Le cellule CAR-T utilizzate per colpire il glioblastoma

glioblastoma

Un team di ricercatori del Massachusetts General Hospital ha escogitato un modo per rendere l’immunoterapia più efficace in una forma mortale e comune di cancro al cervello chiamata glioblastoma.

L’ immunoterapia è la nuova arma contro i tumori ed è alla base della ricerca esistente.

Lo studio è stato pubblicato nell’ultimo numero della rivista Nature Biotechnology.

Il team di ricercatori ha spiegato che uno dei metodi di immunoterapia del cancro è chiamato “terapia con cellule T del recettore dell’antigene chimerico (CAR T)”. La terapia CAR-T in genere consiste nel raccogliere le cellule immunitarie o le cellule T dal paziente e modificarle geneticamente  in laboratorio per far loro riconoscere i target specifici dell’antigene presenti sulle cellule tumorali. Queste cellule T geneticamente modificate sono equipaggiate per riconoscere e uccidere le cellule tumorali e risparmiare le cellule normali e sane del corpo. Vengono quindi iniettate nuovamente nel corpo del paziente. Attualmente la Food and Drugs Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato le cellule CAR-T per il trattamento del linfoma non-Hodgkin (NHL) e della leucemia linfoblastica acuta (ALL). Questi tumori sono rispettivamente del sistema linfatico e del sangue.

Il team ha spiegato che i tumori solidi sono difficili da trattare con questo metodo di immunoterapia che quindi non è mai stato provato per questa finalità. Tumori solidi come i glioblastomi sono anche difficili da trattare con la chemioterapia convenzionale perché le grandi molecole di farmaci raramente attraversano la barriera emato-encefalica. L’autore senior dello studio  Marcela V. Maus, Direttore dell’immunoterapia cellulare presso il MGH Cancer Center e un assistente Professore di medicina presso la Harvard Medical School (HMS), hanno spiegato che l’immunoterapia per il glioblastoma è una sfida.

Maus ha dichiarato: “In precedenza avevamo prodotto cellule CAR T per il glioblastoma e una delle sfide del glioblastoma è che non tutte le cellule tumorali esprimono l’obiettivo che una cellula T può raggiungere”. Il team ha puntato alla variante del recettore del fattore di crescita epidermico III (EGFRvIII), che è una proteina mutata che provoca tumori ed è presente su molti, ma non su tutti i glioblastomi. Il team ha utilizzato le cellule CAR-T per colpire un altro tipo di EGFR che è stato trovato in tutti i glioblastomi. Il team ha spiegato che prendere di mira questo EGFR è stata un’altra sfida perché si trova anche in altre cellule sane del corpo. Questo problema è stato superato consegnando le cellule CAR-T geneticamente modificate nel liquido cerebrospinale alla base del cervello.

Vedi anche, Nuove strategie per rallentare la crescita del glioblastoma.


Altri articoli su glioblastoma