HomeSaluteInvecchiamento: farmaco prolunga la vita dei moscerini

Invecchiamento: farmaco prolunga la vita dei moscerini

Invecchiamento: i ricercatori hanno scoperto che un farmaco contro il cancro chiamato Tremetinib prolunga la vita dei moscerini e potrebbe essere usato anche dagli esseri umani.

Utilizzando un farmaco antitumorale chiamato Trametinib, i biologi hanno prolungato l’aspettativa di vita dei moscerini della frutta di circa il dodici percento. I ricercatori ritengono che la sostanza potrebbe essere utilizzata per sviluppare futuri farmaci anti-invecchiamento per estendere l’aspettativa di vita negli esseri umani.

Gli esseri umani, i lieviti e i moscerini della frutta hanno cominciato a evolversi separatamente milioni di anni fa. Tuttavia, i processi cellulari che regolano la divisione e la morte cellulare – e quindi il meccanismo dell’invecchiamento – sono tutti simili. Gli scienziati del Max Planck Institute for Biology of Aging di Colonia e dell’University College di Londra sono ora riusciti a controllare questo meccanismo, allungando così l’aspettativa di vita nei moscerini della frutta di circa il dodici percento. Hanno raggiunto questo obiettivo con l’aiuto di un farmaco antitumorale chiamato TrametinibLe cellule umane contengono gli stessi interruttori molecolari che Trametinib prende di mira nei moscerini della frutta. È quindi ipotizzabile che la sostanza possa essere utilizzata per sviluppare futuri farmaci anti-invecchiamento per estendere l’aspettativa di vita negli esseri umani.

- Advertisement -

Per garantire una vita lunga e sana agli esseri umani, i ricercatori devono comprendere più precisamente il processo di invecchiamento a livello cellulare. Uno studio scientifico ha ora dimostrato come le proteine ​​Ras possono essere manipolate per prolungare la durata della vita degli animali. Le proteine ​​Ras giocano un ruolo chiave nella regolazione dei processi cellulari. Come interruttori molecolari all’interno della rete di segnalazione cellulare, controllano funzioni vitali come la divisione cellulare, la morte cellulare, la specializzazione e il metabolismo. Regolano questi processi intracellulari tramite la via di segnale Ras-Erk-ETS. Questa rete si è conservata nel corso di centinaia di milioni di anni di evoluzione ed è presente negli organismi unicellulari come i lieviti, negli insetti come il moscerino della frutta (Drosophila), così come nei mammiferi come i topi e l’uomo.

Era già noto che l’inibizione di questa via di segnale può prolungare l’aspettativa di vita delle cellule di lievito. Tuttavia, per raggiungere questo obiettivo, gli scienziati avevano finora manipolato direttamente il DNA per disattivare i singoli geni e con essi la via di segnale Ras. Tuttavia, non era nota alcuna sostanza che potesse rallentare il processo di invecchiamento in questa interfaccia. Il lavoro recente del gruppo di ricerca ha ora colmato questa lacuna.

Vedi anche:Cancro e chemioterapia accelerano l’invecchiamento

Gli scienziati hanno approfittato del fatto che la via del segnale Ras-Erk-ETS è stata oggetto di ricerche approfondite nel contesto del trattamento del cancro. Questo perché l’iperattivazione di Ras è cancerogena: in circa un terzo dei malati di cancro, le proteine ​​Ras delle cellule tumorali sono mutate, con conseguente divisione cellulare incontrollata. Molti ricercatori sul cancro si sono quindi concentrati su questa via di segnale e sono già stati sviluppati i primi farmaci per interferire con la segnalazione di Ras al fine di controllare la crescita cancerosa. Questo perché l’iperattivazione di Ras è cancerogena: in circa un terzo dei malati di cancro, le proteine ​​Ras delle cellule tumorali sono mutate, con conseguente divisione cellulare incontrollata. Molti ricercatori si sono quindi concentrati su questa via di segnale e sono già stati sviluppati i primi farmaci per interferire con la segnalazione di Ras al fine di controllare la crescita cancerosa.

- Advertisement -

I ricercatori hanno somministrato una di queste sostanze, Trametinib, ai moscerini della frutta sotto forma di additivo alimentareAnche una piccola dose, che è approssimativamente equivalente a una dose giornaliera del farmaco in un paziente umano, ha aumentato l’aspettativa di vita media dei moscerini della frutta dell’otto percento. Con una dose moderata, le mosche vivevano in media il dodici percento in più.

Qualsiasi farmaco adatto ad applicazioni antietà deve essere efficace anche se somministrato in una fase avanzata della vita. Gli scienziati hanno dimostrato con successo questa proprietà. In un sottostudio, hanno somministrato la sostanza per la prima volta ad una Drosophila di 30 giorni, un’età matura per questa specie. A questo punto è cessata la deposizione delle uova, cioè la fase fertile degli insetti. Anche quando una dose moderata della sostanza è stata somministrata alle mosche a questo punto della loro vita, ha comunque aumentato la loro aspettativa di vita media del sette percento. I ricercatori non hanno osservato effetti negativi sul sistema digestivo degli insetti o sull’assunzione di cibo.

“I nostri risultati indicano quali classi di sostanze potrebbero essere utilizzate per rallentare il processo di invecchiamento negli esseri umani”, spiega Nazif Alic dell’University College di Londra. Il percorso del segnale Ras-Erk-ETS potrebbe fungere da bersaglio per quelle sostanze. L’obiettivo ora è quello di indagare più da vicino questo percors. “Lo studio suggerisce che l’inibizione di questa via dI segnale ha effetti positivi sulla longevità e sulla mortalità“, afferma Cathy Slack, ricercatrice presso l’University College di Londra e presso il Max Planck Institute for Biology of Aging. Slack sottolinea che Trametinib è stato approvato dalla FDA come farmaco per il trattamento del cancro della pelle ed è quindi già in uso clinico.

Nei mammiferi, Ras agisce come mediatore per la via di segnale insulina/IGF-1, che modula l’aspettativa di vita. L’attivazione di Ras ha effetti su entrambe le vie di segnale PI3/Akt ed Erk/Mapk. Fino ad ora, si presumeva che il ramo PI3/Akt fosse principalmente responsabile della modulazione della durata della vita. I risultati mostrano, tuttavia, che anche la filiale di Erk è importante in questo senso. Due fattori di trascrizione controllati da Ras-Erk sembrano essere mediatori chiave di questi effetti: Pnt, un attivatore dell’espressione genica e Aop, un repressore. Sembra quindi probabile che l’aspettativa di vita possa essere regolata tramite entrambi i rami della via di segnale.

Fonte:Cell

ULTIMI ARTICOLI

Invecchiamento: farmaco prolunga la vita dei moscerini

Invecchiamento: i ricercatori hanno scoperto che un farmaco contro il cancro chiamato Tremetinib prolunga la vita dei moscerini e potrebbe essere usato anche dagli...

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...