Nuove strategie per rallentare la crescita del glioblastoma

glioblastoma

I ricercatori sperano che possano emergere nuove strategie per rallentare la crescita e la ricorrenza del più comune tumore cerebrale primario negli adulti, il glioblastoma, sulla base dei risultati di uno studio pubblicato oggi dalla rivista Cancer Research.

Le ricerche condotte dall’Ospedale di San Michele di Toronto e dall’Ospedale SickKids, suggeriscono che la proteina ID1 è fondamentale per l’inizio dello sviluppo e la crescita del tumore e influisce anche sulla risposta della malattia alla chemioterapia. ID1 è una proteina che impedisce ad altri geni di essere attivati ​​o repressi legandosi ai loro attivatori o inibitori. In questo lavoro, gli scienziati hanno scoperto che ID1 aiuta a mantenere le cellule staminali cancerose nel glioblastoma, rendendole meno sensibili al trattamento.

“Per anni si è ipotizzato che le cellule staminali del cancro siano una piccola popolazione critica all’interno del tumore, perché mediano la resistenza del cancro al trattamento. Abbiamo trovato prove di questa ipotesi”, dice il Dr. Sunit Das, uno scienziato del Centro di ricerca Keenan di San Michele per la scienza biomedica e del Centro di ricerca sul tumore cerebrale Arthur and Sonia Labatt al SickKids

I ricercatori hanno scoperto che quando hanno “spento” la proteina ID1 in modelli di laboratorio e cellule umane usando la tecnologia CRISPR o un farmaco che viene tradizionalmente usato per curare la psicosi e la sindrome di Tourette – il pimozide – i glioblastoma hanno rallentato la loro crescita. Il team ha anche scoperto che spegnere completamente la proteina ​​ha aiutato i tumori a diventare meno resistenti alla chemioterapia.

Vedi anche, Come e perchè i macrofagi nutrono il glioblastoma invece di attaccarlo.

Il glioblastoma è una forma aggressiva di cancro al cervello, che rappresenta il 15 per cento di tutti i tumori cerebrali primari ed è spesso difficile da trattare. La terapia generalmente comporta la combinazione di diversi approcci per controllare la malattia, ma attualmente non esiste una cura. 


Altri articoli su glioblastoma