sulla base concettuale del morbo di Alzheimer, rappresenta un linguaggio importante ed essenziale per affrontare la sfida in atto nello sviluppo di modelli più complessi e completi di malattia di Alzheimer … per l’identificazione di nuovi interventi e diagnostica “.

Nel loro “Commento editoriale al “Quadro di ricerca NIA-AA: Verso una definizione biologica della malattia di Alzheimer”, Nina Silverberg,Cerise Elliott,  Laurie Ryan,  Eliezer Masliah , e Richard Hodes della NIA, sottolineano che il Framework – oltre a migliorare la diagnosi precoce e lo sviluppo di nuove terapie – potrebbe potenzialmente “consentire stime più precise di quante persone sono a rischio di Alzheimer, monitorare la risposta alle terapie e  distinguere gli effetti del morbo di Alzheimer da altre patologie simili”.

Nell’articolo, gli autori affermano di “apprezzare la preoccupazione che questo quadro di ricerca basato su biomarcatori abbia il potenziale di essere frainteso e utilizzato impropriamente, pertanto, sottolineiamo: in primo luogo, è prematuro e inappropriato utilizzare questo quadro di ricerca nella pratica medica generale, in secondo luogo, questo quadro di ricerca non dovrebbe essere usato per limitare approcci alternativi a test di ipotesi che non impiegano biomarcatori … la ricerca basata sui biomarcatori non dovrebbe essere considerata un modello per tutte le ricerche sui disturbi cognitivi legati all’età e alla demenza “.

Detto questo, gli autori ritengono che il Framework si applichi all’intera comunità di ricerca sulla malattia di Alzheimer. Nella stesura del documento “siamo stati attenti a includere … rappresentanti dell’Industria e della Food and Drug Administration oltre a organizzazioni governative e non governative. Infine, il Framework è stato esaminato insieme a numerose parti interessate in diversi incontri e pubblicato per mesi per un commento pubblico”.

“Si chiama  “quadro di ricerca” perché deve essere esaminato approfonditamente – e modificato, se necessario – prima di essere adottato nella pratica clinica generale”, ha detto il Dr. Jack. “È importante sottolineare che questo quadro dovrebbe essere esaminato in diverse popolazioni”.

Gli autori riconoscono che l’attuale forma del NIA-AA Research Framework è progettata attorno alla sola tecnologia dei biomarcatori attualmente disponibile. Sottolineano che lo schema di biomarker proposto è espandibile per incorporare nuovi biomarcatori, man mano che vengono sviluppati e verificati.

Fonte: EurekAlert

Altri articoli su alzheimer